NEWS

DR4: la crossover debutta a Monaco

17 febbraio 2017

La DR è una crossover lunga 432 cm che sarà venduta in Italia a 15.980 euro con il motore a benzina 1.6 da 120 CV.

DR4: la crossover debutta a Monaco

ULTIMO TASSELLO - La DR ha basato gran parte della strategia di rilancio sull’arrivo di quattro nuovi suv e crossover, che dovranno aiutare la società molisana a raggiungere in breve tempo la quota del 2% sul totale delle automobili vendute in Italia. I primi tre modelli, le DR3, DR5 Evo e DR6, hanno esordito tre mesi fa al Motorshow di Bologna (qui per saperne di più) e arriveranno sul mercato entro giugno 2017. L’unica vettura non ancora nota era la DR4 (foto qui sopra), presentata in forma ufficiale durante il Salone dell’automobile di Monaco, che misura in lunghezza 432 cm e ha dimensioni analoghe alla Opel Crossland X. Anche la formula è molto simile: la DR4 riprende alcuni elementi di una crossover (l’altezza da terra maggiorata) e li abbina con quelli una monovolume, a cui si rifà per le linee della carrozzeria e la disponibilità di spazio all’interno.

COLLABORAZIONE CINESE - La DR4 verrà costruita sulla base della Jac S3, modello disponibile sul mercato cinese, secondo una consuetudine nota alla DR: tutte le automobili lanciate dal 2006 ad oggi (anno di fondazione della società) sono state realizzate con il supporto di aziende cinesi, come la Jac o la Chery, sulle base di accordi industriali che prevedono l’assemblaggio e la vendita su licenza. La crossover DR4 sarà disponibile con un motore 1.6 da 120 CV, alimentato anche a Gpl o metano, e verrà commercializzata in Italia da 15.980 euro.

UNA SPECIAL SU BASE DR5 EVO - Al Salone di Monaco ha esordito anche la DR Evo 5 Evo MCA, riconoscibile per la livrea che riproduce i colori del Principato di Monaco: sarà prodotta in serie limitata.

