NEWS

La FCA pronta ad un'alleanza con la Renault?

25 maggio 2019

Stando a indiscrezioni del Financial Times, il costruttore italo-americano potrebbe allearsi con la Renault.

La FCA pronta ad un'alleanza con la Renault?

TRATTATIVE IN CORSO - Il quotidiano Financial Times, citando persone a conoscenza dei fatti, riferisce che la FCA starebbe trattando con la Renault in vista di una possibile alleanza, nell'ottica di condividere i costi di sviluppo e fare sinergia in alcuni ambiti. Se le trattative andassero in "porto", la FCA potrebbe entrare a far parte dell'Alleanza Renault Nissan Mitsubishi e dar vita così a un colosso delle automobili, perché l'anno scorso l'Alleanza ha venduto 10,76 milioni di vetture al mondo e la FCA ha totalizzato 4,84 milioni di consegne (il Gruppo Volkswagen non è andato oltre le 10,83 milioni di auto vendute). 

EQUILIBRI DA TROVARE - In questo scenario però va definita la posizione della Nissan, che secondo il Financial Times non è chiaro fino a quale punto è stata coinvolta nelle trattative. I rapporti fra le Nissan e Renault infatti si sono raffreddati dopo l'arresto a novembre di Carlos Ghosn, che dopo aver messo le basi per la creazione dell'Alleanza faceva da "collante" fra le tre aziende, rivestendo allo stesso tempo i ruoli di presidente della Nissan, amministratore delegato della Renault e presidente della Mitsubishi. Nelle settimane scorse sono emerse voci circa la possibilità di un nuovo accordo fra le Renault e Nissan per "consolidare" la collaborazione, oggi regolata da uno scambio azionario, ma i colloqui con la FCA non sembrano poter "distendere" gli animi. 

SGUARDO ALLA FRANCIA - Stando alle indiscrezioni, la FCA è alla ricerca da tempo di un partner con il quale dividere gli ingenti costi di sviluppo, in particolare sulle auto elettriche: fino ad ora si è parlato del gruppo francese PSA, del quale fanno parte le Citroën, DS, Opel e Peugeot, ma nulla si è mosso in tal direzione.





Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
26 maggio 2019 - 13:20
2
FCA è il gruppo più variegato, producendo V6, V8 e V10 americani, V6, V8 e V12 italiani, aspirati benzina fino a 2.4cc, turbo diesel e benzina, ibrido, elettrici, trazioni anteriore e posteriore con pianali distinti tra loro, berline, sportive, fuoristrada doc e pickup. Se mantiene questo asset "interculturale" dove ogni marchio è identitario ben venga, se invece deve scendere agli standard franco - giapponesi sulle vetture di alto gamma allora no.
Ritratto di Elix69
26 maggio 2019 - 13:40
Adieu!!! Saluti a tutti, ci vediamo in Francia.
Ritratto di bellaguida
26 maggio 2019 - 14:00
I francesi hanno comprato tutto: moda,cibo e ora le auto. Adieu
Ritratto di BRIXIO85
26 maggio 2019 - 15:13
Vero (anche se qui si parla di un'alleanza), ma recentemente, ad esempio, Conad ha comprato i punti vendita Auchan/Simply, eccezion fatta per la Sicilia dove sono stati acquisiti da un'insegna locale. In sostanza ha comperato asset non più sufficientemente redditivi ed esuberi di personale. Capitano anche processi inversi, quindi. Il risultato è però lo stesso: razionalizzazione e ristrutturazione, con conseguenti magazzini/stabilimenti dismessi e dipendenti lasciati a casa. Questo sicuramente c'è da aspettarselo. In assenza d'un piano di sviluppo nazionale (l'ultimo abbozzato è il "Progetto 80" risalente agli anni '60 e riferentesi al ventennio successivo) si è praticamente alla deriva e in balia delle correnti globali. Non vedo di cosa debba meravigliarsi il beduino medio italiano e i vari beduini che lo governano. In quanto beduini sono destinati a vagare senza meta/vivere precari, sradicati/degradati nelle aree urbane che si sostengono per mezzo dell'industria (che lavora per gli stranieri) e dei servizi correlati (a carattere fortemente parassitario), così come nelle province che si sostengono per mezzo di attività manifatturiere e/o agricole. Senza visione non c'è meta, senza meta il vagare non conduce da nessuna parte e diventa una condizione di precariato esistenziale per il singolo e di estrema vulnerabilità per la nazione.
Ritratto di bellaguida
26 maggio 2019 - 20:02
Non posso che sottoscrivere quanto da te scritto. Non abbiamo una vision di ampio respiro, non abbiamo né poliitica industriale né politica estera (pensiamo solo a come sono andate le cose in Libia )
Ritratto di Neofita
27 maggio 2019 - 13:43
hai pienamente ragione: negli anni '60 eravamo il primo PIL europeo, adesso ....
Ritratto di zero
26 maggio 2019 - 22:54
@Brixio85 Anche in Sicilia, Conad ha rilevato le grandi superfici di tutti gli Auchan. Per quanto riguarda le medie superfici (supermercati Sma), invece, forse verranno acquisiti da una importante gruppo siciliano, perché in Sicilia la Conad è già molto radicata e avrebbe un eccesso di punti vendita.
Ritratto di Gianluigi74
26 maggio 2019 - 20:15
Mi ripeto: "Veramente è esattamente il contrario!. Alle quotazioni di venerdì FCA € 17.77 mld e RENAULT € 14.88 mld considerando che la famiglia Agnelli tramite EXOR controlla il 29% di FCA e considerando che il maggior azionista di RENAULT è lo stato Francese con il 15%, in caso di fusione , dato che la matematica non è un'opinione, la famiglia Agnelli andrebbe alla guida del più grande colosso automobilisti al mondo. Conoscendo l'indole nazionalistica dei Francesi non sono sicuro che politici come la Le Pen ne saranno così contenti ..."
Ritratto di Fra977
26 maggio 2019 - 14:06
Allearsi per molti di vuol dire sopravvivere e cercare di vendere il più possibile prodotti aggiornati in grado anche di generare profitti. Non capisco come Toyota con Lexus e dajatzu riesca ancora a ricavare margini ed a vendere milioni di auto,ed essere ancora secondo gruppo al mondo dietro ad un colosso come wolkswagen che di marchi ne ha una decina se non sbaglio.
Ritratto di remor
26 maggio 2019 - 14:14
Questo articolo mi fa molto pensare a quelli sulle elettriche in generale. In un paio di ore già una notevole serie di commenti, pur non sapendo di fondo nemmeno in che cosa eventualmente consisterebbe tale tanto eventuale quanto improbabile -se andrà come spesso accade in questi casi- accordo. Fiat attingerà solo alla parte elettrica di Renault-Nissan? Faranno qualche modello assieme nei segmenti in comune? Tutta, forse l'ipotesi che più scalda i cuori a quanto pare, la produzione FCA verrà dismessa sull'intero globo -ovviamente a partire dall'italia- Fiat Jeep Alfa Maserati e persino Ram e Ferrari saranno dele Dacia rebrandizzate? --- Senza offesa per chi all'elettrico ci tiene, l'analogia era solo una battuta.
Pagine