NEWS

Estate 2017: previsioni del traffico sulle autostrade per le vacanze

21 luglio 2017

Vediamo le previsioni di traffico sulle autostrade per le vacanze estive: ecco quali sono le giornate più critiche da bollini neri e rossi.

Estate 2017: previsioni del traffico sulle autostrade per le vacanze

TABELLA DI MARCIA - La mattina e il pomeriggio di sabato 5 agosto saranno i momenti peggiori in cui mettersi al volante in autostrada per raggiungere le località delle vacanze, complice l’alto numero di vetture previste e il grande traffico che i gestori si aspettano. Lo stimano i tecnici della società pubblica Viabilità Italia, istituita presso il Ministero dell’Intero, che fronteggia le situazioni di crisi legate alla viabilità e adotta strategie di intervento per scongiurarle. Stando alle proiezioni dell’istituto (schema qui sotto), il 5 agosto sarà l’unica giornata dell’estate 2017 contrassegnata dal bollino nero, atteso di mattina e al pomeriggio: in queste fasce della giornata il traffico sarà particolarmente inteso. 

> I CONSIGLI PER UNA PARTENZA INTELLIGENTE

MOMENTI CLOU - La situazione sarà critica anche il pomeriggio di venerdì 21 luglio, la mattina di sabato 22, il pomeriggio di venerdì 28, la mattina e il pomeriggio di sabato 29, la mattina di domenica 30, il pomeriggio di venerdì 4 agosto, la mattina di domenica 6, il pomeriggio di venerdì 11 e la mattina e il pomeriggio di sabato 12. In questi momenti è previsto il bollino rosso, quindi il traffico sarà intenso ma non problematico come in presenza del bollino nero. Il ritorno dalle località di vacanza andrà evitato il mattino e il pomeriggio di sabato 19 agosto, domenica 20, sabato 27 e domenica 27, quando verrà esibito il bollino rosso, atteso anche il mattino e il pomeriggio di sabato 2 settembre, domenica 3, il pomeriggio di sabato 9 e la mattina di domenica 10.

MENO CANTIERI - Le condizioni del traffico potrebbero quindi migliorare rispetto al 2016, anno in cui il bollino nero era stato assegnato al 6 e al 13 agosto. Il motivo di questa riduzione va trovato nelle partenze cosiddette intelligenti, quindi meglio distribuite nel corso dei giorni, come ha spiegato a La Stampa il presidente della società Autostrade per l’Italia, Roberto Mastrangelo, una di quelle che hanno in gestione tratti autostradali nel nostro Paese: secondo Mastrangelo quest’anno i trasferimenti sono più distribuiti nell’arco dell’estate e non più concentrati in pochi giorni. La società pubblica che si occupa della gestione di altri tragitti autostradali, l’Anas, ha promesso di tagliare i cantieri mobili del 30% rispetto all’anno scorso. Saranno minori pertanto i lavori di costruzione, manutenzione e risanamento in cui sono presenti macchinari che si spostano da un giorno all’altro, ad esempio perché devono riasfaltare la strada o ridipingere la segnaletica.



Aggiungi un commento
Ritratto di otttoz
21 luglio 2017 - 13:59
se si è in due patentati di notte ci si può alternare alla guida,si tova meno traffico,si viaggia freschi ed al mattino si è già arrivati. Se si ha sonno però fermarsi:un mio amico si addormentò alla guida sognando di guidare regolarmente,scampò la pelle per poco!
Ritratto di lucios
21 luglio 2017 - 15:12
4
Domani 22, parto io per un week end, ma mi sa che non proprio giallina la situazione!
Ritratto di Rav
21 luglio 2017 - 16:22
3
State attenti, rispettate le regole e usate la testa. Spesso gli ingorghi li creano gli automobilisti senza che ci siano reali situazioni di "intoppo". Fare la fila in corsia di sorpasso mentre le altre sono libere, rischiando solo di tamponare, non ha affatto senso e pure guardare l'incidente nella direzione opposta è solo un pericolo. Buone ferie a tutti! Io quest'anno purtroppo in autostrada viaggerò solo per lavoro e non per piacere.
Ritratto di Lo Stregone
24 luglio 2017 - 12:01
Concordo: non passa giorno che non si vedano per le strade cose "assurde". Saluti.
Ritratto di Alfa1967
21 luglio 2017 - 18:43
Finitela con bollino nero o rosso. Alcune autostrade A8-A4 hanno tali bollini tutto l'anno ma non fate nulla per cambiare la situazione. Il pedaggio lo aumentate regolarmente ma l'asfalto drenante non lo impiegate,vedi tratta Cormano Sesto. Chi viaggia tutto l'anno non ne può più di queste cazzate.
Ritratto di Lo Stregone
24 luglio 2017 - 11:30
addirittura Cazz...e?
Ritratto di G P C
22 luglio 2017 - 03:32
bah, si parla sempre di crisi, di disoccupazione, di difficolta' economiche, ma basta un giorno di festa per fare ponti ultralunghi con autostrade intasate all'inverosimile, non parliamo di questo periodo, sempre bollini rossi e neri, su qualsiasi tratto autostradale porti in posti di villeggiatura, ove, ovviamente, si registra il tutto esaurito...scusate lOT, ma mi è venuto da fare questa riflessione
Ritratto di lucios
23 luglio 2017 - 14:30
4
Beh, non tutti si dirigono al sud (il maggior esodo) per vacanza. Molti tornano alle famiglie. E poi credo che parecchi italiani ormai si accontentano di mangiare pane e cipolla ma non rinunciano alla vacanza. Infine, c'era un mio amico il quale raccontava che ogni anno andava a Montecarlo, per poi andare alla più pop e vicina Menton. Riflettete.....
Ritratto di Lo Stregone
24 luglio 2017 - 11:45
C'è anche chi risparmia in altro modo. Per esempio: weekend fuori città? Portare il mangiare da casa e dormire in auto, in sosta da qualche parte. Si risparmia moltissimo...... Poi ci sono anche quelli che si fanno una galoppata automobilistica giornaliera viaggiando come delle saette; partono la mattina e tornano la sera,specialmente nei fine settimana, sia sabato che domenica. Ma questa è un'altra cosa con la differenza che il risparmio nel carburante non c'è. e probabilmente non gliene importa nulla.
Ritratto di Paolo-Brugherio
24 luglio 2017 - 12:38
6
Beh, quella di dormire in auto (preferibilmente in una stazione di servizio, per potersi lavare sia la sera che la mattina) è una cosa che facevo da giovane con la 500 negli anni '70, ma che ho anche fatto da maturo 50 ~ 60enne (in compagna della moglie), soprattutto perchè in Europa, dopo un cert'ora, più di una volta non ho trovato da dormire. Mangiare: OK i ristoranti, ma cosa c'è di meglio che passare da un supermercato e comprarsi qualcosa da consumare all'aperto all'ombra di una pianta? Autostrade: se posso, le evito! Faccio un esempio: almeno una volta all'anno vado qualche giorno in Baviera... partendo da Milano, non mi beccano più con l'autostrada, col suo costo fino al Brennero, poi la vignetta austriaca, il Ponte Europa... ora faccio l'Engadina (la valle di St. Moritz). E' vero, ci impiego circa un'ora e mezzo in più, ma è tutto un altro viaggiare: tragitto vario in mezzo a bellissime montagne, quando vuoi ti fermi in mezzo alla natura e mangi quello che ti sei portato da casa... Bah, mi vengono quegli ammassi di gente negli Autogrill
Pagine