NEWS

DS 7 Crossback: prezzi da 31.100 euro

12 ottobre 2017

La DS annuncia la strategia di rilancio nel nostro paese e diffonde i prezzi della nuova 7 Crossback.

DS 7 Crossback: prezzi da 31.100 euro

I CONCESSIONARI RADDOPPIANO - Le vendite in Italia e in Europa della DS ancora non decollano, ma il marchio di lusso della francese PSA ha pronta la strategia per rilanciarsi, basata sull’apertura di nuovi concessionari e una gamma di nuovi modelli, primo dei quali è la DS 7 Crossoback (nelle foto). I punti vendita in Italia raddoppieranno entro la fine del 2018 e passeranno dagli attuali 23 a 47, fra concessionari dedicati solo alla DS e altri condivisi con Citröen o Peugeot. All’interno di questi centri la DS permetterà di vedere in anteprima la vettura che si vuole configurare attraverso un visore 3D, che permetterà ai clienti di scegliere la vernice, i cerchi ed i materiali interni non più alla “cieca” ma sapendo quale sarà il risultato finale.

TANTE NOVITÀ - L’elemento chiave della strategia di rilancio consiste però nella suv DS 7 Crossback, lunga 462 cm e molto curata sotto il profilo dei materiali interni e dei contenuti tecnici, alcuni dei quali all’esordio assoluto su un’automobile della casa francese e destinati alle sei nuove DS in programma fino al 2022: ci sono ad esempio il nuovo motore ibrido con batterie ricaricabili, il visore notturno (Night Vision) che segnala la presenza di pedoni e animali sulla strada e le sospensioni a controllo elettronico basate sul radar frontale, in grado di analizzare le condizioni della strada e dialogare con una centralina per modificare la risposta degli ammortizzatori nel caso sia presente una buca. Grazie a questa tecnologia la DS promette un maggiore comfort di bordo.

CINQUE MOTORI - La DS 7 Crossback è stata ordinabile fino ad ora soltanto su internet e nella ricca versione di lancio La Premiere, ma oggi la casa francese apre gli ordini anche per gli allestimenti meno prestigiosi ed i motori meno potenti, che arriveranno però da inizio 2018: la produzione del diesel 1.5 da 130 CV comincerà infatti a gennaio. I prezzi della suv partono da 31.100 euro con il diesel 1.5 BlueHDI da 130 CV, il cambio manuale a 6 rapporti e l’allestimento di primo livello So Chic, che include i fari anteriori allo xeno, il sistema d’ingresso senza chiave, il “clima” automatico bizona, la strumentazione digitale e dispositivi di sicurezza come la frenata automatica d’emergenza. Gli altri motori sono il diesel 2.0 BlueHDi da 180 CV ed i benzina 1.6 PureTech da 180 CV e 225 CV. Il cambio automatico non è disponibile sul diesel da 130 CV, ma soltanto sui benzina e sul diesel da 180 CV.

LA GRAND CHIC È LA PIÙ RICCA - L’allestimento di secondo livello si chiama Business e parte da 32.600 euro, ma aggiunge lo schermo nel cruscotto da 12 pollici (sulla So Chic è da 8 pollici), il navigatore satellitare, la ricarica senza fili per gli smartphone e la regolazione lombare dei sedili anteriori. Più dotata è la versione Grand Chic, da 34.600 euro, che integra alla dotazione della So Chic i cerchi in lega da 19 pollici, le sospensioni a controllo elettronico, la funzione massaggio per i sedili anteriori, l’apertura automatizzata del portellone, i sensori di parcheggio anteriori e la telecamera posteriore. L’equipaggiamento di sicurezza è completato dai sistemi per il monitoraggio dell’angolo cieco, per la ripetizione dei segnali stradali nel cruscotto e contro l’involontario di cambio corsia.

DS 7 Crossback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
39
34
16
15
32
VOTO MEDIO
3,2
3.242645
136
Aggiungi un commento
Ritratto di Leonal1980
12 ottobre 2017 - 21:07
5
Aspetta dirlo....
Ritratto di AMG
13 ottobre 2017 - 09:39
Vai sul configuratore e dillo...
Ritratto di bridge
12 ottobre 2017 - 19:20
1
Mi piace anche se non è molto originale (sembra un mix tra un'Audi e una Lexus). Gli interni invece sono originali e la qualità percepita sembra buona.
Ritratto di mike53
12 ottobre 2017 - 22:17
Sono d'accordo. Da DS ci si dovrebbe aspettare per definizione sempre qualcosa di originale e intrigante, mentre questa non ha nulla di particolare, a parte gli interni che sembrano molto eleganti e belli. Peccato, perché con un po' più di fantasia e impegno si sarebbe potuto partorire un Suv unico e straordinario come lo è stata a suo tempo la mitica Déesse!
Ritratto di otttoz
12 ottobre 2017 - 20:15
la fiat aveva Lancia come marchio di lusso ma l'ha lasciato decadere...
Ritratto di hulk74
12 ottobre 2017 - 20:33
Ahimè... Ripeto che secondo me hanno sbagliato. Maserati sarebbe dovuta essere l'avversaria di Bentley, Alfa di BMW (come lo è, perlomeno in parte), Lancia quella di Mercedes e Audi...
Ritratto di Fr4ncesco
12 ottobre 2017 - 20:52
Ormai sono tutte rivali di tutte sconfinando in spazi che un tempo non gli appartenevano, come Mercedes che punta al dinamismo con i pacchetti AMG, BMW al lusso e comfort come 6GT e X7, modelli al ribasso come Classe A, Serie 2 trazione anteriore 3 cilindri ecc solo per citare le tedesche, ma anche Cadillac conosciuta un tempo per la sua opulenza e transatlantici su strada fa modelli performanti molto validi, Lexus e Infiniti hanno i loro reparti sportivi ecc. Il ruolo dei marchi non è più definito come un tempo.
Ritratto di Leonal1980
12 ottobre 2017 - 21:08
5
@otttoz perché si magnano i soldi come al governo...
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
12 ottobre 2017 - 22:53
Gia,allora come oggi, pittosto che una Lancia si comprava una straniera. Perchè non si poteva pagare quel prezzo per una italiana.Era tecnicamente fallita nel 1965 quando l'ha rilevata Pesenti
Ritratto di IloveDR
13 ottobre 2017 - 11:41
4
con il continuo sviluppo di auto ibride ed elettriche, guida autonoma e altre diavolerie varie, a mio parere, oggi sarebbe stato più importante avere un marchio come Lancia, da sempre simbolo di eleganza, raffinatezza e tecnologia evoluta, per contrastare i Big del settore Premium, invece di avere Maserati ed AlfaRomeo insieme e che si pestano i piedi a vicenda...quando finiranno le "Magie" del Sergio, verranno tutti i "nodi al pettine"...
Pagine