NEWS

Solo due stelle EuroNcap per la cinese Landwind CV9

24 novembre 2010

Risultato deludente per la monovolume cinese che sarà in vendita in Europa l'anno prossimo. L'abitacolo è al limite della resistenza e mancano accessori importanti come gli airbag laterali e l'Esp.

CI RIPROVA - L'EuroNcap, l'ente indipendente che verifica la sicurezza delle auto, ha sottoposto ad una serie di test la CV9, una nuova monovolume che la cinese Landwind venderà in Europa a cominciare dall'anno prossimo. Nel 2005, la Landwind aveva pianificato di importare una suv. Decisione “congelata” a causa dei pessimi risultati ottenuti nei crash test effettuati dall'Adac, l'automobile club tedesco. Ora ci riprova con questa CV9 che la Landwind assicura di aver progettato secondo standard europei, avvalendosi della collaborazione del Tüv, l'ente indipendente di certificatore tedesco.
 

Euroncap landwind cv9 03

COME LE GIUDICANO - Il punteggio finale di un'auto sottoposta ai test dell'EuroNcap viene espresso con delle stelle, fino a cinque, che indicano il massimo livello di sicurezza raggiungibile con la tecnologia oggi disponibile. Questo punteggio è calcolato sui risultati ottenuti da tre test d'impatto differenti, che misurano: protezione per gli adulti, per i bambini e per i pedoni. Questi, insieme all'equipaggiamento di sicurezza, determinano la valutazione complessiva. I punteggi si esprimono in percentuale. Se, ad esempio, una vettura ottiene il 90% sulla protezione dei bambini, significa che offre un grado di sicurezza molto vicino al massimo disponibile secondo la tecnologia odierna. 

Euroncap landwind cv9


UN ESAME DIFFICILE - Ricordiamo che, rispetto all'anno scorso, l'EuroNcap ha deciso di rendere i test più severi: nel 2009 sono state tante le auto ad ottenere le cinque stelle. In particolare, sono state alzate le soglie di valutazione dei vari test: ora per ottenere le cinque stelle la vettura deve ottenre un giudizio pari o superiore a: 80% per la protezione degli adulti (prima era 75%), 75% per la protezione dei bambini (prima era 70%) e 40% nell'investimento del pedone (prima era 25%).

SOLO DUE STELLE - Dai risultati ottenuti nell'ultima sessione di test EuroNcap emerge che la Landwind CV9 non offre ancora gli stessi standard di sicurezza ai quali ci hanno abituato le moderne auto europee, giapponesi e coreane: ha ottenuto solo due stelle su cinque. Un risultato deludente sul quale pesano la mancanza di accessori fondamentali per la sicurezza attiva e passiva come l'Esp e gli airbag laterali: ci sono solo quelli frontali. Vediamo quali sono stati i giudizi espressi dall'EuroNcap.

Euroncap landwind cv9 02


AI LIMITI DELLA SICUREZZA
- Secondo l'EuroNcap, emerge che la scocca della  LandWind CV9, alla velocità d'urto del test (64 km/h), è al limite della sua resistenza: se l'impatto avvenisse a velocità superiori la struttura potrebbe collassare. Nell'urto frontale contro la barriera, la CV9 ha ottenuti risultati contrastanti: se la protezione di ginocchia e femori è giudicata buona, quella del busto è appena sufficiente. La plancia presenta delle zone troppo rigide che potrebbero ferire i passeggeri anteriori, mentre la colonna dello sterzo arretra troppo nell'abitacolo e, invadendo la zona della pedaliera, mette a rischio i piedi del guidatore.

NIENTE TEST DEL PALO - Priva di airbag laterali e per la testa, la Landwind CV9 nell'urto laterale contro la barriera non ha certo brillato. La protezione per il busto è stata giudicata appena sufficiente e il più severo del test contro il palo non è stato eseguito. Inoltre, l'EuroNcap ha rilevato che tre portiere si sono aperte dopo la prova d'impatto laterale. La Landwind ha attribuito questo fatto alle molle delle portiere e ha annunciato che sui modelli di produzione verranno sostituite con altre più resistenti.

