DS4 e DS4 Crossback: vanno all'offensiva

31 agosto 2015

Il marchio “chic” francese alla caccia di nuovi spazi: a Francoforte presenterà la DS4 rinnovata a fianco della nuova proposta DS4 Crossback.

DS4 e DS4 Crossback: vanno all'offensiva
PRONTE PER NOVEMBRE - La DS dà appuntamento per metà settembre al Salone di Francoforte e per novembre nelle concessionarie per conoscere e ordinare le sue ultime novità: la nuova DS4 e la DS4 Crossback, due vetture dallo stesso nome ma dal profilo diverso. La prima è la berlina lanciata nel 2011 a cui sono state apportate importanti modifiche alla ricerca di un aplomb ancora più prestigioso, secondo la strategia voluta dal gruppo PSA per la marca DS. La seconda è una proposta inedita: una crossover derivata dalla DS4, destinata al crescente pubblico che apprezza appunto l’eleganza e la raffinatezza anche nelle vetture che uniscono l’anima della berlina con un pizzico di quella delle suv.
 
NOVITÀ E AFFINAMENTI - La berlina DS4 presenta diversi interventi di arricchimento rispetto al modello di cui va a prendere il posto. Si fanno notare subito gli inserti cromati sulla mascherina, sui paraurti, sulle fiancate e sulle cornici delle vetrature. Ma non solo. DS4 e DS4 Crossback adottano la nuova calandra già proposta sulla DS5, con forma esagonale. Oltre a ciò sulle due nuove vetture DS4 ci sono i gruppi ottici che caratterizza la marca: DS Led Vision, già visti sulla DS3 e sulla DS5.
 
GIOCHI CROMATICI - Ma l’elemento più nuovo per la DS4 è forse quello che riguarda i colori della carrozzeria. Ce ne sono quattro inediti (blu Zaffiro, Arancio Tourmaline, grigio Artense e rosso Rubino) ma soprattutto l’offerta cromatica per la nuova DS4 punta sul bicolore, con tetto e spoiler di una tinta diversa da quella della parte basa della carrozzeria. Per il tetto sono previsti quattro colori: nero Perla, Whisper, blu Infini e arancio Tourmaline, che consentono ben 38 abbinamenti. È perciò possibile che la nuova DS4 vada a caratterizzarsi per una diffusa immagine a due tinte.
 
 
PUNTA SULL’ALTEZZA - La DS4 Crossback (foto qui sopra) ha il suo principale elemento specifico nella maggiore altezza: è alta 154 cm contro i 150 della nuova DS4 berlina e con 3 cm in più di altezza minima da terra, la Crossback offre un’immagine che si stacca parecchio da quella della “sorella” berlina. Ci sono poi numerose altre parti che sono specifiche per la DS4 Crossback. È il caso del profilo più vistoso dei passaruota, il color nero per la mascherina e lo spoiler, le barre longitudinali sul tetto, cerchi di colore nero, parabrezza panoramico (con angolo visivo di 45°), specchietti esterni di colore nero.
 
TECNOLOGIA IN BATTUTA CONI TEMPI - La DS4 e la DS4 Crossback sono state allestite tenendo ben presenti le aspettative oggi molto sentite in tema di connettività. C’è il display touchscreen da 7 pollici e un sistema di connessione dei più moderni e versatili. E non mancano dispositivi che rendono la guida più piacevole oltre che fornire servizi importanti. È il caso del Pack Mapping che localizza in continuazione la posizione della vettura; il Pack Tracking che in caso di furto invia alla polizia la posizione del veicolo, oppure il Pack Monitoring, che in pratica è la versione elettronica del libretto di manutenzione, con annotazioni dei chilometraggi e delle manutenzioni. Ed è ormnai forse superfluo dire che non mancano i vari sistemi ormai familiari per il controllo dell’angolo morto degli specchietti, il mantenimento della vettura nella giusta corsia, eccetera. 
 