Aggiungi un commento
Ritratto di alexlato2010
18 febbraio 2017 - 20:44
uno che difende Fiat è uno sfigato poveraccio al guinzaglio di questa PSEUDO casa automobilistica. Ma come si fa a dire che la tipo sia assemblata meglio di una 308! Cose da pazzi! Dire che le Fiat sono meglio delle Volkswagen... ma come ragioni! Come un renziano, nella quale visione tutti i prodotti italiani sono il meglio... ma poi perché franco cinese? Peugeot è FRANCESE AL 100%. Pensa alla tua Fiat, che invece di dare lavoro agli italiani da lavoro ai turchi. non ci pensi a questo? Fiat o FCA è uguale, fanno schifo ugualmente! Però voglio sapere ora quali gruppi fanno schifo secondo te. BMW? Mercedes?
18 febbraio 2017 - 21:49
Spero che sei solo un ignorante fanboy incompetente, vuoi avere ragione e ti do ragione perchè la ragione si da ai fessi. La Fiat manco ce l'ho, te pensa alle tue Peugeot cinesi ed iraniane di gomma. Un troll che si è iscritto solo per commentare questo articolo per pubblicizzare queste patetiche cinesi, che si nasconde dietro un altro marchio per sembrare neutrale e denigra le auto italane. Ma che sei pagato dalla DR? Non è una novità che finti utenti vengano pagati per scrivere menate.
18 febbraio 2017 - 21:59
Anzi preciso che come tutti anche PSA ha buoni prodotti e come tutti ha prodotti meno buoni. Non scendo di certo alle bassezze di questo livello. Obiettività sempre prima di tutto. Auto come la 205 Turbo è di tutto rispetto e il nuovo stile intrapeso con 2008 e 3008 non è niente male, come la 206 che è ancora attuale.
Ritratto di alexlato2010
18 febbraio 2017 - 22:55
ma che pagato! io denigro le auto italiane perché pretendo dal mio paese auto che siano le migliori al mondo! Le Volkswagen erano auto del popolo, ora sono tra le migliori. Le Lancia erano considerate in tutto il mondo, adesso... non è che disdegno il mio Paese perché io non voglia auto italiane, anzi! Ma devono essere di qualità. Poi perchè continui a dire che le Peugeot sono iraniane e cinesi... quando sono francesi al 100%, invece le Fiat sono per metà americane e per l'altra metà turche... abbi un po' di buon senso. Io ho il nuovo Peugeot 3008 (oltre ad altre Peugeot), non ho mai avuto una Peugeot migliore. Vorrei che anche Fiat producesse un SUV come si deve, come ha fatto con la Freemont, che tutto sommato era una bella macchina. Io amo le Peugeot e le Citroen, ma sono gusti molto soggettivi. C'è chi ama il 2008 e il 3008 come me e chi lo odia. Io ho anche la 206, che è molto più attuale di molte auto in commercio. Per non parlare della 208. Tutto sommato la Tipo non è brutta, il posteriore ricorda vagamente la bellissima 308 e l'A3, ma è più che accettabile. Solo che è carente in sicurezza. Non si può paragonare DR a Peugeot o a Volkswagen. Le DR sono come le Dacia, ovvero auto economiche, ma mentre le Dacia sono vecchie "nell'anima", mi riferisco al Duster e a tutti gli interni delle Dacia, le DR sono molto più carine e con un'estetica ricercata, soprattutto la DR 4 e la DR 6. Gli interni della DR 4 riprendono quelli del 3008 (che probabilmente sono gli interni più belli visti su un suv), con lo schermo rialzato. Quelli della DR 6 sono nettamente più belli di quelli del Duster. Il Duster e la DR 6 costano uguale, ma secondo me la DR 6 vince in tutto... parere personale. Ripeto a me non ha pagato nessuno io sto solo esprimendo il mio pensiero.
19 febbraio 2017 - 00:04
Bon, allora ti rispondo che per me la FCA non è americana, semmai italoamericana, più italo, perchè è stata la Fiat a rilevare (più che fondersi) Chrysler e Marchionne, italiano (di adozione canadese, ma italiano) ha risollevato due gruppi sull'orlo dell'baratro, riportandoli in utile e sfornando modelli molto interessanti, come la Giulia, la 124, il Levante ecc. I singoli marchi hanno sede rispettivamente in Italia e USA e le auto vengono sviluppate in Italia ed USA da italiani e americani. Per me la nazionalità di un prodotto è data da questo, dal marchio e da chi la progetta altrimenti le variabili diventano tante e considerare un Q5 messicano e un Q7 ungherese? Riguardo la gamma di modelli FCA ha più marchi in cui "spalmarli". Anche Fiat copriva ogni segmento un tempo, dalla Panda alla Croma, poi ha capito che era meglio concentrarsi sui best seller e non sovrapporre i modelli. Per le berline grandi c'è Alfa, per i SUV Jeep ecc. La Tipo è stata progettata a Torino per l'area Europe Middle East and Africa come tutte le auto sviluppate in Europa e prodotta in Turchia dove viene già prodotto il Doblò e dove producono anche altri costruttori, quindi non è da terzo mondo. Oltre ad una bella linea si è dimostrata anche piacevole da guidare e non è fatta manco tanto in economia infatti non è low cost, lo stesso la Ford Ka+. Come già detto non ha eccelso nei crash test ma non è stata nemmeno bocciata, considerando quanto si sono inaspriti i test è un'auto abbastanza sicura. Non è una Volvo ma nemmeno una trappola mortale. Su Lancia putroppo dovendo investire su un marchio Alfa Romeo era quello con un'immagine più internazionale. Personalmente avrei agito diversamente: anzichè importare semplicemente delle 300 e 200 le avrei rese più appetibili con una gamma di motori più articolata oppure avrei sfruttato il brand per una gamma elettrica tipo Tesla. Riguardo tutto il resto ogni gruppo ha i suoi successi e i suoi flop. Fiat per anni ha fatto prodotti progettati in maniera ottima ma qualitativamente scadenti, la Grande Punto su quest'aspetto è stata pessima, però gli vanno riconosciuti anche i meriti e per me adesso è un gruppo dinamico e lungimirante e mi fa piacere perchè anche se non ho attualmente una Fiat resta comunque una casa italiana, che ha il grosso delle attività qua e ci rappresenta all'estero. Proprio per questo motivo, nei suoi periodi peggiori non ho mancato di criticarla.
