NEWS

Esce di scena l'Aston Martin Cygnet

1 ottobre 2013

In due anni l'utilitaria di lusso costruita sulla base della Toyota iQ non ha mai incontrato i favori del pubblico.

Esce di scena l'Aston Martin Cygnet
MAI AMATA - A soli due anni dal debutto, nei listini dell'Aston Martin non comparirà più la Cygnet: un'auto che, con il senno di poi, non è stata amata quanto la dirigenza sperava. L'amministratore delegato dell'azienda inglese, Urlich Bez, aveva previsto vendite per circa 4.000 esemplari l'anno; secondo la rivista inglese Autocar, il dato reale non è andato oltre qualche centinaio di unità.
 
 
BASE TOYOTA - L'Aston Martin Cygnet è nata nel 2011 sulla base della Toyota iQ, di cui conserva la linea, pur se impreziosita da alcuni elementi stilistici realizzati dall'Aston Martin, tra cui l'appariscente mascherina anteriore a listelli orizzontali cromati. Profondamente rivisti, e improntati al lusso, gli interni, anche se la componentistica di provenienza Toyota non sfugge a un occhio attento. Invariata la meccanica: il motore è l'unità da 1,3 litri, alimentato a benzina, della iQ: 98 onesti cavalli ed emissioni inquinanti (120 g/km di CO2) ben più ridotte rispetto alle sportive marchiate Aston Martin.
 
 
INQUINAVA POCO - Proprio questo aspetto ha condizionato, in positivo e in negativo, la nascita della Cygnet: nel 2011 sembrò il modo più rapido per abbassare la media delle emissioni medie di CO2 come richiesto dalle leggi dell'Unione Europea. Ma la cosa non ha funzionato: la Cygnet era troppo distante dalla tradizione Aston Martin e troppo costosa per chi voleva un'utilitaria pur se di lusso: al momento del lancio, la Cygnet costava più di 40.000 euro, contro i 12.000 della iQ. Quasi certamente la Cygnet non avrà un'erede:la nuova proprietà, rappresentata da Andrea Bonomi, ha già detto che la casa inglese non ripeterà l'errore.
Aston Martin Cygnet
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
18
2
7
15
98
VOTO MEDIO
1,8
1.764285
140
Aggiungi un commento
Ritratto di lucios
1 ottobre 2013 - 22:30
4
....anche per i ricchi che possono comprarla.
Ritratto di argoysamantha
2 ottobre 2013 - 00:34
sarei curioso di sapere chi ha avuto l'idea di produrre una ciofeca simile, il punto non è che ha fallito, penso che anche un posteggiatore abusivo e alcoolizzato avrebbe sconsigliato il progetto. Pittosto sarebbe interessante entrare nella psiche del genio che ha avuto la pensata! si aprirebbe un mondo fantastico.
Ritratto di Sam1989
2 ottobre 2013 - 08:03
Era ora che uscisse di scena! Pessima come la iQ ma se a qualcuno piace viaggiare su auto minuscole per trovare parcheggio allora è comunque meglio la iQ. Non so cosa ci fosse nella testa di chi ha ideato questo modello. Non credo che una Smart premium venderebbe tanto.... figuriamoci una iQ ASTON MARTIN!!!
Ritratto di studio75
2 ottobre 2013 - 11:59
5
una mia amica stava per comprarsi una IQ ed io l'ho salvata in tempo indirizzandola verso la smart diesel. ancora mi ringrazia... comunque l'Aston Martin dovrebbe abbattere il livello CO2 come fanno le altre case supersportive: ibrido elettrico.
Ritratto di Bounty Killer
2 ottobre 2013 - 13:24
L'idea d'una piccola ed esclusiva vettura per nababbi poteva anche funzionare. Magari progettando - visto il brand tipico dell'Aston Martin - un piccolo coupè sportivo sulla falsariga di vetture come la Ford Puma o l'Opel Tigra di qualche anno fa. E invece? Hanno preso il più ributtante botolo esistente sul mercato (la PESSIMA e ORRENDA Toyota IQ), gli hanno appiccicato sopra due stemmini e un po' di pelle dentro, sperando che almeno 4000 ricconi l'anno gettassero nel water 40 e passa mila €... Peccato per loro che non tutti i ricconi - per quanto talvolta "stravaganti" o "trasgressivi" - sono dei rinco, per cui l'epilogo di questo schifo è più che ovvio!
Ritratto di baccio
2 ottobre 2013 - 14:08
Eppure a me piaceva da impazzire... Cioe' avevi una macchina di lusso, o meglio che costava un botto, e all apparenza era una semplice utilitaria. Cioe' il lusso non ostentato.. tutto il contrario, di chi spende 30mila e piu' euro per un a3, si crede d aver chissa' cosa sotto il culo, quando ha piu' o meno una punto!!
Ritratto di M93
2 ottobre 2013 - 15:00
Un vero azzardo! Come è noto i ricchi (quelli veri) sono stravaganti nelle loro scelte e nei loro acquisti, ma pensare di venderne 4000 l'anno è a dir poco ridicolo. I milionari non comprano auto di questo genere, sapendo poi che l'auto è poco più che una IQ con qualche dettaglio Aston Martin, a maggior ragione. Comunque le poche centinaia di esemplari prodotti, tra qualche anno varranno una fortuna.
Ritratto di Rey
2 ottobre 2013 - 15:26
2
era ora, è una IQ costosa e basta, un flop
Ritratto di Boys
2 ottobre 2013 - 17:38
1
era ora...a quel prezzo....
Ritratto di GiorgioBG68
3 ottobre 2013 - 00:09
1
che di listino costava qualcosa come 51.000 euro...già era uno sproposito spendere 12-13.000 euro per una IQ, figuriamoci una cifra simile per una IQ con la mascherina Aston! Avesse avuto che ne so, almeno un motore esclusivo...macché, niente di niente, solo un interno in pelle e mascherina e fanali posteriori diversi, stop! Saranno pure milionari, ma mica fessi eh...
Pagine