DUE ESORDI IN DS A BENZINA - Per le nuove proposte DS4 è prevista una gamma di sei motori, tutti turbocompressi: tre a benzina e tre diesel. Tra i primi ci sono due novità per il marchio: il 3 cilindri 1.2 PureTech turbo da 130CV e il THP 1.6 da 210 CV, entrambi integrati del sistema Stop&Start. Il 3 cilindri PureTech da 130 CV consente un risparmio del 21% nei consumi (consumo medio 20,4 km/l con emissioni di CO2 di 112 g/km). L’unità THP da 210 CV fa segnare un consumo di 16,9 km/l con 138 g/km di CO2. La terza unità a benzina è il THP 1.6 da 165 CV; quest’ultimo consente un consumo medio di 18,2 km/l (meno di 130 g/km di CO2) con un risparmio del 29% rispetto al precedente motore da 160 CV.
DS 4 Crossback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
16
24
14
20
VOTO MEDIO
2,9
2.886365
88




Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
31 agosto 2015 - 13:59
La C4 non mi dispiaceva, anche se non seguendo molto Citroen non ho capito: adesso in Italia non è più in vendita e propongono solo la DS4? Comunque per questa DS4 non sono in sintonia, mi ritrovo un po' con quello che hanno detto Claus, TheStig e romeo64. La linea non la trovo molto riuscita, la calandra stona "naso di maiale" un po' lo vedo, poi i finestrini posteriori fissi per un marchio neonato che si vuole mettere nel settore premium a detta loro, scade. Non vedo bene la DS in realtà dopo aver saggiato un po' delle loro proposte. E in un certo modo è simile come ha detto romeo a Lancia-Alfa degli ultimi tempi (pre forse Giulia per Alfa) e sappiamo benissimo com'è andata. Staremo a vedere, ora come ora per me non sono investimenti giusti quelli di Citroen.
Ritratto di M93
31 agosto 2015 - 14:15
@AMG - Si, in Italia la C4 aggiornata è disponibile solo per i clienti business, ovvero le flotte e non più acquistabile dai privati, a causa dello scarso interesse che la vettura ha suscitato. Sul fronte DS, essendo passato da pochissimo a brand vero e proprio, ci vorrà del tempo per vedere modelli originali progettati e costruiti ad hoc. Per ora, ci si limita ad aggiornare i modelli dell'era Citroen DS: la prossima, probabilmente a primavera 2016, sarà la DS3 cioè il cavallo di battaglia del marchio francese. Tenendo conto del non facile periodo che sta passando PSA col marchio del Double Chevron, con DS non sono ammessi errori. Vedremo. Un saluto.
Ritratto di romeo64
31 agosto 2015 - 11:30
La cosa incredibile è che le chiamano pure con lo stesso nome (DS3/DS4- derivate da C3/C4) se qualcuno se ne fosse dimenticato.... spero che in futuro abbiano illuminazioni.......
Ritratto di dario bmwm
31 agosto 2015 - 11:50
Si vede dal frontale, soprattutto dai fari, che DS 3 deriva dalla C3 e DS 4 dalla C4.
Ritratto di the guardian
31 agosto 2015 - 12:05
Ciumbia.. A volte su questo sito sembra di leggere i prospetti delle broshure pubblicitarie della peugeot.. lol Quante ne sanno sti francesi per vendersi meglio? LOL
Ritratto di dario bmwm
31 agosto 2015 - 11:57
Attendevo il restyling della DS 4, per vedere se i designer avessero fatto come con la 5:se l avessero cioè migliorata, il che non era un compito molto facile, perché aveva una linea molto personale e ben riuscita. Della DS 4 non mi piacciono solo alcuni dettagli, ma del resto è una buona auto ,originale sia dal punto di vista del design sia dal punto di vista proprio del "concetto" di vettura. Interessante la versione Crossback, anche questa non ha molte rivali, forse la V40 Cross Country.
Ritratto di PopArt
31 agosto 2015 - 12:16
Bellissima! Come per la DS 5, il restyling lo si apprezza di più vedendo la vettura su strada (la DS5 è scenografica!). Secondo me la vera sfida sarà modificare il frontale della DS 3 che è una delle piccole B più riuscite sul mercato. Per chi ha dubbi in merito ai progetti futuri del brand faccio sapere che in conferenza stampa hanno ampiamente spiegato che questo è solo un periodo di transizione e presto arriveranno modelli inediti.
Ritratto di torque
31 agosto 2015 - 12:34
La DS4 m'è piaciuta fin dall'inizio, pur con le sue stranezze, e anche adesso continuo a trovarla gradevole. Ma la Crossback? 3 cm, barre sul tetto, un po' di nero lucido e fatto il crossover? Se le premesse sono queste farà la fine della Cross Polo, che vederne una era un evento.
Ritratto di PopArt
31 agosto 2015 - 13:43
nell'articolo non è stata menzionata la presenza del grip control
Ritratto di giovi11
31 agosto 2015 - 12:42
3
Mi piace
Pagine