19 febbraio 2017 - 00:16
PS, le Peugeot e le Citroen fino a metà 90 erano auto molto particolari, poi si sono standardizzate e secondo me hanno avuto un po' una crisi di identità. Adesso però pare che abbiano ritrovato la retta via, con soluzioni caratteristiche come l'iCockpit e gli Airbump e un design fuori dagli schemi come le francesi di una volta. Spero che la 209(?) abbia lo stile della 3008 e una versione sportiva degna delle sue antenate (l'attuale GTi mi sembra un po' "finta",già meglio la by Peugeot Sport).
Ritratto di alexlato2010
19 febbraio 2017 - 10:01
Dopo la 206 PSA ha fatto dei fallimenti incredibili: praticamente tutta la serie x07 è stata afflitta da problemi di elettronica, fino al lancio della 208. Dal 2012 Peugeot e Citroen hanno cambiato identità. Per me l'i-Cookpit, gli AirBump, le Sospensioni Hydractive (Citroen C5) e in generale lo stile sono qualcosa di fantastico, come dici tu fuori dal comune. Non come quei camion delle Audi Q5 e Q7. Sicuramente la 209/nuova 208 avrà lo stile 3008, con quegli interni futuristici da concept! Ora uscirà il restyling di metà carriera della 308. Cambieranno la griglia anteriore, più verticale come sul 3008, si spera anche qualche aggiornamento degli interni e sulla tecnologia. Io sono salito su una Peugeot 308 GTi by Peugeot Sport... tu non hai idea! 270 cavalli su 1000 chili. La macchina vola! Ora anche le Citroen hanno ripreso lo stile molto innovativo, mentre le DS sono classiche. Personalmente io amo la nuova C3, anche se comunque preferirei la maggiore razionalità della 208. Anche la Citroen si era normalizzata, infatti le Citroen dal 2000 al 2014 sono tutte un po' Peugeot, nel senso che sono razionali, mentre una vera Citroen è tutto tranne che razionale. La C4 Cactus personalmente a me piace, solo che ci sono gravi lacune che sicuramente Citroen sistemerà, come i vetri posteriori a compasso, il cambio solo robotizzato, ecc. I miei genitori hanno una Volvo V60 di giugno. Bene, posso garantirti che è tutto fumo niente arrosto. Sarà pure un'auto sicurissima, ma l'assemblaggio è pessimo. Ci sono scricchiolii e "parti vuote" dappertutto, la 508 SW è assemblata infinitamente meglio. Preciso che ogni modello Peugeot o Citroen o DS che sia, è progettato in Francia, è prodotto o in Francia o in Slovacchia, ed è disegnato da francesi. Quindi non vedo il motivo di definirla cinese... Anche Peugeot ha intrapreso una strategia che ha fatto triplicare dal 2012 i fatturati: Push to Pass. Ovvero pochi modelli ma buoni. Come puoi constatare non ci sono più la 207 SW, 207 CC, 308 CC, RCZ, 407, 407 SW. I modelli sono diminuiti, al fine di arrivare nel 2020 con circa 9 modelli per Peugeot e 7 per Citroen. Ti faccio notare come ora Peugeot abbia 9 modelli, non 20. Infatti tutte le Peugeot post-2012 vendono molto più dei corrispettivi precedenti, perché la qualità si è alzata, e di molto. Quella da diminuire è Citroen, che ha 10 modelli.
19 febbraio 2017 - 11:20
Corretta analisi, concordo tutto. Apprezzo anche il marchio DS con il suo stile retrò (ma non ispirato) diverso dal solito piattume "minimal" che ci hanno abituato i tedeschi e il non catalogarsi della DS5. Fossi PSA punterei con questo marchio anche agli Stati Uniti dove hanno ancora il ricordo anticonformista della Citroen DS. Per il resto stanno facendo bene, soprattutto a diversificare Peugeot e Citroen che stanno ritrovando un'identità propria e che apprezzo per gli interni della C4 Cactus, che mi ricordano quelli spaziosi e ariosi delle auto fine 70 inizi 80. Le nuove Peugeot invece sembrano navi spaziali, soprattutto dentro. Sarò curioso di vedere proprio la sostituta della 208, auto che per certi aspetti apprezzo (feci anche un paio di preventivi) e che per altri non mi ha convinto.
Ritratto di alexlato2010
19 febbraio 2017 - 19:37
Infatti... le audi sono dei camion, le mercedes sono dei carri funebri, le Volkswagen sono auto di 10 anni fa, le BMW hanno degli interni inguardabili! Vabbè poi gli interni Peugeot non hanno prezzo, soprattutto quelli del 3008. La prima volta che ci sono salito non credevo ai miei occhi. Hanno preso la giusta retta in PSA. Ora manca solo lo "sbarco" negli Stati Uniti, come dicevi tu, ma ci stanno pensando. @vincenzo1973: ma tu quale di C-Elysée parli? E' uscita la nuova, che è molto meglio. Io ti consiglierei di aspettare e prendere la nuova C-Elysée, che tra l'altro costa meno della Tipo. Ovviamente se vuoi il GPL le auto italiane sono le migliori, però prendila in considerazione magari a gasolio (il classico piccolo gasolio BlueHDi 100 cavalli del gruppo PSA, considerato forse il migliore della sua categoria). PSA è stata salvata per un pelo, come Audi, Skoda, Citroen negli anni '80. Però ora ripeto sta andando molto bene superando anche le aspettative. PSA, per ora, è nona al mondo più che altro perché non vende in America. Invece in Europa è seconda, anche perché un europeo vuole un'auto che sia fatta secondo le normative europee. Per un cinese la prima cosa in assoluto sono la comodità dei posti posteriori, per un francese sono l'estetica ed il piacere di guida (ovviamente con l'affidabilità), ovvero la filosofia Peugeot
19 febbraio 2017 - 20:53
@alexlato2010, concordo difatti ci sono marchi e modelli sopravvalutati che campano più dell'immagine che hanno acquisito nel tempo che per reali doti, come design e innovazione. PS, sul forum spesso non si comprendono bene i toni ma un pacifico dialogo anche con pareri contrastanti può essere costruttivo per ambo i lati. Saluti e buona serata!
Pagine