NEWS

FCA: si dimette Alfredo Altavilla

23 luglio 2018

Era il capo FCA per la regione EMEA, Europa, Medio Oriente e Africa. Il suo nome era stato tra i papabili per la successione a Marchionne.

FCA: si dimette Alfredo Altavilla

SUBITO COMPLICAZIONI - Che l’uscita di scena di Sergio Marchionne dal vertice del gruppo FCA avrebbe provocato conseguenze era ampiamente previsto, ma forse non così rapidamente. Stamattina, si è dimesso Alfredo Altavilla, manager FCA responsabile per l’area EMEA, cioè Europa, Medio Oriente e Africa. Altavilla era dato per possibile sostituto di Marchionne, inducendo così a pensare che la nomina di Mike Manley a nuovo amministratore delegato abbia causato la decisione. La Borsa di Milano non sembra aver preso bene questo terremoto ai vertici e registra una tendenza negativa per i titoli del gruppo.

CARRIERA INTERNA AL GRUPPO - Alfredo Altavilla ha 54 anni, è nato a Taranto. Si è laureato all’Università Cattolica di Milano, dove è stato anche assistente universitario. Nel 1990 è entrato alla Fiat, dove si occupato di politiche internazionali nell’ambito della programmazione prodotto. Nel 1995 è stato nominato responsabile dell’ufficio Fiat Auto a Pechino. Quattro anni dopo ha avuto lo stesso incarico per l’intera Asia. Nel 2004 ha avuto l’incarico di occuparsi di tutte le collaborazioni del gruppo, con nomina a presidente della società scaturita dalla joint venture Fiat-GM Powertrain JV, nonché vice presidente con responsabilità dello sviluppo prodotto del gruppo FCA. Dal 2010 al 2012 è stato a capo dell’Iveco.



Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
23 luglio 2018 - 17:34
Si ma Dodge, jeep, RAM forse Chrysler. La parte italiana: Fiat, Alfa Lancia contano neanche un 30% mi sembra, figurati il lusso Maserati. In Europa Alfa supera di un soffio Porsche... E solo grazie alla Stelvio.
Ritratto di Fr4ncesco
23 luglio 2018 - 17:50
Mica male, Porsche ha 6 modelli, Alfa 2.
Ritratto di Giuliopedrali
23 luglio 2018 - 19:03
Be va be mi deludi proprio: be sai una Mi.To km0 me la porto a casa a meno di 10.000€ penso. La Porsche che viene di meno almeno 6 volte di più con punte intorno ai 200.000€. Poi volendo Alfa ha 5 modelli: Mito, Giulietta, Giulia, Stelvio e 4C pure coupé e anche spider. A volte si fanno discorsi che boh...
Ritratto di Fr4ncesco
23 luglio 2018 - 21:03
Insomma, Mito e Giulietta vendono o non vendono a seconda della circostanza. Ero rimasto infatti che ne vendevano solo in in Italia invece ora che la Mito non è più in produzione è diventato un modello fondamentale.
Ritratto di Giuliopedrali
23 luglio 2018 - 21:19
Si però un Alfa viene mediamente tra i 15.000 e i 50.000€ e di solito intorno ai 30.000. Una Porsche tra i 70.000 e i 200.000€... E con costi di gestione di un altro pianeta.
Ritratto di Vincenzo1973
24 luglio 2018 - 10:03
che ci siano stati ritardi in alcuni marchi, e' innegabile...che abbia solo modelli obsoleti un gruppo come FCA e' insatto. tutto qui
Ritratto di Giuliopedrali
24 luglio 2018 - 11:37
Bisogna considerare che le auto italiane dove non arrivavano per quanto riguarda le finiture o la robustezza, anticipavano tutti proprio per le soluzioni moderne tecnologiche e di design, rendevano i tedeschi e giapponesi obsoleti.
Ritratto di Vincenzo1973
24 luglio 2018 - 11:55
la storia della robustezza finitura non mi convince. si parla tanto dei coreani, per esempio, e poi leggi le prove sulle loro auto che difettano spesso in questo, giusto per citarne una. ormai ha preso piede il motto "l'erba del vicino e' sempre piu verde", quando spesso non e' cosi
Ritratto di lucios
24 luglio 2018 - 10:48
4
Ma Porsche e Alfa non stanno sullo stello livello. Porsche può essere considerata di categoria superiore e per natura dovrebbe vendere meno modelli, e di parecchio. E' Alfa che vende troppo poco per essere un marchio Premium.
Ritratto di Giuliopedrali
24 luglio 2018 - 11:39
In Europa Alfa vende poco più di un decimo di BMW... Che tra l'altro fa pure modelli anche molto più costosi. Spero che la situazione si ribalti in fretta.
Pagine