NEWS

La Dodge aggiorna le Charger e Challenger

2 luglio 2018

Per la berlina Charger novità alle sospensioni e allo stile, ma è la coupé Challenger a ricevere il "pezzo" forte: è la versione Redeye da 808 CV.

La Dodge aggiorna le Charger e Challenger

CAMBIA "SOTTO" - Se dall'esterno appaiono quasi invariate, la berlina Dodge Charger e la coupé Dodge Challenger edizione 2019 cambiano "sottopelle" e diventano ancora più grintose e prestazionali. Fra le novità della Dodge Charger "model year 2019" ci sono ad esempio un nuovo cofano anteriore e uno spoiler posteriore rivisto sulle più tranquille versioni GT e R/T, ora dotate anche delle sospensioni posteriori sportive, mentre la più grintosa Hellcat viene migliorata con l'aggiunta di un nuovo sistema per il raffreddamento del sistema di sovralimentazione (lavora anche a motore spento), del sistema Launch Assist per evitare gli slittamenti delle ruote nelle partenze lanciate e di quello Line Block, che fa sgommare da fermo le ruote posteriori senza affaticare la meccanica. I motori sono il V6 3.6 (296 CV e 304 CV) ed i V8 da 5.7 e 6.2 litri, che erogano 375 CV o 492 CV sulla R/T e addirittura 717 CV sulla Hellcat.


Nelle foto qui sopra la Dodge Challenger SRT Hellcat Redeye Widebody.

NORMALE O ALLARGATA - Anche la coupé Dodge Challenger riceve modifiche simili a quelle introdotte per la Charger, a partire dal cofano anteriore rivisto, dalle sospensioni posteriori sportive e dallo sterzo migliorato. Debuttano inoltre nuove ruote di 20" e inedite palette al volante (sulle versioni con il cambio automatico). Gli allestimenti in questo caso sono il  "base" SXT, il GT (entrambi con motori a 6 cilindri) e l'R/T, ordinabile anche con un kit per allargare la carrozzeria (di quasi 9 cm) e migliorare di conseguenza l'aderenza al suolo nelle accelerazioni e nelle frenate più decise: si chiama Widebody e prevede inoltre sospensioni riviste, pneumatici maggiorati e un'ala posteriore più generosa. I motori sono il V6 3.6 da 309 CV e il V8 aspirato 5.7, nelle varianti da 375 CV della Challenger R/T e 492 CV della R/T Scat Pack, che include nell'equipaggiamento anche anche il Launch Control e il sistema per selezionare le modalità di guida.


Nella foto la Dodge Charger SRT Hellcat.

ARRIVA LA REDEYE - La Dodge, che fa parte del gruppo FCA, si è concentrata anche sulla sportivissima versione Challenger Hellcat, con il V8 6.2 sovralimentato da 727 CV (10 in più), ordinabile sempre con il cambio manuale a 6 rapporti o automatico a 8 e una dotazione molto ricca: compresi nel prezzo ci sono le sospensioni adattive, l'impianto frenante maggiorato, un sistema di raffreddamento potenziato e il Torque Reserve, un sistema attivo a partire da 950 giri che assicura riprese fulminee anche se la velocità è molto bassa. La Dodge parla di un tempo di soli 11,2 secondi per l'accelerazione sui 400 metri con partenza da fermo, che diventano 10,9 secondi con il kit Widebody. Dal 2019 è basata sulla Dodge Challenger Hellcat una versione ancora più potente ed estrema, la Challenger Redeye, che di CV ne ha ben 808 e sfrutta un compressore volumetrico maggiorato e un nuovo impianto di iniezione della benzina. Il limitatore è stato portato da 6.200 a 6.500 giri. In questo caso bastano 11,1 e 10,8 secondi per l'accelerazione sui 400 metri, per una velocità massima di 327 km/h.

Dodge Charger
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
29
7
1
0
1
VOTO MEDIO
4,7
4.657895
38


Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
3 luglio 2018 - 09:49
E pure le sospensioni rinforzate a prova di salto in fermo immagine e un set di carrozzeria nuova post atterraggio in omaggio!
Ritratto di Maria Rossi
3 luglio 2018 - 11:43
Magari...!
Ritratto di Maria Rossi
3 luglio 2018 - 01:58
Leggere ancora dell'esistenza al giorno d'oggi di motori V6 e V8 con queste potenze in gioco, sebbene non molto presenti nel nostro parco circolante, è una gioia per gli appassionati di auto, in un'epoca di pseudo-ecologia e sofisticazioni tecnologiche.
Ritratto di Alfiere
3 luglio 2018 - 08:49
1
Sistema multimediale a 8 pollici, 10 pollici, verticale, 10:9. E poi c'è il sistema multimediale a 8 cilindri. Ad averci i soldi sarei il migliore amico del gommista
Ritratto di Giuliopedrali
3 luglio 2018 - 08:52
Be però una volta in Europa e specialmente da noi avevamo auto medie che divertivano e suonavano come muscle far, e confrontando le prestazioni pur essendo 1300 di cilindrata per esempio, non erano distanti come prestazioni da una muscle car USA non troppo pompata dell'epoca, soprattutto della seconda metà degli anni 70 con le normative antinquinamento.
Ritratto di GeorgeN
3 luglio 2018 - 09:42
vorrei vedere le Dodge Charger in Italia....
Ritratto di ziobell0
3 luglio 2018 - 11:26
la challenger ha una linea pazzesca
Ritratto di fastidio
3 luglio 2018 - 12:55
3
vorrei vivere in america solo per poter usare liberamente queste moderne muscle car..ovviamente insieme a qualche muscle car anni 60/70/80
Ritratto di Giuliopedrali
3 luglio 2018 - 13:03
Però devo dire che Ford Mustang e Camaro sono auto contemporanee nello stile e negli interni come nelle dotazioni, questa è un auto del 1970 portata ad oggi, è un pregio per i duri e puri ma anche un difetto. Nel mio Maggiolino mi deludono proprio gli interni che non riescono ad essere contemporanei e funzionali.
Ritratto di Marco_primy
3 luglio 2018 - 14:23
La charger è stupenda,io l'ha preferisco a molte sportive/berline europee. Io possiedo una charger hellcat del 2017(di seconda mano ma in ottime condizioni) ma per il semplice fatto che non abito in italia ma in america. Il problema è che anche se la dodge fa parte della FCA da quest'anno marchionne non vuole mettere concessionarie dodge anche in italia ma se le mettessero farebbero molti soldi
Pagine