NEWS

Definiti ecotassa ed ecobonus per l’acquisto dell’auto

18 dicembre 2018

Si paga a partire da 161 g/km di CO2 e l’incentivo è riservato alle auto con emissioni di 70 g/km o inferiori.

Definiti ecotassa ed ecobonus per l’acquisto dell’auto

ACCOLTA LA PROPOSTA E_MOB - Dopo le molte critiche ricevute, il Governo modifica il provvedimento che introduce in sistema di tasse e incentivi previsto per l’acquisto di auto nuove. La formulazione attuale dovrebbe essere quella definitiva in quanto inserita nella Legge di Bilancio che deve essere approvata in tempi ristretti dalle camere, tempistica che non consentirebbe di apportare ulteriori modifiche alla norma. Le nuove regole, che  entrano in vigore da marzo 2019, recepiscono in parte la proposta di e_mob, il coordinamento di istituzioni, aziende e associazioni attive nel promuovere la mobilità elettrica che ha diramato pure i dettagli del provvedimento. Le novità principali riguardano i limiti per fare scattare il “malus” e il “bonus” e l’introduzione parziale della rottamazione.

SI PAGA A PARTIRE DA 161 GRAMMI - Il limite che introduce la sovratassa all’acquisto sale dai 110 g/km di CO2 della proposta originaria agli attuali 161 g/km. Un innalzamento voluto per escludere dal pagamento della tassa le vetture più piccole, come city car, utilitarie e compatte, ma anche modelli di categoria superiore. Di fatto, rimangono soltanto quattro fasce contro le nove precedenti e si riducono gli importi previsti, con il più basso (161-175 g/km) limitato a 1.100 euro (prima era 1.500 euro) e il più alto (oltre 250 g/km) a 2.500 euro (prima 3.000 euro). Nel mezzo, come da tabella riportata sotto, ci sono altre due fasce con tasse per l’acquisto di 1.600 e 2.000 euro. I valori di CO2 sono quelli riportati nella carta di circolazione della vettura, e il ciclo di omologazione di riferimento è il nuovo WLTP, divenuto obbligatorio dallo scorso settembre, ma convertito con un algoritmo fornito dall'Ue che lo rende paragonabile al ciclo precedente, ossia il ciclo NEDC.

TASSA

Emissioni CO2 (g/km)*

Tassa (euro)

161-175

1.100

176-200

1.600

201-250

2.000

Oltre 250

2.500

*valori secondo il ciclo di prova WLTP convertito in NEDC


> VEDI LE AUTO CHE PAGANO LA TASSA

BONUS SOLO PER ELETTRICHE E IBRIDE - Sul fronte bonus sparisce la fascia compresa tra 70 e 90 grammi di CO2, lasciando, di fatto, gli incentivi alle sole vetture elettriche e ibride plug-in. Rimangono invariate le altre due fasce, quelle da 0 a 20 g/km e quella da 21 a 70 g/km, ma con l’introduzione della rottamazione, non obbligatoria, ma utile per innalzare il contributo statale. Per i modelli con emissioni inferiori a 20 g/km l’agevolazione rimane di 6.000 euro, ma soltanto se con rottamazione di una vettura con omologazione Euro 4 o inferiore. In assenza, l’incentivo è limitato a 4.000 euro. Stessa distinzione per i modelli con emissioni comprese tra 21 e 70 g/km che possono contare su uno “sconto” statale di 2.500 euro, riducibile a 1.500 senza rottamazione. Altra importante novità riguarda l’applicazione di un tetto massimo del prezzo della vettura oltre il quale il contributo non viene erogato. Il limite fissato è di 45.000 euro Iva esclusa (54.900 Iva inclusa). I fondi destinati all'ecobonus sono di 60 milioni per il 2019 e di 70 milioni per ciascuno dei due anni successivi.

INCENTIVO

Emissioni CO2 (g/km)*

Con rottamazione (euro)

Senza rottamazione (euro)

0-20

6.000

4.000

21-70

2.500

1.500

*valori secondo il ciclo di prova WLTP convertito in NEDC


> VEDI LE AUTO CHE POSSONO RICHIEDERE L'ECOBONUS

AGEVOLAZIONI PER LE WALL BOX - Con il nuovo provvedimento entra pure un’agevolazione per l’installazione di wall box domestiche o di colonnine condominiali per la ricarica privata. Il contributo è elargito sotto forma di detrazione d’imposta lorda del 50% delle spese sostenute per l’infrastruttura di ricarica e/o per modificare l’impianto elettrico con potenza addizionale fino a 7 kW. L’agevolazione non può superare i 3000 euro complessivi ed è valida per opere effettuate dal 1 marzo 2019 al 31 dicembre 2021 e fino all’esaurimento delle risorse.





Aggiungi un commento
Ritratto di Micaleo
19 dicembre 2018 - 07:24
Se considerano solo il livello di CO2 privilegiano le diesel, visto che queste emettono meno co2 di un benzina. Ad esempio chi acquista una ford smax 1.6 benzina paga la tassa perché l'auto emette 169 g/km di co2 mentre chi acquista il 2.0 tdci non paga la tassa perché l'auto emette meno di 140 g/km di co2,ma presto ne vieteranno la circolazione. Quale scelgo? Pago e giro o non pago e non giro... io la vedo così e meno male che non dovevano mettere tasse.
Ritratto di deutsch
19 dicembre 2018 - 09:38
4
compra la 1.6 benzina a km zero e risolvi il problema . ahaha
Ritratto di treassi
19 dicembre 2018 - 09:45
La SMAX sfora perché innanzitutto è una 1.5 cc 3 cilindri enorme e pesante e poi hanno dovuto pompata a 165 cavalli col turbo... Se metti un motore sbagliato è la logica conseguenza....
Ritratto di Jim_Morrison
19 dicembre 2018 - 08:31
Ma alla tassa bisogna aggiungere l'iva? Che paese di m.....
Ritratto di deutsch
19 dicembre 2018 - 11:15
4
ma doe lo hai letto che si aggiunge l'iva alle tassa???
Ritratto di ForzaItalia
20 dicembre 2018 - 09:58
Da quando le tasse sono da ivare scusa???
Ritratto di treassi
19 dicembre 2018 - 08:56
Facendo un riassunto, praticamente un provvedimento che non serve a nulla. Tutti staranno attenti a scegliere un benzina o un diesel che non sia tassato e nessuno comprerà una elettrica o plug in visto che costano quelle più interessanti costano più di 45000 euro.
Ritratto di deutsch
19 dicembre 2018 - 09:40
4
il limite è 54900 non 45000. ci sono tante alternative sotto quella soglia. anche io ho dei dubbi sulla soglia economica perchè ogni plugin vendura è una macchiana a carburante in meno che gira
Ritratto di treassi
19 dicembre 2018 - 10:04
Mmmm.... Si parla di limite fissato a 45.000 euro senza Iva quindi escluse tasse...
Ritratto di NeroneLanzi
19 dicembre 2018 - 10:18
Appunto, ivato è 54.900. Hanno escluso le varie Jaguar, Tesla, Porsche. Ma tra elettriche e ibride ne trovi sotto quella soglia. Per buonsenso e per coerenza non potevano fare la faccia dura con “i suv e i macchinoni di lusso” e poi regalare soldi ai clienti di macchine da 100-150-200 k€
Pagine