NEWS

FCA: ottimi risultati nel primo trimestre 2017

26 aprile 2017

Crescono fatturato e guadagni, ma anche l'indebitamento. Boom per la Maserati, che raddoppia le vendite.

FCA: ottimi risultati nel primo trimestre 2017

DEBITO IN CRESCITA - Le vendite della Maserati ed i buoni risultati sul mercato europeo hanno giovato ai conti del gruppo FCA, positivi nel trimestre gennaio-marzo 2017 in quasi tutti gli indicatori: il volume d’affari è cresciuto del 4% a 27,7 miliardi di euro, il guadagno calcolato prima delle imposte ha raggiunto i 1,5 miliardi (+11%) e le automobili vendute sono state 1,14 milioni (+1%). Di contro però l’indebitamento si è portato a 5,1 miliardi, a fronte dei 4,6 registrati a fine 2016, mentre la liquidità in cassa è scesa da 24 miliardi a 21,2 miliardi. Grazie a questi numeri la FCA ha confermato le stime per il 2017, aspettandosi ricavi fra 115 e 120 miliardi, un guadagno netto di 3 miliardi (7 miliardi prima della tassazione) e il calo a 2,5 miliardi dell’indebitamento.

IL NORD AMERICA IN FLESSIONE - Il quadro delle singole aree geografiche è positivo in Europa e nella zona Asia-Pacifico, dove le vendite sono cresciute del 12% e del 25%, ma non è altrettanto positivo in Sud America (-1%) e soprattutto in Nord America: qui le vendite sono diminuite del 6%, complice la mancanza di alcune vetture fondamentali e il rallentamento di quelle più anziane. La FCA può ritenersi soddisfatta degli ottimi risultati della Maserati, tornata a generare utili dopo il lancio sul mercato della suv di lusso Levante (nella foto sopra): le vendite sono passate dalle 6.300 di gennaio-marzo 2016 alle 11.900 di marzo-gennaio 2017, mentre il guadagno prima delle tasse è salito in questo periodo da 16 a 107 milioni di euro. Ciò significa che l’azienda ha guadagnato l’11,3% da ogni auto venduta, quando nel primo trimestre 2016 aveva registrato un margine del 3,1%.



Aggiungi un commento
Ritratto di manuel1975
26 aprile 2017 - 21:13
fiat dovrebbe investire nella produzioni di nuovi motori soprattutto un nuovo 1.4 turbo benzina ad iniezione diretta e ad un 1.0 ( io lo farei a 4 cilindri) turbo con tecnologia microibrida e rapporto di compressione 14:1. Per i diesel visto che l'idea del common rail è partita da fiat, produrlo con pressione a 3.000 bar.
Ritratto di nicktwo
26 aprile 2017 - 21:55
io onestamente mi terrei il 1.4 turbo gia' a listino (che mi sembra ancora piu' che valido) e inpegnerei un po' di tali soldi per proporre una macchina a marchio fiat un po' fuori dal coro (ossia la classica macchina ignorante) quale una tipo abarth 190cv da buttare sul mercato attorno ai 20 mila euro... sono le classiche operazioni simpatia/pazzita' che fanno affezionare ulteriormente al marchio... ihmo... saluti
Ritratto di Claus90
26 aprile 2017 - 21:48
Ottimo risultato, oggi maserati le maserati sono le più belle del quartiere, w il made in italy e diffidate dalla concorrenza inglese o tedesca che invidiano soltanto il made in italy
Ritratto di VEIIDS
26 aprile 2017 - 21:58
Infatti Alfa romeo non è rivale di Porsche, quel compito è demandato a Maserati... Premium e Luxury sono due categorie ben distinte.
Ritratto di Automotive_Jeep
26 aprile 2017 - 22:17
Sergio Marchionne ha fatto la storia degli ultimi 15 anni. Se Alitalia invece di essere stata in mano a 4 politicanti l'avesse presa lui oggi avremmo ancora una compagnia aerea nazionale
Ritratto di pippocalzelunghe
27 aprile 2017 - 14:09
finalmente un po' di buonsenso...
Ritratto di napolmen4
27 aprile 2017 - 00:44
Ottimi risultati!! Avanti cosi'
Ritratto di Xadren
27 aprile 2017 - 09:17
1
Sono contento per loro, anche se continuo a chiedermi che progetti sul lungo periodo abbia in serbo FCA, in particolare per marchi come Chrysler, Ram e certi modelli di Dodge.
Ritratto di rck 300
27 aprile 2017 - 13:44
Bla,bla, bla, le chiacchiere stanno a zero. FCA va bene complessivamente e specie nella premium va molto bene. Le vendite aumentano così come i margini di guadagno (i numeri elencati non sono opinioni ma la cruda realtà). Poi, se a qualcuno, che si spaccia per profeta, da fastidio pazienza. Alfa e Maserati stanno riconquistando il posto che meritano ma sono ancora, ovviamente, in salita. Certo i commenti faziosi (sono tali) da qualunque parte vengano, però se uno fa un poco di sano nazionalismo non guasta. Non capisco l'esterofilia a prescindere. All'estero non fanno così. Difendono ad oltranza i loro prodotti e fanno bene, come dovremmo fare anche noi.
Ritratto di pippocalzelunghe
27 aprile 2017 - 14:11
concordo al 100% e la stessa cosa vale per qualsiasi prodotto o risorsa italiana...gli altri sono sempre più bravi...mah!
Pagine