Euroncap landwind cv9 04


COSÌ COSÌ I BAMBINI
- Passiamo all'analisi della protezione offerta ai bambini, che rileva quanto vengano trattenuti i seggiolini dalle cinture di sicurezza. Nell'urto frontale la testa del manichinino di tre anni ha avuto un movimento superiore ai limiti raccomandati, mentre nel crash laterale sia il manichino di 3 anni che quello di 18 mesi sono stati correttamente trattenuti. L'EuroNcap fa anche notare che l'airbag del passeggero anteriore non è disattivabile e non ci sono chiare indicazioni sui rischi di porre il seggiolino per bambini sul sedile anteriore.

MALE ANCHE I PEDONI - La Landwind CV9 ha ottenuto un giudizio negativo anche per la protezione dei pedoni. In caso d'investimento il paraurti offre una buona protezione per le gambe, ma la mascherina e il cofano motore dimostrano una scarsa protezione per la testa, tranne che nella parte centrale. Troppo poco, secondo gli standard dell'EuroNcap.

> QUI PER SAPERNE DI PIÙ DELLA LANDWIND CV9

Landwind CV9
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
0
0
1
12
VOTO MEDIO
1,1
1.076925
13
Aggiungi un commento
Ritratto di bubu
24 novembre 2010 - 18:13
ma dove vogliono andare??? una monovolume, che poi ci sarebbe da discutere se definirla tale, con 2 stelle nel 2011!!!! chissà se ne venderanno una...
Ritratto di gitidue
24 novembre 2010 - 18:57
Secondo me la cosa più grave è un'altra, oltreché assai più grave del risultato stesso. La cosa triste, assurda e ridicola cui mi riferisco è l'inventarsi continuamente nuove e assurde normative antinquinamento (la mia euro 4 con DPF è già pattume a 3 anni di vita), mentre invece si permette comunque la libera commercializzazione di siffatti bidoni palesemente pericolosi oltreché inadeguati. Un altro eclatante esempio di quanto sia inutile e dispendioso ogni organismo di controllo dell'altrettanto inutile Europa, senza attributi né orgoglio o cervello.
Ritratto di Dareios
29 gennaio 2011 - 11:17
è che centra il motore con la carrozzeria/telaio? nessuno nega che la tua auto sia migliore come scocca in quanto più sicura e resistente. i motori che mettono i cinesi, certo che sono aggiornati, li cromprano da ditte occidentali all'avanguardia.
Ritratto di tomkranick
24 novembre 2010 - 19:47
Non importatela, è facile.Insomma prima ci si batte per fare abbassare le emissioni all'Aston Martin e poi si lasciano importare queste trappole (chiamarle auto è un complimento troppo importante).Ci vuole serietà e coerenza.
Ritratto di Text
24 novembre 2010 - 22:02
Ma non c'era il divieto di importare auto nuove che abbiano meno di 3 stelle nell'euroNCAP????
Ritratto di Gabry73
24 novembre 2010 - 22:14
1
ma come si fa ad importare auto del genere!!?? due stelle?? dopo tutto quello che noi europei abbiamo fatto per raggiungere un certo standard di sicurezza!! auto pericolosa per chi la usa ma anche per chi se la trova sulla strada.....pensate a una monovolume (!) alta senza ESP....... ciao a tutti gli amici di alVolante.it
Ritratto di Emiliano974
25 novembre 2010 - 09:47
stato il ministro dei trasporti, avrei vietato la vendita di questi modelli nel mio paese, finchè non erano a norma con tutti i test. Ma si sà troppi interessi di mezzo, soldi soldi.
Ritratto di PFCGBS
25 novembre 2010 - 13:07
Il triciclo che si usa all'asilo nido è più sicuro...
Ritratto di s.c.
25 novembre 2010 - 13:55
E' la solita porcata cinese, costruita fregandosene di tutto, anche della propria manodopera, solo per entrare sempre più nel mercato occidentale con prezzi stracciati (e prodotti nemmeno degni di tali prezzi). E' così per i giocattoli fatti con materiali pericolosi, i profumi, le creme, i cibi avariati, però non li ferma nessuno .....
Ritratto di money82
25 novembre 2010 - 13:55
1
Ma scusate e il prezzo dove lo mettete? ...forse nessuno sa che la dacia sandero (2008 made by renault) di stelle euroncap ne ha 3! Mi sembra assurdo crocifiggere un marchio con 2 stelle solo perchè è cinese, perchè se ne avesse avute 3 sarebbe andata a finire così lo stesso...fate a meno di comprarla punto e stop, il prezzo giustifica i mezzi, se volete un' auto sicura vi spendete 25 mila euro e vi prendete una giulietta o ancora meglio con 70 mila euro un q7 a prova di tir.
Pagine