DS4 e DS4 Crossback: vanno all'offensiva

31 agosto 2015

Il marchio “chic” francese alla caccia di nuovi spazi: a Francoforte presenterà la DS4 rinnovata a fianco della nuova proposta DS4 Crossback.

DS4 e DS4 Crossback: vanno all'offensiva
PRONTE PER NOVEMBRE - La DS dà appuntamento per metà settembre al Salone di Francoforte e per novembre nelle concessionarie per conoscere e ordinare le sue ultime novità: la nuova DS4 e la DS4 Crossback, due vetture dallo stesso nome ma dal profilo diverso. La prima è la berlina lanciata nel 2011 a cui sono state apportate importanti modifiche alla ricerca di un aplomb ancora più prestigioso, secondo la strategia voluta dal gruppo PSA per la marca DS. La seconda è una proposta inedita: una crossover derivata dalla DS4, destinata al crescente pubblico che apprezza appunto l’eleganza e la raffinatezza anche nelle vetture che uniscono l’anima della berlina con un pizzico di quella delle suv.
 
NOVITÀ E AFFINAMENTI - La berlina DS4 presenta diversi interventi di arricchimento rispetto al modello di cui va a prendere il posto. Si fanno notare subito gli inserti cromati sulla mascherina, sui paraurti, sulle fiancate e sulle cornici delle vetrature. Ma non solo. DS4 e DS4 Crossback adottano la nuova calandra già proposta sulla DS5, con forma esagonale. Oltre a ciò sulle due nuove vetture DS4 ci sono i gruppi ottici che caratterizza la marca: DS Led Vision, già visti sulla DS3 e sulla DS5.
 
GIOCHI CROMATICI - Ma l’elemento più nuovo per la DS4 è forse quello che riguarda i colori della carrozzeria. Ce ne sono quattro inediti (blu Zaffiro, Arancio Tourmaline, grigio Artense e rosso Rubino) ma soprattutto l’offerta cromatica per la nuova DS4 punta sul bicolore, con tetto e spoiler di una tinta diversa da quella della parte basa della carrozzeria. Per il tetto sono previsti quattro colori: nero Perla, Whisper, blu Infini e arancio Tourmaline, che consentono ben 38 abbinamenti. È perciò possibile che la nuova DS4 vada a caratterizzarsi per una diffusa immagine a due tinte.
 
 
PUNTA SULL’ALTEZZA - La DS4 Crossback (foto qui sopra) ha il suo principale elemento specifico nella maggiore altezza: è alta 154 cm contro i 150 della nuova DS4 berlina e con 3 cm in più di altezza minima da terra, la Crossback offre un’immagine che si stacca parecchio da quella della “sorella” berlina. Ci sono poi numerose altre parti che sono specifiche per la DS4 Crossback. È il caso del profilo più vistoso dei passaruota, il color nero per la mascherina e lo spoiler, le barre longitudinali sul tetto, cerchi di colore nero, parabrezza panoramico (con angolo visivo di 45°), specchietti esterni di colore nero.
 
TECNOLOGIA IN BATTUTA CONI TEMPI - La DS4 e la DS4 Crossback sono state allestite tenendo ben presenti le aspettative oggi molto sentite in tema di connettività. C’è il display touchscreen da 7 pollici e un sistema di connessione dei più moderni e versatili. E non mancano dispositivi che rendono la guida più piacevole oltre che fornire servizi importanti. È il caso del Pack Mapping che localizza in continuazione la posizione della vettura; il Pack Tracking che in caso di furto invia alla polizia la posizione del veicolo, oppure il Pack Monitoring, che in pratica è la versione elettronica del libretto di manutenzione, con annotazioni dei chilometraggi e delle manutenzioni. Ed è ormnai forse superfluo dire che non mancano i vari sistemi ormai familiari per il controllo dell’angolo morto degli specchietti, il mantenimento della vettura nella giusta corsia, eccetera. 
 
DUE ESORDI IN DS A BENZINA - Per le nuove proposte DS4 è prevista una gamma di sei motori, tutti turbocompressi: tre a benzina e tre diesel. Tra i primi ci sono due novità per il marchio: il 3 cilindri 1.2 PureTech turbo da 130CV e il THP 1.6 da 210 CV, entrambi integrati del sistema Stop&Start. Il 3 cilindri PureTech da 130 CV consente un risparmio del 21% nei consumi (consumo medio 20,4 km/l con emissioni di CO2 di 112 g/km). L’unità THP da 210 CV fa segnare un consumo di 16,9 km/l con 138 g/km di CO2. La terza unità a benzina è il THP 1.6 da 165 CV; quest’ultimo consente un consumo medio di 18,2 km/l (meno di 130 g/km di CO2) con un risparmio del 29% rispetto al precedente motore da 160 CV.
DS 4 Crossback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
16
24
14
20
VOTO MEDIO
2,9
2.886365
88




Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
31 agosto 2015 - 13:35
3
DS4. Ha perso un po' di personalità rispetto al modello pre-restiling, l'hanno fatta diventare più seria. Quei vetri posteriori fissi non li digerisco nemmeno io.
Ritratto di canton
31 agosto 2015 - 14:44
Preferivo il modello pre-restyling,anche i vetri posteriori fissi? O.o
Ritratto di LucaTonelli
31 agosto 2015 - 16:20
Trovo davvero ben riuscita l'integrazione del nuovo frontale; peccato solo che mantenga i difetti funzionali del precedente modello (portiere posteriori molto piccole con vetri fissi).
Ritratto di MatteFonta92
31 agosto 2015 - 17:30
3
La DS4 secondo me è stata la meno riuscita della "famiglia" DS, con la 3 e la 5 che, bene o male, si sono distinte per la forte personalità abbinata ad un look chic e, oserei dire, quasi "premium". La DS4 però non mi ha mai detto nulla, e anche con questo restyling alla fine non cambia granché.
Ritratto di opinionista
1 settembre 2015 - 14:02
2
È vero ... rispetto a DS5 e la piccola DS3 è sempre stata "in ombra" e questo chiamiamolo aggiornamento non ha sortito nulla di buono
Ritratto di rikykadjar
31 agosto 2015 - 21:03
3
Sembrerò contrroccorrente ma preferisco questa mascherina anche se non avrei toccato i fari anteriori. Interessante la versione Crossback.
Ritratto di dorian gray
31 agosto 2015 - 21:28
Mah? Che dire....a me questo tentativo di fare una linea di lusso siglata DS sembra un grosso flop annunciato....good luck.
Ritratto di lybram
1 settembre 2015 - 08:55
questi non hanno ancora trovato il muro giusto su cui SCHIANTARSI! se si impegnano, forse riescono a salvare Peugeot. Citroen è quasi morta, e queste DS sembrano vane scariche di defibrillatore! Vetri posteriori fissi IMPROPONIBILI.
Ritratto di Isogrifo70
1 settembre 2015 - 23:02
1
Concordo: i vetri posteriori fissi sono quasi da reato.
Ritratto di monodrone
1 settembre 2015 - 10:10
Sul colpo mi è sembrata una Peugeot.
Pagine