NEWS

Ecco come cambiano gli esami per la patente 

Pubblicato 21 maggio 2020

Dal 21 maggio si possono effettuare quelli di teoria e pratica, ma rispettando le nuove norme di sicurezza disposte dal Ministero.

Ecco come cambiano gli esami per la patente 

TEMPI LUNGHI - A causa dell’emergenza sanitaria, si sono dilatati i tempi per il conseguimento delle patenti di guida: se nella fase di lockdown le lezioni di teoria erano solo online, e quelle di pratica impossibili da svolgere, dal 20 maggio le autoscuole sono tornate alla piena operatività e possono accogliere gli studenti, sempre nel rispetto delle norme sanitarie contro la diffusione del virus. 

ECCO LA RIPARTENZA - La pandemia e le misure per contrastarla hanno portato alla sospensione anche degli esami di teoria e pratica, organizzati presso gli uffici sul territorio della Motorizzazione Civile. Il via libera è scattato dal 20 maggio, ma il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha dettato severe linee guida per garantirne lo svolgimento nelle migliori condizioni di sicurezza. 

Per l’esame di teoria, che si svolge all’interno di aule, è previsto:

  • Di limitare il riempimento degli spazi: ogni persona deve avere a disposizione almeno 4 metri quadrati, dunque un’area di 2 metri per 2;
  • Di installare, ove possibile, schermi in plexiglass su 3 lati della postazione d’esame (se ciò avviene, lo spazio per persona si riduce a 3 metri quadrati);
  • Di igienizzare monitor, scrivanie, schermi, maniglie e bagni dopo ogni sessione d’esame;
  • Di differenziare i percorsi di ingresso e uscita, non solo dall’aula ma anche dall’edificio;
  • Di sfalsare, negli edifici con più aule d’esame, l’orario di inizio del test, al fine di evitare assembramenti all’esterno;
  • Di far svolgere l’esame nella medesima aula ai candidati della stessa autoscuola, in modo da contenere l’eventuale diffusione del virus;
  • Di ampliare le finestre temporali per lo svolgimento degli esami;
  • Di pubblicare l’esito dell’esame in formato digitale; 

 

Per l’esame di pratica, dove è più difficile mantenere la distanza minima di 1 metro fra persone, le regole variano in base al tipo di veicolo:

  • Patente A, per i quadricicli: considerata la non presenza a bordo del candidato, è sufficiente l’utilizzo di guanti e mascherina per l’esaminatore e l’istruttore;
  • Patente B, per le auto ed i van: a bordo devono essere presenti il candidato, l’esaminatore e un accompagnatore (o istruttore), dunque è obbligatorio l’utilizzo di mascherina e guanti. Ogni 15 minuti, si deve procedere al ricambio dell’aria nell’abitacolo e all’igienizzazione dello stesso;
  • Patente C, per i furgoni ed i camion: se l’abitacolo ha 2 file di sedili, valgono le medesime regole per la patente B. Se l’abitacolo ha una sola fila di sedili, l’esaminatore deve seguire, a bordo di una vettura messa a disposizione dall’autoscuola o di sua proprietà, il veicolo guidato dal candidato e con a bordo l’istruttore. Mediante walkie talkie, l’esaminatore indica al candidato le manovre da eseguire;
  • Patente D, per i bus: candidato, istruttore e esaminatore devono indossare mascherina e guanti, considerate le ampie dimensioni dell’abitacolo.




Aggiungi un commento
Ritratto di Miti
22 maggio 2020 - 22:03
1
Esame di guida virtuale ...avete presente i simulatori di volo ? Come quello del aeronautica militare ? La motorizzazione si compra un aggeggio del genere visto tutti i soldi che si prendono (225 euro per la sostituzione targa sbiadita e con la vernice sgretolata, nel resto del Europa 0 euro e ti fanno la stessa targa ). Così anche gli esami taroccati non ci sono più ! Basta cambiare il software.