NEWS

Dieselgate: in Germania 1 miliardo di multa alla Volkswagen

13 giugno 2018

La magistratura ha inflitto la pesante multa al gruppo VW per la mancata sorveglianza nelle attività di misurazione delle emissioni.

Dieselgate: in Germania 1 miliardo di multa alla Volkswagen

MANCANZA DI SORVEGLIANZA - Dopo le pesanti sanzioni economiche subite negli Stati Uniti, per il gruppo Volkswagen arrivano ora quelle inflitte dalle autorità tedesche. A quasi tre anni dall’esplodere dello scandalo dei dispositivi illegali nei motori per manipolare i reali valori delle emissioni, la magistratura tedesca ha deciso di sanzionare la Volkswagen per un miliardo di euro. La casa ha fatto sapere che non presenterà ricorso contro il provvedimento, riconfermando la sua ammissione di colpa. Il provvedimento sanzionatorio è stato deciso dalla Procura generale di Brunswick, cioè la sede competente per la vicenda Dieselgate, dato che la sua giurisdizione è il land della Bassa Sassonia, dove si trova Wolfsburg, sede della Volkswagen. La motivazione della multa parla di “venir meno all’obbligo di sorveglianza” nelle attività di rilevamento delle emissioni. Questo nei confronti della società nel suo insieme, indipendentemente dalle responsabilità personali di manager e responsabili tecnici.

10,7 MILIONI DI AUTO IRREGOLARI - In pratica i magistrati inquirente, al termine della lunga indagine aperta dopo l’esplosione dello scandalo, rimproverano al gruppo Volkswagen di aver messo in commercio, tra il 2007 e il 2015, 10,7 milioni di veicoli mossi da motori EA288 (negli Stati Uniti e in Canada), e EA189 (nel monto intero) equipaggiati con “un software non autorizzato”. Nel dichiarare di accettare la sanzione che provvederà a pagare, la Volkswagen ha anche espresso l’auspicio che ciò consenta di voltar pagina in tutta la vicenda. “Volkswagen parte dal principio che la fine di questa vicenda avrà anche importanti effetti positivi su altri procedimenti in atto in Europa contro il gruppo” ha scritto il gruppo stesso.

UN CONTO SEMPRE PIÙ SALATO - Finora l’ammontare delle sanzioni inflitte alla casa a causa del Dieselgate era stimato in 25 miliardi di euro. Ora si aggiunge questo altro miliardo mentre restano in sospeso altri procedimenti aperti. In Germania, in particolare, c’è quello relativo alle accuse di manipolazione dei mercati, per le conseguenze che il comportamento dei vertici del gruppo (hanno negato fino all’ultimo) ha avuto sull’andamento borsistico dei titoli Volkswagen facendo perdere forti somme agli azionisti.



