DS 3 Crossback: è piccola, ma sciccosa

13 settembre 2018

In arrivo a maggio 2019 la nuova crossover DS 3 Crossback è un modello ricco di personalità con dotazioni da categoria superiore.

DS 3 Crossback: è piccola, ma sciccosa

STILE DECISO - Fra i quattro marchi del gruppo PSA, la DS è quello che più degli altri (Citroën, Opel, Peugeot) punta sullo stile e sulla cura per i dettagli. Queste caratteristiche si ritrovano nella DS 3 Crossback, una crossover compatta lunga 412 cm. Il look ricercato e interni rifiniti con grande attenzione la pongono come alternativa anche ad Audi Q2 e Mini Countryman. La DS 3 Crossback insomma non “tradisce” lo spirito della casa francese, che da quando è diventata un marchio indipendente (nel 2014) ha voluto dare un'impronta forte ai suoi modelli. L'ultima nata spicca per la grande mascherina anteriore, le maniglie nascoste nelle portiere (fuoriescono avvicinandosi all'auto) e sull'originale pinna nella fiancata, un dettaglio che ha una giustificazione tecnica oltre a essere un inconfondibile tratto di stile: fa infatti da supporto ai tweeter posteriori dell'impianto stereo . Ed è una caratteristica che già contraddistingue pure la DS 3, la prima auto del marchio francese, che però non avrà un erede.

TANTA QUALITÀ - L'interno della DS 3 Crossback 2019 non è meno curato, perché si trovano dotazioni rare su un modello di questa categoria: si potranno avere il cruscotto digitale, lo schermo nella consolle di 10,3” ed i sedili riscaldabili. Non mancherà neppure l'head-up display, un pannello trasparente alla base del parabrezza dove sono riportate informazioni essenziali come la velocità o le indicazioni del navigatore satellitare. Dalla più grande e costosa DS 7 Crossback arrivano gli interruttori a forma di diamante e gli ambienti interni, personalizzazioni ispirate ad alcuni quartieri di Parigi (Montmartre, Bastille, Rivoli, Opera) che servono a dare un tono più o meno elegante all'auto, disponibile inoltre con dieci diversi tipi di cerchi (fino a 18”), dieci vernici per la carrozzeria e tre colori per il tetto. Quest'ultimo, grazie ai montanti neri, dà l'impressione di essere sospeso. Alla DS dicono inoltre di aver curato molto l'isolamento acustico, servendosi di vetri laterali più spessi e di un parabrezza in grado di schermare i rumori esterni.

ANCHE ELETTRICA - La DS 3 Crossback è ricca di contenuti anche a livello meccanico, perché si avvale della nuova piattaforma destinata alle future crossover della PSA: si chiama CMP, ha la trazione sulle ruote davanti ed è più leggera di 40 kg rispetto alla vecchia. Fra le particolarità c'è quella di ospitare sotto il pavimento le batterie di una versione con motore elettrico, che nel caso della DS 3 Crossback si chiama E-Tense e promette un'autonomia di 300 chilometri (misurati secondo il ciclo WLTP). Le pile possono immagazzinare 50 kWh di energia e alimentano un motore da 136 CV, stando alla DS, che sebbene non abbia ancora omologato l'auto (i valori dichiarati sono provvisori) dichiara uno 0-100 km/h in 8,7 secondi e una velocità massima di 150 km/h. La DS 3 Crossback E-Tense arriverà sul mercato solo nella seconda parte del 2019, probabilmente a ottobre. Gli altri motori, disponibili prima dell'estate, sono il 1.2 turbo a benzina da 100, 130 o 155 CV e il diesel 1.5 da 100 CV o 130 CV, abbinati al cambio manuale a 6 marce o all'automatico a 8 (per il benzina da 155 CV). Il baule inoltre è nella media per una vettura di queste dimensioni: 352 litri.

FRENA DA SOLA - Fra i punti di forza della DS 3 Crossback c'è anche l'equipaggiamento in materia di sicurezza e assistenza alla guida, molto completo per una vettura in questa fascia di prezzo (dovrebbe partire da circa 24.000 euro): si potranno avere il sistema di parcheggio semi-automatico, il regolatore di velocità adattivo (funziona sino a 180 km/h), la frenata automatica d'emergenza fino a 140 km/h ed i fari anteriori a matrice led, dotati di un software che spegne automaticamente i singoli punti luce per modulare il fascio e non abbagliare chi guida in direzione contraria.

