NEWS

La Dodge Viper esce di produzione

14 luglio 2017

La produzione della supersportiva della Dodge cesserà ad agosto, senza nessun altro modello sostitutivo in vista.

La Dodge Viper esce di produzione

LA FINE DI UN MODELLO EMBLEMATICO - La FCA, che possiede il marchio Dodge, chiuderà definitivamente lo stabilimento Conner di Detroit il prossimo 31 agosto dove viene prodotta la Dodge Viper, in accordo con il contratto firmato nel 2015 con il sindacato di categoria UAW. Alle 80 persone che attualmente lavorano nella fabbrica della città più grande del Michigan, la FCA offrirà la possibilità di ricollocarsi in altre posizioni offerte dal gruppo guidato da Sergio Marchionne, amministratore delegato della FCA.

IL CANTO DEL CIGNO - Commercialmente parlando, il declino della Dodge Viper è evidente. Nello scorso anno, nel mondo, 680 persone hanno deciso di acquistare la supersportiva da 90.000 dollari, con un calo dell’8,7% rispetto al 2015. Di sicuro, l’appeal sul mercato e i numeri a ribasso costante sono stati determinanti nella chiusura di una fabbrica diventata troppo onerosa rispetto al ritorno economico dato dalle vendite della vettura. Inoltre, aspetto non secondario, la Dodge Viper così com’è non avrebbe soddisfatto le nuove normative sulla sicurezza stradale introdotte dal governo americano con esecutività dall’1 settembre 2017. Il che avrebbe imposto una forte rivisitazione di un modello che, dal 1992 ad oggi, è praticamente rimasto fedele al suo Dna originale.

CINQUE GENERAZIONI - La prima Viper, la cosiddetta SR1, vide la luce nel 1992 con il marchio Chrysler; la biposto contava su un motore da 8 litri, V10, con 400 cavalli. Con la seconda generazione della Viper (SR2), in produzione dal 1996 al 2002, sono arrivate diverse declinazione di questa sportiva come la RT/10 e la GTS. Dal 2003 al 2007 è stata la volta della terza generazione della Viper (ZB1); l’aspirato è passato dagli 8 litri agli 8.3, sempre con 10 cilindri a V. La quarta generazione della Viper (ZB2) è stata prodotta dal 2008 al 2010 e ha visto altri 100 centimetri cubici aggiungersi al già corposo propulsore. Dal 2010 al 2013, la produzione della sportiva americana, diventata nel frattempo Dodge, venne stoppata. Dal 2013 al 2017, la Viper è tornata a calcare i listini internazionali e gli asfalti con la quinta serie ribattezzata Phase VX, che proseguirà fino al 2017. Nella quinta generazione della due posti, il motore è rimasto un 8.4 litri a 10 cilindri, forte di 645 cavalli.

