NEWS

La Dart non sfonda negli Usa

31 agosto 2012

Secondo il Wall Street Journal, la nuova berlina del gruppo Chrysler non sarebbe partita col piede giusto. Tanto da mettere in discussione il piano di rilancio del costruttore americano.

La Dart non sfonda negli Usa

NON VENDE - Da Oltreoceano non giungono buone notizie per Sergio Marchionne. Nonostante il gruppo Chrysler generi profitti (leggi qui per saperne di più), qualche grattacapo al top manager italo-canadese potrebbero darlo le vendite della nuova Dodge Dart. Primo modello a nascere dall'integrazione tra il gruppo Chrysler e Fiat, la Dodge Dart non starebbe incontrando il favore sperato da parte del pubblico. Stando a quanto riporta il quotidiano Wall Street Journal, nei primi due mesi di commercializzazione (giugno e luglio), sarebbero state vendute solo 974 Dodge Dart. Troppo poche, secondo il noto quotidiano finanziario, che sottoliena come la Honda solitamente vende più Civic negli Usa in un solo weekend.

Small dodge dart 06

CARTINA TORNASOLE - Secondo il Wall Street Journal, già in passato critico nei confronti di Sergio Marchionne, il “flop” della Dodge Dart sarebbe tale da poter causare qualche problema al piano di rilancio della Chrysler. La Dart, dice il quotidiano finanziario, “è un primo importante test della visione di Marchionne di integrare le due società in un singolo produttore globale” che "usa la tecnologia Fiat per aiutare la Chrysler a diventare un player nel mercato delle auto di piccola e media cilindrata".

Small dodge dart 21

> Saperne di più della Dodge Dart

Dodge Dart
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
19
19
6
1
4
VOTO MEDIO
4,0
3.97959
49


Aggiungi un commento
Ritratto di money82
1 settembre 2012 - 17:31
1
Dunque questa è una : Come mai la Fiat si presenta nel mondo con due facce, e perché proprio all’Italia, dove essa è nata 113 anni fa, sembra toccare la faccia peggiore? Una spiegazione possibile è che il gruppo Fiat, e più ancora la famiglia Agnelli che lo controlla, hanno smesso da decenni di credere che il gruppo dovesse produrre soprattutto automobili. Questa un' altra : All’innegabile successo oltre Atlantico corrisponde l’insuccesso della Fiat nel nostro paese e in Europa, con i costi pagati dai lavoratori italiani e dall’intera nostra economia. E un' altra ancora : Pomigliano ha ripreso a produrre, ma la capacità utilizzata non supera il 50%. Come attesta anche il numero dei dipendenti richiamati in fabbrica, circa la metà dei 5.000 che vi lavoravano un tempo; nonché la minaccia di Marchionne di mettere in cassa integrazione 145 dei neoassunti nel caso che un tribunale del lavoro lo costringesse davvero a riassumere i 145 esclusi dalle procedure di riavvio al lavoro perché avevano una tessera sindacale non gradita all’azienda. Te ne servono altre di affermazioni per avvalorare la mia tesi? Guarda in faccia la realtà montreal, i soldi che spendi per una fiat vanno in u.s.a., c'è scritto chiaro e tondo. A suo tempo dissi che non avrei mai comprato una BMW fatta in sicilia, per me fiat può produrre dove vuole, tanto non darò un centesimo agli americani. Ti ripeto che l' azienda fiat è PRIVATA e come tutti i privati non deve vivere con i nostri soldi, se fanno prodotti buoni vendono se non fanno prodotti buoni non vendono. E' la legge del mercato e non esistono scuse/giustificazioni. In che modo gli aiuti a fiat sarebbero stati restituiti? Con il 21% di iva? Con i 1000 euro al mese degli operai? Quello è pagare un servizio, non restituire soldi.
Ritratto di wiliams
1 settembre 2012 - 17:33
MONEY82 tante imprese ricevono aiuti dallo Stato,anche all estero.Il primo articolo che tu citi non vale un granchè,non dice nulla di straordinario,solo una personalissima opinione di chi ha scritto l articolo.Il secondo articolo vale ancora meno,è inutile che tutte le volte ribattete il fatto che FIAT ha ricevuto soldi dallo Stato ITALIANO,perchè dovreste tutti sapere che all estero la situazione non è tanto diversa,anzi,è proprio uguale.Solo che voi continuate ad avere i paraocchi e far finta di nulla.
Ritratto di Montreal70
1 settembre 2012 - 18:31
E perchè con i miei soldi (Europa) io dovrei finanziare Vw all'1% mentre Fiat paga come qualunque azienda tassi normali? Perchè sempre con i nostri soldi, loro costruiscono nuovi stabilimenti in Europa come in Cina? E' ridicolo l'odio verso il connazionale e le lodi verso chi ci riduce in fame. Per quanto riguarda le prime affermazioni, la risposta è semplice. L'Europa è in crisi, auto non se ne vendono. Fiat investe nei mercati floridi. Semplice no? O Fiat è privata solo quando conviene a voi? Facile parlare con i soldi degli altri. O siete di parte o siete veramente convinti che lo scopo di un'impresa è andare in perdita per far tacere gente che vive discreditando gli altri (vedi Fiom).
Ritratto di fogliato giancarlo
1 settembre 2012 - 21:49
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di money82
2 settembre 2012 - 20:48
1
Ciao Giancarlo, ma intendi postare una pagina web? Basta semplicemente copiare l' indirizzo url (es. www.alvolante.it) e incollarlo qui dove scrivi, o forse intendevi altro? Ho provato a controllare ma non esiste il sito che mia hai indicato, del resto era un po' troppo diretto :) Comunque sia è risaputo che i prestiti a fiat fossero a fondo perduto, lo stato incautamente ha mantenuto l' azienda probabilmente anche con un' ottica futura, cioè sperando che in un futuro le cose sarebbero andate meglio...anche 20 anni fa costava meno produrre all' estero, però finchè lo stato sganciava andava tutto bene, quando ha smesso di elargire hanno iniziato a minacciarlo di chiudere e di andare all' estero. Non so come si possa dare fiducia ad un marchio del genere.
Ritratto di money82
2 settembre 2012 - 20:53
1
Montreal scusa pensavo che i tuoi discorsi fossero incentrati sull' economia ITALIANA e non del marchio fiat...quando mi dici che è normale uno spostamento di fiat verso i mercati più floridi contraddici molte delle tue affermazioni...a questo punto meglio dare i soldi alla VW così almeno restano in EUROPA anzichè darli a fiat che investe in USA E BRASILE no?
Ritratto di fogliato giancarlo
1 settembre 2012 - 21:42
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di gigige
31 agosto 2012 - 19:41
Come al solito i fatti vengono alterati per far notizia. Sul Wall street journal c'è scritto che tra luglio ed agosto sono state immatricolate 974 Dart, che è ben diverso da dire che son state vendute!
Ritratto di cervuz
31 agosto 2012 - 20:06
Mi chiedo come possiate postare delle idiozie del genere. E' come dire che la 500L in italia non vende. E' ovvio è appena stata commercializzata e devono partire gli ordini ufficiali. Comunque aspetterei qualche mese come per la 500 per tirare delle conclusioni anticipate
Ritratto di maxs73
31 agosto 2012 - 20:37
mi viene da dire AL VOLANTE anche tu ti metti a sparare c...e cosa vuoi diventare il TUTTOSPORT dei motori !!!
Pagine