Aggiungi un commento
Ritratto di Porsche
14 giugno 2018 - 11:08
dice cose folli. Surplus è fatto FUORI DALLA UE. E poi nessun altro lo fa, quindi non si capisce di che regole vengono imposte a chi. Lo sforamento del surplus è la solita panzana leghista dei quattro dementi ecnomici che fan solo danni all'italia.
Ritratto di Porsche
14 giugno 2018 - 11:04
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di Porsche
14 giugno 2018 - 11:05
surplus che lei non rispetta e gli altri si ? Ma stai bene ?
Ritratto di Gifanphoto
14 giugno 2018 - 14:40
Grazie Rikolas, per averlo detto così chiaramente! Da poco dopo la nascita dell'Europa, vado parlando del "4° Reich" (che per chi non lo sapesse, vuol dire Impero), quello economico-finanziario, ch'è servito per stabilizzare ed aumentare esponenzialmente, le enormi ricchezze della Germania! Ad oggi, dopo gli Stati Uniti, è la nazione che possiede la maggiore quantità di lingotti d'oro all'interno delle sue banche (si parla di alcuni miliardi di pezzi)! Tra le altre azioni riuscite in questo intento, i tedeschi hanno fatto del nostro paese la loro maggiore fonte di arricchimento. Cominciando dalle moto (Ducati ad esempio, un vanto italiano, è oggi un acquisto tedesco) alle auto ( Lamborghini altro vanto italiano, è ormai tedesca), solo per parlare dei nomi più conosciuti e altisonanti tra le masse ma, ci sarebbe da riempire un elenco telefonico, con tutto ciò che si sono comperati dell'Italia migliore in ogni settore dell'eccellenza! La reazione italiana avrebbe dovuto già da tempo insorgere ma, purtroppo i più sembrano essere sordi al coro anti tedesco crescente. Il pensiero di dover rinunciare alla propria bmv, audi o mercedes che sia, vince sulla italianità, sulla capacità di vedere in modo chiaro dove stia andando a parare il nostro paese. Basti pensare (senza voler uscire dal tema) che, solamente appena qualche giorno dopo l'insediamento del nuovo governo, quando finalmente questo ha voluto opporsi a quanto succede in Europa sulla questione migranti, già la nostra sinistra (che non dimentichiamo è responsabile con Prodi del macroscopico, per non dire concordato, errore di valutazione della lira nell'ingresso in Europa), è tornata al terrorismo elettorale confermando la sudditanza tedesco-europea e sventolando il rischio di restare isolati in Europa, per colpa del nostro "governo populista e di destra"! Quando la maggior parte dei paesi con forte debito (tra i quali l'Italia), metterà l'Europa in condizioni di dover intervenire economicamente, la Bundesbank (la Banca centrale della Repubblica Federale di Germania) potrebbe essere costretta a mettere mano ai capitali tedeschi per salvare la BCE ed impedirne il tracollo! Questo sarà il momento che, partendo proprio dalla Germania, questa manderà a farsi benedire l'Europa, salvaguardando i capitali messi da parte in questi anni di ruberie e impoverimento di tutti i paesi dell'euro! Eppure, la lezione, dovremmo averla già letta attraverso l'Inghilterra che, anzitutto non ha accettato di cambiare moneta che avrebbe favorito lo "scioglimento" della sterlina. Successivamente, visto l'atteggiamento e l'andamento europeo filo germanico, ha pensato molto bene di dare Forfait! Gli italiano dovrebbero ben riflettere sul come reagire e cosa ogni giorno comporta acquistare beni e prodotti della Germania, in ogni forma e sostanza! I tedeschi non sono mai stati amici dell'Italia, ne hanno sempre temuto le capacità creative e industriali! Ne dell'Inghilterra, frontaliera, da sempre non piegabile. Neppure della Francia che, mostrandosi adesso prona e servile nei confronti della Germania, spera che quando resteranno pochi "bocconi", essa potrà essere invitata all'ultimo pasto! Potrebbe darsi che, attraverso la Ferrari (non acquistabile grazie al tempestivo ingresso di Marchionne), con il Mondiale di F1, si possa dare finalmente la giusta risposta ai tedeschi delle nostre intenzioni future, senza sudditanze e schiene di gomma!
Ritratto di Porsche
14 giugno 2018 - 14:43
te lo dico con affetto, voi non state bene. Voi populisti state distruggendo l'italia. Poveri noi, che tristezza che fate.
Ritratto di Gifanphoto
14 giugno 2018 - 16:05
"Porsche", ti ringrazio del gesto "affettuoso" ma, invece di turbarti, quanto ho scritto dovrebbe farti riflettere. Mai nessuno ha la ragione assoluta ma, alcune cose dopo le verifiche, devono comunque servire per aprirsi a vedute differenti. In ogni caso, io ho rispetto per la tecnologia tedesca che da sempre rappresenta spesso il vertice e se il paese non seguisse con tutta la volontà, il perseguimento di alcune sue peculiari caratteristiche, sarebbe certo un paese migliore. Come migliore è la sua gente che viene in vacanza in Italia e che l'ama. Questo sia pure di poco, media il pensiero negativo che ho della sua politica in generale. Ma come dimostri anche tu, usando l'aggettivo che hai applicato a me, in senso negativo, non hai approfondito il significato letterale del termine. Infatti in questi tempi abusato e affibbiato come un dispregiativo è in realtà il contrario! Comunque ti ringrazio dell'attenzione e auspico che tu allarghi le tue vedute oltre l'auto che rappresenti e che anche io pariteticamente adoro ma, che non cambia ciò che vedo nella via teutonico-europea intrapresa!
Ritratto di Porsche
14 giugno 2018 - 16:08
purtroppo il popolo italiano è accecato da odio perchè non riesce a fare i conti con se stesso. L'incompetenza dei "due capi governo" italiani ne sono l'emblema. Gente che non ha mai lavorato un giorno mantenuti da decenni dallo stato... c'è poco da fare, se non si parte dalla meritrocrazia questo paese sprofonda. La germania, la UE, non c'entrano una cippa con i casini che abbiamo in italia, mi dispiace ma siete completamente fuori strada. E difatti sono tutte menzogne grillo-leghiste facilmente smontabili.
Ritratto di Mark R
15 giugno 2018 - 20:51
L'Italia ha commesso l'errore di entrare nell'euro... tutto grazie ai comusti.... Avere una moneta propria significa indipendenza; ora dobbiamo sottostare alle regole dettate dall'UE... regole che avvantaggiano la Germania è un dato di fatto.
Ritratto di bear666
14 giugno 2018 - 18:48
Menyte altri argomentano,tu scrivi solo che sono idiozie.oltre questo non hai nulla da aggiungere?
Ritratto di Gifanphoto
15 giugno 2018 - 15:20
Ciao bear666, credo tu abbia capito che non serve rispondere altro a costui… Non è costruttivo, non converte nessun argomento in una direzione utile e ti porta verso un atteggiamento che esula dalla pacifica dissertazione! Per questo e per la decisa inconsistenza dei suoi argomenti, ho chiuso ogni seguito. Cordiali saluti.
Pagine