NEWS

X E-Tense, la sportiva del 2035 secondo la DS

27 aprile 2018

La francese DS ha ideato una concept insolita con carrozzeria asimmetrica, abitacolo diviso, comandi “virtuali”e trazione elettrica derivata dalla Formula E.

X E-Tense, la sportiva del 2035 secondo la DS

UN PROTOTIPO VIRTUALE - Come sarà una sportiva nel 2035? Ad immaginarselo sono designer e tecnici della DS che hanno realizzato una concept car virtuale, la X E-Tense. Le forme sono caratterizzate dall’asimmetria della carrozzeria con la calandra orientata a destra, il posteriore sfasato e la parte superiore sviluppata soltanto da un lato. L’abitacolo, infatti, è diviso in due, con la parte riservata al guidatore aperta a ricordare una monoposto da corsa e quella per il passeggero protetta da un cupolino aerodinamico trasparente. L’accesso al posto guida avviene tramite una portiera ad ala di gabbiano rivestita in pelle e fibra di carbonio, mentre il sedile è pensato per adattarsi alla morfologia del conducente e il volante ha finiture pelle, legno e metallo e comprende sensori per monitorare il guidatore dotato di casco collegato alla vettura. 

PAVIMENTO TRASPARENTE - La DS X E-Tense è, naturalmente, concepita per la guida totalmente autonoma, opzione che consente al “pilota” di rilassarsi nell’abitacolo chiuso, magari in compagnia di un altro passeggero seduto in uno strapuntino d’emergenza da utilizzare per brevi spostamenti. L’interno è spazioso e lussuoso, con rivestimenti blu in pelle anilina con cuciture perlate e rifiniture con piume vere. Il sedile è climatizzato e dotato di massaggio, mentre sulla plancia rivestita in legno sono presenti l’impianto hi-fi e, in un’apposita nicchia, una macchinetta del caffè. Non sono presenti schermi perché la gestione dei comandi avviene tramite l’assistente personale, chiamato Iris, con forma di ologramma e capace di comprendere istruzioni vocali. Il pavimento è in vetro trasparente, l’aria depurata e profumata con diffusori.

CARROZZERIA “AUTORIPARANTE” - Per la “meccanica” i responsabili DS hanno optato per la trazione elettrica derivata dall’esperienza della DS Performance in Formula E. I motori sono due, posizionati al centro dell’asse anteriore e capaci di sviluppare 400 kW (più 540 CV) con la modalità di guida normale, ma in grado di arrivare alla soglia dei 1.000 kW (1360 CV) quando si opta per la funzione per la guida in pista. Le batterie sono posizionate nella zona centrale-posteriore per un bilanciamento ottimale, mentre rimangono sconosciute la capacità e l’autonomia prevista. La DS X E-Tense ha monoscocca in carbonio, sospensioni derivate dalla competizioni e impianto frenante sostituito da un sistema rigenerativo che avrebbe le medesime capacità di decelerazione. L’elettronica controlla assetto, stabilità e trazione per offrire sempre la massima tenuta di strada, mentre tra le innovazioni più futuristiche ci sono la carrozzeria “autoriparante”, la calandra con aperture regolabili in base alle necessità di raffreddamento e i gruppi ottici con forma, dimensioni e intensità luminosa variabile in base al percorso e allo stile di guida. 

DERIVATA DALLA CONCEPT DEL 2016 - Ricordiamo che la DS X E-Tense è l’evoluzione del prototipo presentato al Salone di Ginevra del 2016, la E-Tense. Una coupè dalla forme meno estreme dell’attuale concept car e sempre con propulsione elettrica. Dotata di un motore da 402 CV e 516 Nm, ha una velocità massima autolimitata a 250 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h di 4,5”. Qui l’autonomia dichiarata è superiore ai 300 km. 

Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
28 aprile 2018 - 08:49
In Cina tutto ciò lo acquista già normalmente una famigliola del Sichuan...
Ritratto di maxxx666
2 maggio 2018 - 09:01
Nel 2035 avranno già inventato il teletrasporto e le macchine non serviranno più ad una mazza.