NEWS

L’ecobonus entra a regime

05 aprile 2019

Gli incentivi per l'acquisto di auto elettriche e ibridi previsti dalla Legge di Bilancio 2019 sono ora operativi a tutti gli effetti.

L’ecobonus entra a regime

ARRIVA IL DECRETO - Una nota ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha annunciato lo sblocco del tanto agognato ecobonus, gli incentivi per l’acquisto di auto ibride e elettriche; il decreto attuativo che ne disciplina le procedure di erogazione è stato registrato dalla Corte dei Conti e, non appena sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sarà possibile procedere alla richiesta tramite la piattaforma dedicata (già online dallo scorso  1 marzo). I concessionari potranno inserire sulla stessa piattaforma l'ordine e la prenotazione dell'incentivo, e avranno 180 giorni di tempo per la consegna del veicolo.

MASSIMO 6 MILA EURO - L’importo dell'ecobonus è basato sulle effettive emissioni del veicolo dichiarate dalla casa produttrice e certificate sul libretto di circolazione; può variare da un minimo di 1.500 euro ad un massimo di 6.000 euro (per emissioni di CO2 inferiori a 70 g/km). Per poter fruire dell’ecobonus è necessario che il prezzo di listino del veicolo sia inferiore a 50mila euro (Iva esclusa); l'acquirente potrà fruire dell’incentivo sotto forma di sconto sul prezzo di acquisto.

INCENTIVO

Emissioni CO2 (g/km)*

Con rottamazione (euro)

Senza rottamazione (euro)

0-20

6.000

4.000

21-70

2.500

1.500

*valori secondo il ciclo di prova WLTP convertito in NEDC


> VEDI LE AUTO CHE BENEFICIANO DELL'INCENTIVO





Aggiungi un commento
Ritratto di Marco_Tst-97
8 aprile 2019 - 15:46
Quando ognuno in casa ne ha uno, e si è in 4...
Ritratto di deutsch
8 aprile 2019 - 15:51
4
hai proprio ragione Un caricabatterie classico ha una potenza che va dai 3 ai 7 watt, quindi ipotizzando un utilizzo di 2 ore circa si consumeranno da 0,006 a 0,014 Kw all’ora
Ritratto di Gatsu
7 aprile 2019 - 17:28
2
Ma chi li utilizza se l'esborso è cmq elevato con gli incentivi compresi, è una pagliacciata
Ritratto di deutsch
7 aprile 2019 - 18:04
4
Considerando che una utilitaria nuova parte da 10k non mi sembra un esborso eccessivo 12k per una eletrica che garantisce forti risparmi di gestione
Ritratto di deutsch
7 aprile 2019 - 19:40
4
Se tanto le elettriche non le comprano i soldi rimarranno in tasca al governo e non verranno spesi. Non vedo il vostro problema
Ritratto di Gatsu
7 aprile 2019 - 21:55
2
A parte che le elettriche NON partono da 10.000 euro ma intorno ai 25.000 a salire x una citycar (c'era pure l'articolo su alVolante) quindi con incentivi compresi cmq c'è un prezzo di partenza di 19.000 euro, ma poi al governo non solo rimarranno i soldi degli incentivi in tasca ma si intascano anche quelli della tassa su quelle normali, in pratica tutto guadagno senza il minimo esborso o quasi, gli unici che ci perdono sono i cittadini che si vedono alleggerire di più il portafoglio con l'ennesima tassa, infine i costi di gestione di una elettrica non sono bassi, tutt'altro: https://www.motorbox.com/auto/magazine/vivere-auto/audi-e-tron-i-costi-di-ricarica-abbonamenti-consumi-per-100-km Questa storia dell'elettrico è solo una enorme presa in giro.
Ritratto di deutsch
8 aprile 2019 - 09:46
4
quanta mala fede solo per criticare l'elettrico. la rivista ha esaminato i prezzi di listino. ecco la promozione della czero ufficiale a 18890k senza considerare l'incentivo (https://www.citroen.it/modelli/citroen/c-zero/offerte-e-promozioni.html#sticky). venendo ai costi di gestione che vorrei ricordarti non sono solo i costi del carburante. innanzitutto hanno rilevao che hai citato proprio due esempi di auto da generazione 1000 euro al mese. inoltre per lìelettrico hanno consdierato solo i costi di ricarica da colonnine (secondo te un poveraccio che spende 90k per un'aito non ha un box, un impianto elettrico potente e probabilmente anche il fotovoltaico, oppure direttamente ricarica in ditta), mentre per il gasolio hanno tenuto un prezzo di rifeimento basso e non da autostrada. peccato che nei primi 5 anni la bmw spenda oltre € 17k per bollo e superbollo mentre l'elettrico 0, manutenzione.... niente olio, filtro olio, frizione, distrubuzione urea, turbo, catalizzatori vari, ect ect et. anche l'assicurazione di una elettrica costa molto meno rispetto all'analoga a carburante. facciamo i conti con l'oste, non senza
Ritratto di Gatsu
8 aprile 2019 - 10:00
2
Guarda che c'è scritto usato da rottamare, quindi pur con uno sconto l'offerta comprende certamente l'incentivo, non può essere cumulabile e pagare da 30.000 a 12.000 un'auto come prezzo di partenza, poi riguardo al bollo AL MOMENTO è vero che non si paga, però non è detto che sarà così anche in futuro, visto che è una tassa troppo ghiotta x il governo, e i tagliandi li devono fare anche le elettriche, che pur non avendo frizioni, distribuzione, urea ecc hanno cmq altre parti costose da dover riparare o sostituire, tecnologie diverse non significa zero manutenzione.
Ritratto di deutsch
8 aprile 2019 - 10:11
4
sono deduzioni tue quello sulla non cumulabilità, in ogni caso l'offerta non lo indica. senza rottamazione anche l'incentivo scende. hai ragione anche le elettriche devono fare il tagliando perchè devono cambiare il filtro abitacolo, risparmiano solo su olio, filtro olio, filtro aria motore, candele, rabbocco refrigerante e cosucce del genere senza contare che i freni durano il triplo. in merito al bollo non è dato sapere cose succederà in futuro ma nel presente la situazione è questa, nel tuo esempio solo per questa voce la bmw spende € 3500 all'anno a fronte degli zero di audi..... sai quante ricariche fai con quei soldi???'
Ritratto di Gatsu
8 aprile 2019 - 10:45
2
Deduzioni mie??? Ma se rottami l'auto nell'offerta è ovvio che comprende l'incentivo, anzi senza quello cmq ti fanno un grosso sconto (anche se rimane cmq cara), poi secondo te veramente le auto elettriche non dovranno fare i tagliandi? Ovvio che saranno altri i pezzi da cambiare, e al presente ci sono cmq ancora troppi limiti x scegliere una elettrica se non x un riccone che si vuole togliere lo sfizio, siamo ben lontani dall'inizio di una motorizzazione di massa
Pagine