NEWS

Mike Manley è il nuovo ad del gruppo FCA

21 luglio 2018

Un comunicato della FCA ufficializza l’aggravamento delle condizioni di Marchionne e nomina Mike Manley alla guida del gruppo.

Mike Manley è il nuovo ad del gruppo FCA

EPILOGO PREVEDIBILE - Come lasciava intuire la repentinità della convocazione del consiglio di amministrazione con l’ordine del giorno della successione a Marchionne, alle 18,00 di oggi l’azienda ha diffuso un comunicato con il quale informa che le condizioni cliniche di Sergio Marchionne sono peggiorate nel decorso post operatorio seguito all’intervento a cui era stato sottoposto a giugno. In conseguenza di ciò il manager italo-canadese, a capo della Fiat dal 2004 e poi di Fiat Chrysler non potrà riprendere le sue funzioni e il gruppo ha provveduto a indicare il nuovo amministratore delegato. 

GRANDI RISULTATI CON JEEP - Il prescelto è l’inglese Mike Manley, fino a oggi a capo dei marchi Jeep e RAM, e in precedenza responsabile dell’area Asia-Pacifico del gruppo. Ora nella nuova posizione di amministratore delegato del gruppo ricoprirà anche la carica di responsabile dell’area Nafta (Nord America). Manley ha iniziato la sua carriera nel settore auto lavorando per il gruppo Daimler, occupandosi soprattutto di distribuzione dei prodotti. Quando il gruppo Chrysler è stato rilevato dalla Fiat è stato posto a capo delle operazioni del marchio Jeep, ottenendo risultati formidabili (da 340 mila unità vendute all’anno il marchio americano è arrivato a oltre un milione, producendo grandi profitti per il gruppo). 

PROGRAMMA CONFERMATO - Il presidente della FCA, John Elkan, si è dichiarato vicino alla famiglia Marchionne ed ha invitato a rispettare la riservatezza del momento. Quanto alla prospettiva operativa del nuovo management ha affermato che Manley e tutti gli altri manager lavoreranno per portare avanti il piano industriale 2018-2022 elaborato sotto la guida di Marchionne e varato poco tempo fa. 



Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
22 luglio 2018 - 11:23
Io la vedo l'inizio della fine. Da anni e anni. E poi sapete che VW prima di diventare il primo gruppo al mondo era quasi fallita, prima della Golf 1974, BMW andate a guardare all'inizio degli anni 60. Chrysler stessa nei 70 e c'è stato un certo Lee Iacocca, Citroën, Peugeot. Mini, Jaguar, per non parlare di GM... Insomma quasi tutti eppure oggi sono i leader mondiali.
Ritratto di probus78
22 luglio 2018 - 12:28
Gm lo scorso trimestre ha fatto per la prima volta meno utili di Fca. E pensare che fino a 15 anni fa erano come Davide e Golia paragonati
Ritratto di Rieccomi
23 luglio 2018 - 11:47
L’inizio della fine: debito zero, pioggia di utili, conti e margini migliori di bmw. D’altronde, da chi dice che la golf è copiata dall’alfa sud e che la 33 è una quasi Porsche non ci si può aspettare altro.
Ritratto di Giuliopedrali
23 luglio 2018 - 12:00
Si richiese specificamente a Giugiaro di non rifare l'Alfasud quando mise mano alla Golf. Non credo sia da aggiungere altro...
Ritratto di Rieccomi
23 luglio 2018 - 12:17
Infatti fece la golf e non l alfasud. Solo che la golf la fanno ancora, l alfasud per fortuna non ebbe stilisticamente seguito. Effettivamente, è bene che tu non dica altro...
Ritratto di Giuliopedrali
23 luglio 2018 - 12:54
Be e la Kadett 1986 una copia spudorata. Certo i tedeschi sono i tedeschi perché migliorano costantemente i progetti, se si fossero fermati alla prima serie... Noi oggi abbiamo il miracolo Renegade, non oso pensare in futuro come butteremo tutto alle ortiche anche in questo caso...
Ritratto di Giuliopedrali
22 luglio 2018 - 12:34
GM in USA probabilmente è in calo e ha dovuto lasciare le filiali europee (Opel Vauxhall) però in Cina sta facendo faville con Wuling, Baojun ecc.
Ritratto di FRANCESCO31
22 luglio 2018 - 13:28
questa è la volta buona x nazionalizzare la FIAT, che deve tornare ad essere un'azienda ITALIANA (e vendere la Chrysler)
Ritratto di Agl75
22 luglio 2018 - 17:46
Intervento da malato mentale, antistorico e fuori ogni contemporaneità economico-finanziaria.
Ritratto di FRANCESCO31
23 luglio 2018 - 01:00
la GLOBALIZZAZIONE è quel processo con il quale noi Occidentali ci siamo impoveriti x arricchire i cinesi e una piccolissima elite che ha potuto delocalizzare guadagnandoci sopra profitti strepitosi. il loro capolavoro è stato quello di farci credere che è ineluttabile giusto, anzi indispensabile e tutti dobbiamo fare e pensare in questo modo.
Pagine