Dodge Viper
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
35
6
6
2
0
VOTO MEDIO
4,5
4.510205
49
Aggiungi un commento
Ritratto di -BOSS-
15 luglio 2017 - 09:16
Guarda, non devo essere certo io a dirti che sia Chrysler che Dodge sono due marchi in perdita per il gruppo. https://www.clubalfa.it/27979-fca-primo-semestre-negativo-negli-usa-calano-jeep-chrysler-dodge-e-fiat.html Tant'è che Marchionne ha ben pensato di non contemplarli nelle strategie di rilancio, puntando giustamente su altro.
Ritratto di AMG
15 luglio 2017 - 12:00
La LEVANTE? Andiamo! Un modello che era meglio se non fosse esistito, un modello che ha sminuito ancor più il nome Maserati dopo già il colpo Ghibli, che al confronto della Levante risulta essere un modello solo da apprezzare. Una schifezza dall'aria così coreana come quella non so dove l'abbiano tirata fuori. Uccide il nome della Maserati che fu, simbolo di lusso, comfort sportività ed eleganza a livelli assoluti. Per la Jeep poi non posso che darti ragione. L'abbandono della linee squadrate e massicce per un qualcosa di più curvo e indefinibile come la coda della Compass per me paga molto. Le scelte meccaniche economiche (guarda anche la futura Wagoneer) a scapito di quelle più raffinate e i modelli piccoli ed economici che fanno i numeri (sì li fanno!) ma danneggiano un marchio... Mah. La Renegade è stata sbagliata in principio, un modello italiano in veste finta da Jeep. Non è del tutto una schifezza lo ammetto anch'io ma non è una vera Jeep. Le vere Jeep erano quelle con le linee fatte con il righello, angoli da 90 gradi tra cofano e griglia anteriore.. Non queste cose qua. E gli interni? Da stile Fiat? (non per qualità forse, saranno un cm sopra ma per linee sono obbrobriosi).......... Mi fermo qua, ci sarebbe tanto da dire. Per fortuna che FCA propone ancora anche piccole, grandi soddisfazioni come la 124, 124 Abarth. Modelli che ti strappano un sorriso. La Pacifica per concludere è un modello che trovo davvero scialbo, ma in America vende benissimo, ed è percepita bene. E di ciò sono contento perché Chrysler come nome storico sarebbe davvero da recuperare alla svelta!
Ritratto di -BOSS-
15 luglio 2017 - 12:53
Non è colpa mia purtroppo se adesso il popolo medio, per essere ben accettato dalla società, deve avere "il bestione" da posteggiare davanti al bar. Capisco la visione da appassionati, ma se la Levante riuscirà a vendere parecchio, assieme chiaramente alle Quattroporte e soprattutto alle Ghibli, in un prossimo futuro, potremmo rivedere una nuova Granturismo e l'Alfieri. Cosa che sarebbe impossibile, di questi tempi, se in gamma questi due modelli (soggetto: Ghibli e Levante) non ci fossero stati. Stesso discorso il motore diesel...
Ritratto di luperk
17 luglio 2017 - 09:22
Non credo che maserati abbia fatto una cosa così grave. Sicuramente meno peggio di jaguar che ha creato un'auto che ha per concorrenti duster e qashqai. DUSTER e QASHQAI!!
Ritratto di AMG
15 luglio 2017 - 11:48
Se parliamo di pianali c'è un'auto nuova di un paio di articoli di distanza da questo che arriva oggi sul mercato fresca fresca con il pianale Ford EUCD del 2006. Mi pare che l'età del pianale allora non sia il più grande problema visto che la gente non conosce minimamente la meccanica e persino marchi emergenti nel premium come la nuova Jaguar propongono progetti vecchi con prezzi esorbitanti.
Ritratto di AMG
15 luglio 2017 - 12:03
Sul pianale intendevo rispondere a @chromeo, ma ha inserito i commenti un pò dove gli pare.
Ritratto di Alfiere
14 luglio 2017 - 18:50
1
Finiti gli argomenti non ti rimane che cambiare argomento. Pagliaccio
Ritratto di basti73
14 luglio 2017 - 18:56
E voi fiattari quando qualcuno osa fare una critica non sapete fare altro che partire con gli insulti. Vabbè, avete ragione voi. Contenti?
Ritratto di Alfiere
16 luglio 2017 - 17:34
1
Non sono un fiattaro nè apprezzo umanamente Marchionne, per quanto ci sia da inchinarsi al suo lavoro, per come è riuscito a rimettere in strada marchi morti o morenti come Alfa, Fiat, Dodge e Chrysler, per quanto la situazione non sia così rosea. La verità è che la tua non è una critica, ma stupidaggini da tifoseria. Anche se ti rosica, è cosi.
Ritratto di NeroneLanzi
14 luglio 2017 - 18:58
Vedi Basti, a uno Marchionne può anche non stare simpatico. Ma quando sento l'italiano medio affermare con supponenza che sia uno che non sa gestire un'azienda, mi sforzo sempre di immaginare quante aziende abbia gestito l'italiano medio in questione. Praticamente quando non sono occupati a fare i CT della nazionale gli italiani sono tutti AD di Fiat.
Pagine