NEWS

La Dodge aggiorna le Charger e Challenger

2 luglio 2018

Per la berlina Charger novità alle sospensioni e allo stile, ma è la coupé Challenger a ricevere il "pezzo" forte: è la versione Redeye da 808 CV.

La Dodge aggiorna le Charger e Challenger

CAMBIA "SOTTO" - Se dall'esterno appaiono quasi invariate, la berlina Dodge Charger e la coupé Dodge Challenger edizione 2019 cambiano "sottopelle" e diventano ancora più grintose e prestazionali. Fra le novità della Dodge Charger "model year 2019" ci sono ad esempio un nuovo cofano anteriore e uno spoiler posteriore rivisto sulle più tranquille versioni GT e R/T, ora dotate anche delle sospensioni posteriori sportive, mentre la più grintosa Hellcat viene migliorata con l'aggiunta di un nuovo sistema per il raffreddamento del sistema di sovralimentazione (lavora anche a motore spento), del sistema Launch Assist per evitare gli slittamenti delle ruote nelle partenze lanciate e di quello Line Block, che fa sgommare da fermo le ruote posteriori senza affaticare la meccanica. I motori sono il V6 3.6 (296 CV e 304 CV) ed i V8 da 5.7 e 6.2 litri, che erogano 375 CV o 492 CV sulla R/T e addirittura 717 CV sulla Hellcat.


Nelle foto qui sopra la Dodge Challenger SRT Hellcat Redeye Widebody.

NORMALE O ALLARGATA - Anche la coupé Dodge Challenger riceve modifiche simili a quelle introdotte per la Charger, a partire dal cofano anteriore rivisto, dalle sospensioni posteriori sportive e dallo sterzo migliorato. Debuttano inoltre nuove ruote di 20" e inedite palette al volante (sulle versioni con il cambio automatico). Gli allestimenti in questo caso sono il  "base" SXT, il GT (entrambi con motori a 6 cilindri) e l'R/T, ordinabile anche con un kit per allargare la carrozzeria (di quasi 9 cm) e migliorare di conseguenza l'aderenza al suolo nelle accelerazioni e nelle frenate più decise: si chiama Widebody e prevede inoltre sospensioni riviste, pneumatici maggiorati e un'ala posteriore più generosa. I motori sono il V6 3.6 da 309 CV e il V8 aspirato 5.7, nelle varianti da 375 CV della Challenger R/T e 492 CV della R/T Scat Pack, che include nell'equipaggiamento anche anche il Launch Control e il sistema per selezionare le modalità di guida.


Nella foto la Dodge Charger SRT Hellcat.

ARRIVA LA REDEYE - La Dodge, che fa parte del gruppo FCA, si è concentrata anche sulla sportivissima versione Challenger Hellcat, con il V8 6.2 sovralimentato da 727 CV (10 in più), ordinabile sempre con il cambio manuale a 6 rapporti o automatico a 8 e una dotazione molto ricca: compresi nel prezzo ci sono le sospensioni adattive, l'impianto frenante maggiorato, un sistema di raffreddamento potenziato e il Torque Reserve, un sistema attivo a partire da 950 giri che assicura riprese fulminee anche se la velocità è molto bassa. La Dodge parla di un tempo di soli 11,2 secondi per l'accelerazione sui 400 metri con partenza da fermo, che diventano 10,9 secondi con il kit Widebody. Dal 2019 è basata sulla Dodge Challenger Hellcat una versione ancora più potente ed estrema, la Challenger Redeye, che di CV ne ha ben 808 e sfrutta un compressore volumetrico maggiorato e un nuovo impianto di iniezione della benzina. Il limitatore è stato portato da 6.200 a 6.500 giri. In questo caso bastano 11,1 e 10,8 secondi per l'accelerazione sui 400 metri, per una velocità massima di 327 km/h.

Dodge Charger
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
29
7
1
0
1
VOTO MEDIO
4,7
4.657895
38
Aggiungi un commento
Ritratto di studio75
2 luglio 2018 - 16:37
5
Anche senza dazi, ci pensa il nostro superbollo a tenere lontano questi mostri. bellissima la Challenger
Ritratto di mika69
2 luglio 2018 - 16:50
Preferirei la Charger a qualsiasi supersportiva europea, QUALSIASI...Solo una 911 Turbo mi farebbe tentennare... peccato gli interni veramente troppo convenzionali per un'auto di questo tipo.
Ritratto di tramsi
2 luglio 2018 - 22:57
Hai ascoltato il suono della 812? Non conosco melodia (meccanica) più sublime.
Ritratto di tramsi
2 luglio 2018 - 22:57
https://www.youtube.com/watch?v=OoIa253WD7s
Ritratto di mika69
3 luglio 2018 - 10:05
Non lo metto in dubbio.... però il fascino di queste americane è insuperabile.
Ritratto di Angi0203
3 luglio 2018 - 14:43
l'ultima Viper SRT, quella si che ... https://www.youtube.com/watch?v=9qWYJQClIyY Il problema è, che per la maggior parte di "noi", che in ogni caso non raggiungiamo mai (volutamente) il limite delle vetture, quello che conta è il nome.
Ritratto di Fr4ncesco
2 luglio 2018 - 17:04
La Redeye è praticamente la versione di serie della Demon in versione limitata e, mamma mia, che prestazioni allucinanti! Mi accontenterei anche di una R/T Scat Pack col "super bee" in versione widebody (già disponibile). Che fascinosa la Charger, enorme, potentissima, vecchia scuola con uno stile muscoloso e sportivo tipicamente USA e senza tempo, a prezzi papabili dal ceto medio americano. Adoro la Dodge, un marchio specializzato in muscle car, il cui business core è soddisfare i petrolhead del settore (e non solo), con potenziamenti su potenziamenti, cataloghi di personalizzazioni tecniche ed estetiche e numerosi eventi. La Harley Davidson delle auto!
Ritratto di Giuliopedrali
2 luglio 2018 - 19:35
Preferisco la Charger che come berlina è notevole. La Challenger alla fine era una fig.ata nel 70, oggi mi sembra un po' un dinosauro. E poi sarebbe bella come Plymouth Hemicuda...
Ritratto di Marco_primy
3 luglio 2018 - 14:26
Sono d'accordo con te perchè la challenger è troppo GROSSA sia per dimensioni che per potenza, sembra un dinosauro perchè e troppo esagerata
Ritratto di tramsi
2 luglio 2018 - 22:40
Sul piano delle personalizzazioni, della tradizione (motore ancora originario - per quanto ammodernato nella fluidodinamica - rigorosamente ad aste e bilancieri) e della cura delle finiture, il tutto sganciato dalla ricerca della performance, per quanto comunque notevole, la Mulsanne si avvicina maggiormente al concetto "Harley Davidson delle automobili". Se me ne sfuggono altre, ben vengano suggerimenti in merito.
Pagine