NEWS

FCA: in Italia investimenti per 5 miliardi fino al 2021

29 novembre 2018

La FCA ha messo le basi per l'arrivo di 13 fra nuovi modelli, motori e aggiornamenti nei prossimi tre anni.

FCA: in Italia investimenti per 5 miliardi fino al 2021

OTTIME PROSPETTIVE - Arrivano notizie positive dall'incontro a Torino fra i vertici della FCA e alcune organizzazioni sindacali, che da tempo chiedevano all'azienda rassicurazioni circa la produzione di nuovi modelli in Italia. La riunione è terminata con l'impegno da parte della FCA di investire in Italia oltre cinque miliardi di euro fra il 2019 e il 2021, una somma che servirà a finanziare tredici fra nuovi modelli, aggiornamenti e versioni a basso impatto ambientale con motori ibridi o elettrici. L'arrivo di queste vetture permetterà alle fabbriche di lavorare a pieno regime, un vantaggio non soltanto per l'azienda ma anche per i lavoratori. Le novità annunciate oggi vanno considerate un altro tassello del piano di sviluppo delineato il 1 giugno.

L’IBRIDO SULLE ALFA - In occasione delle conferenza stampa di oggi, il responsabile europeo della FCA, Pietro Gorlier (foto qui sotto), ha anche dato alcuni dettagli del piano industriale annunciato lo scorso giugno che si estende fino al 2024. Per quel che riguarda l’Alfa Romeo ha confermato il rifacimento della Giulietta e i restyling di Giulia e Stelvio, tutto entro il 2020, compreso l’arrivo della tecnologia ibrida plug-in per le auto del Biscione. La Maserati avrà la tanto attesa suv di taglia media, basata sulla stessa piattaforma della Stelvio, dunque prodotta a Cassino come la sorella Alfa.


Nella foto Pietro Gorlier, responsabile per il mercato europeo della FCA, durante la conferenza stampa di oggi.

A MELFI ANCHE LA COMPASS - La fabbrica di Melfi vede confermate le Fiat 500X e Jeep Renegade. Anche in questo caso arriverà per tutte l'ibrido leggero e per la Renegade anche una versione ibrida ricaricabile (plug-in). A Melfi arriverà anche la produzione delle Jeep Compass per l’Europa anch’essa dotata della tecnologia ibrida plug-in. Nel polo Maserati di Mirafiori e Grugliasco confermate Levante, Quattroporte e Ghibli anche nelle loro versioni ristilizzate. Mirafiori vedrà l’arrivo anche della nuova Fiat 500 elettrica, in vendita a inizio 2020, realizzata su una nuova piattaforma. Il nuovo modello si affiancherà a quella attualmente in vendita, la cui produzione resta in Polonia, anche in versione mild hybrid, cioè ibrida leggera. Questa piattaforma elettrica sarà poi utilizzata per altri non precisati modelli.

PANDA IBRIDA E CROSSOVER ALFA - Ottime notizie anche per la fabbrica di Pomigliano d’Arco dove resta la produzione della Panda, che sarà arricchita della tecnologia mild hybrid, e dove arriverà una nuova crossover di dimensioni compatte dell’Alfa Romeo concorrente dell’Audi Q3, basata sulla piattaforma della Jeep Compass e dotata anche di motori full hybrid. Alla fabbrica di Termoli è stata assegnata infine la produzione dei motori a benzina 1.0 e 1.3, oggi realizzati solo in Polonia. Per la fabbrica di Atessa si prevede la saturazione della produzione con il Ducato, con piena occupazione e assunzioni addizionali. 

FATTE IN CASA - Durante la conferenza è stato precisato che le tecnologie di elettrificazione, che andranno ad interessare praticamente tutti i modelli del gruppo italo americano nei prossimi anni, sono state progettate in casa dalla FCA.

VIDEO


Aggiungi un commento
Ritratto di 82BOB
1 dicembre 2018 - 15:17
Vendono MM e forse Comau... Vendere Lancia sarebbe più sensato!
Ritratto di Gatsu
30 novembre 2018 - 00:59
2
Sull'Alfa non si sta capendo più niente, avevo letto anche che ora vogliono fare il crossover Alfa x primo anziché il SUV più grande della Stelvio, basato sulla piattaforma accorciata della giorgio, il che significa quindi che ci sarebbe anche la base per una nuova Giulietta e non un semplice restyling, cmq sulla carta sembra un gran bel piano, resta da vedere se riusciranno ad attuarlo (a leggere l'articolo mi sembra di capire che la Polonia subirà un calo di produzione, potrebbero mettere qualche modello Lancia in cantiere lì almeno per non farlo morire)
Ritratto di lucios
30 novembre 2018 - 05:46
4
Si parla anche di un allungamento di vita del diesel. Non più la dismissione entro la fine del 2021. Alla Giulietta si pensa che sarà fatto un profondo restyling.
Ritratto di anarchico2
30 novembre 2018 - 06:53
Girate nelle concessionarie, le Fca sono vuote e tristi. Niente nuovi modelli, ci vanno solo i pensionati al minimo.
Ritratto di Rikolas
30 novembre 2018 - 08:17
500 elettrica a Mirafiori? E quanta occupazione da? A 5 operai e 2 impegati? Il resto va bene ma per Mirafiori la vedo dura, non ha senso produrre un auto elettrica di nicchia che non comprerà nessuno se non qualche riccone di turno per andare a giocare in centro città, lo vogliamo capire che queste auto non funzionano? Vogliamo tornare a produrre veicoli che la gente può comprare o vogliamo solo aiutare i ricchi?
Ritratto di Marco_Tst-97
30 novembre 2018 - 10:01
Tra un paio d'anni chi abita e lavora a Milano o Roma dovrà per forza passare ad auto elettriche per potersi muovere liberamente, quindi il progetto è lungimirante.
Ritratto di Challenger RT
30 novembre 2018 - 20:55
Le auto elettriche non sono di nicchia. Nelle grandi città (NYC, Londra...) si va verso solo elettriche e supercar benzina e ibride... Per il resto trasporto pubblico, ma non ci deve pensare FCA, bensì le amministrazioni pubbliche che notoriamente in Italia buttano i soldi... Protestare con loro!
Ritratto di Marco_Tst-97
30 novembre 2018 - 09:59
Ma per favore, la Giulietta ha solo bisogno di rivedere gli interni, anche nei sistemi tecnologici e aggiornare l'estetica esterna aggiungendo fanali full led non puntiformi e nuovi fari davanti, con magari qualche nervatura aggiuntiva e pochi cambiamenti nei profili. Per il resto, è meccanicamente migliore alle competitor (migliore di classe A, sicuramente, e migliore di A3 su base Golf).
Ritratto di Marco_Tst-97
30 novembre 2018 - 10:24
La stessa poverata fatta da Volkswagen anni fa con la serie 6 della Golf, che praticamente era una 5 con pochi dettagli diversi? Oppure ancora oggi con i due marchi Audi e Volkswsgen, con Golf e A3 che sono praticamente identiche dal punto di vista meccanico e tecnologico e si differenziano solo per la carrozzeria?
Ritratto di Marco_Tst-97
30 novembre 2018 - 10:53
Bella scusa, ma non cambia la sostanza...
Pagine