NEWS

L’ecobonus entra a regime

05 aprile 2019

Gli incentivi per l'acquisto di auto elettriche e ibridi previsti dalla Legge di Bilancio 2019 sono ora operativi a tutti gli effetti.

L’ecobonus entra a regime

ARRIVA IL DECRETO - Una nota ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha annunciato lo sblocco del tanto agognato ecobonus, gli incentivi per l’acquisto di auto ibride e elettriche; il decreto attuativo che ne disciplina le procedure di erogazione è stato registrato dalla Corte dei Conti e, non appena sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sarà possibile procedere alla richiesta tramite la piattaforma dedicata (già online dallo scorso  1 marzo). I concessionari potranno inserire sulla stessa piattaforma l'ordine e la prenotazione dell'incentivo, e avranno 180 giorni di tempo per la consegna del veicolo.

MASSIMO 6 MILA EURO - L’importo dell'ecobonus è basato sulle effettive emissioni del veicolo dichiarate dalla casa produttrice e certificate sul libretto di circolazione; può variare da un minimo di 1.500 euro ad un massimo di 6.000 euro (per emissioni di CO2 inferiori a 70 g/km). Per poter fruire dell’ecobonus è necessario che il prezzo di listino del veicolo sia inferiore a 50mila euro (Iva esclusa); l'acquirente potrà fruire dell’incentivo sotto forma di sconto sul prezzo di acquisto.

INCENTIVO

Emissioni CO2 (g/km)*

Con rottamazione (euro)

Senza rottamazione (euro)

0-20

6.000

4.000

21-70

2.500

1.500

*valori secondo il ciclo di prova WLTP convertito in NEDC


> VEDI LE AUTO CHE BENEFICIANO DELL'INCENTIVO





Aggiungi un commento
Ritratto di Marco_Tst-97
7 aprile 2019 - 00:51
Mica così facile, dato che spesso auto.nuove con 160 CV di potenza eccedono tale livello, soprattutto se a benzina.
Ritratto di deutsch
7 aprile 2019 - 01:10
4
Non direi proprio. Audi s3 300 cv 155gr. C5 aircross, ma anche 3008, 5008 1.6 181cv 131gr, tarraco 1.5 150cv 147gr. Per contro dr3 1.5 106cv 180gr, fiat tipo 1.4 120 cv 164gr quando la focus con 125cv ne emette solo 107gr
Ritratto di Marco_Tst-97
7 aprile 2019 - 09:48
DR3 1.5 180 g/km, DR4 1.6 174 g/km, DR5 164 g/km, DR6 179 g/km, Fiat Tipo 1.4 T-Jet 120 CV 160-164 g/km, attuale Ford Kuga 2.0 120 CV Powershift e 150 CV AWD Powershift 164/161 g/km, Hyundai Kona 1.6 T-GDI 177 CV 160 g/km, Hyundai Tucsono 1.6 GDI 132 CV 162 g/km, Jeep Renegade Trailhawk 173 g/km, Jeep Compass 2.0 Multijet 140 CV 4WD automatica 177 g/km, Mahindra XUV 500 183 g/km, Mazda CX5 2.0 AWD 165 CV 163 g/km, Opel Insigna 2.0 CDTI 170 CV AWD 161 g/km (164 la ST), Opel Zafira benzina 160/170 g/km, Opel Mokka X 1.4 Turbo 4x4 140 CV 167 g/km, Skoda Kodiaq 2.0 TDI 4x4 DSG 150 CV 168 g/km, SsangYong Tivoli 1.6 e-XGi 128 CV 166 g/km, SsangYong XLV stesso motore 174 g/km, SY Korando 2.0 2WD/AWD 175/195 g/km, SY Rexton 2WD 199 g/km, 4WD 204 g/km, Subaru Levorg 1.6 DIT 164 g/km, Toyota GT86 196 g/km. E non ho preso in considerazione modelli con prezzi superiori ai €40 000, ma molto venduti e apprezzati per questioni di spazio e modulabilità degli interni, come Renault Espace o Land Rover Discovery Sport.
Ritratto di deutsch
7 aprile 2019 - 17:47
4
Proprio le auto che prendono persone con stipendi modesti e nel mio piccolo esempio ho messo solo i benzina, col tuo confermi che vengono disincentivati col malus quelle con tecnologia inefficienti e che quindi consumano tanto oppure quelle grandi e potenti e pure quattro ruote motrici. Grazie della conferma
Ritratto di deutsch
7 aprile 2019 - 17:53
4
Suppongo che tu sia al corrente che i valori per l'applicazione dell ecomalus si basano sul nedc e non sul nuovo wltp. Per esempio la kodiak che citi negli altri allestimenti pari potenza cambio e trazione è sotto al limite, può scegliere di rinunciare alle gomme larghe e non paghi il malus oppure consapevolmente prendere la versione 7 tech e pagarlo
Ritratto di Marco_Tst-97
8 aprile 2019 - 00:31
Mettila come ti pare, ma guardarti intorno e capirai la realtà del mercato auto. Il crollo delle vendite è solo all'inizio...
Ritratto di deutsch
8 aprile 2019 - 09:22
4
di certo non è imputabile al malus anzi mi semrba di aver letto che sono aumentate le vendite di auto soggette
Ritratto di Gianluigi74
6 aprile 2019 - 21:50
Solo in Italia si poteve immaginare una tale idiozi@ economica e sociale. Solo in italia i rappresentatni del governo e delle istituzioni vanno in giro con autovetture prodotte all'estero da lavoratori non italiani. Solo in Italia si poteva pensare di regalere 6000 euro presi dale tasche di lavoratori come me che ci mettono 5 mesi a guadagnarli per ragalarli a dei fighetti figli di papà che si comprano la tesla fatta in america nelle gigafacotory di elon Musk! PAZZIA TOTALE e VERGOGNA ALLA FACCIA' della povertà e di chi in Italia ci vive e lavora! FATE SEMPLICEMENTE RIBREZZO VOI POLITICI CHE LO AVETE RESO POSSIBILE E VOI CHE COME BAMBOLOTTI COMMENTATE PURE CON FAVORE! Prima si pensa al nostro tessuto sociale e produttivo, si programma con chi le automobili le produce per davvero in Italia, uno sviluppo sostenibile di macchine a basse emissioni e se volete anche elettriche, poi si realizza la rete distributiva per le ricariche elttriche e poi si incentivano alla vendita, privilegiando prima di tutto chi ha meno reddito!!! Qui si è fatto l'opposto. PAZZESCO! INDECENTE! VERGOGNOSO!
Ritratto di deutsch
6 aprile 2019 - 23:53
4
Veramente è cosi più o meno dappertutto, anzi siamo tra gli ultimi ad essere arrivati a questi provvedimenti sia in bonus che in malus. Pure gli usa del noto ambientalista trump aveva il bonus x elettriche
Ritratto di deutsch
7 aprile 2019 - 00:00
4
Dimentichi che molte auto italiane sono prodotte all'estero, che la nostrana fiat, oggi fca non ha nemmeno più la sede legale in italia. Dimentichi anche che la czero elettrica è in vendita dai concessionari a 18k da cui sottrarre i 6k dello stato. Non proprio un utente fighetta e figlio di papà come ad alcuni piace raccontare quando si parla di elettrico come se fosse sinonimo di tesla. In ogni caso il poveraccio che compra la tesla versa almeno 13k di iva
Pagine