DS 3 Crossback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
39
16
22
17
48
VOTO MEDIO
2,9
2.866195
142


Aggiungi un commento
Ritratto di nik66
14 settembre 2018 - 09:07
bella e sfiziosa, a prima vista mi piace, ma in un articolo precedente non doveva essere una rivale di 500x, countryman e q2? adesso è diventata rivale di arona, captur e kona. ballano circa 20 cm di differenza ci vogliamo decidere!!!
Ritratto di nik66
14 settembre 2018 - 09:11
mi piace tranne per i fari diurni svirgolati, sono meglio in verticale come nella ds3 attuale
Ritratto di Dr.Torque
14 settembre 2018 - 09:31
Un plauso a mamma Citroen tornata coraggiosa. Continuo a non digerire gli interni con il motivo a losanga ripetuto ovunque ma il carattere c'è, e di questi tempi di fotocopie non è poco!
Ritratto di bubu
14 settembre 2018 - 09:47
Non ho mai trovato così geniale questa gamma parallela DS. Sicuramente è originale, ma a tratti la trovo forzata, come se si volesse ricercare a tutti i costi qualcosa che non hanno! A partire da nome DS Crossback, che non mi entusiasma, questo modello lo trovo originale ma un poco tormentato nelle linee sia all'esterno che all'interno. Credo che incontrerà le stesse difficoltà nel mercato che ha incontrato la sorella maggiore DS7 Crossback.
Ritratto di Giuliopedrali
14 settembre 2018 - 11:32
No sta tranquillo, non dico che avrà un successo senza precedenti, però un successo senza precedenti per DS sicuramente, basta vedere a che categoria appartiene...
Ritratto di carmelo.sc
14 settembre 2018 - 10:13
molto bella dietro, ma davanti i fari hanno una forma poco gradevole. E non voglio immaginare i prezzi.
Ritratto di FULVIO ALOISIO
14 settembre 2018 - 11:45
Molto bella!
Ritratto di Sepp0
14 settembre 2018 - 12:15
Per maggio 2019 il marchio sarà probabilmente fallito del tutto. Continuo a non capire sto accanimento terapeutico di PSA, il progetto DS = Premium non ha palesemente funzionato.
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
14 settembre 2018 - 21:36
Da qualche tempo a questa parte le auto francesi sono esteticamente le più riuscite, originali, particolari, piacevoli, belle (la bellezza è un concetto assolutamente soggettivo, ma le ultime made in France sembrano aver quasi oggettivato il concetto in quanto " piacciono tantissimo a tantissimi" - sembra uno slogan pubblicitario ma tant'è a giudicare dai dati di vendita nel Vecchio Continente). New C3 boom di vendite incredibile, Clio bestseller da ormai 6 anni (.....e siamo a fine ciclo vita prodotto), molte Peugeot senza nulla da invidiare a qualsiasi Teutonica di turno. Ormai in Italia, una volta regno incontrastato di Fiat (quasi monopolio) e patria di auto desiderate nel mondo intero per estetica e sportivitá (Alfa Romeo) nonchè per le livree di gran classe (Lancia) circolano più Clio, Captur, C3, 208 che Panda , nonostante quest'ultima sia svenduta anche a prezzo di saldo, come peraltro la Tipo. Pertanto, o si sono rincretiniti in tantissimi, oppure oggi c'è qualche costruttore che riesce ad intercettare meglio di altri le aspettative di tanti (io la mia "francese" l'ho dovuta aspettare 6 mesi dalla prenotazione e mi è pure andata bene rispetto ad altri).
Ritratto di Giuliopedrali
14 settembre 2018 - 22:36
DS con questa inizierà a funzionare vedrete, Citroën non ha una grande qualità percepita, però PSA in effetti sta facendo progressi davvero notevoli che le fanno quasi somigliare alle fascinose Peugeot e Citroën degli anni 60.
Pagine