NEWS

La Ferrari FF e le sue antenate

27 gennaio 2011

Le auto a quattro posti (o meglio 2+2) sono nel Dna della Ferrari: la nuova FF è solo l'ultima di una lunga stirpe. Andiamo indietro nel tempo e ripercorriamone l'albero genealogico.

La Ferrari FF e le sue antenate

63 ANNI DI STORIA - La Ferrari FF è l’ultima GT a 4 posti della casa di Maranello e appartiene ad una stirpe di supercar nata nel lontano 1948 con la 166 Inter. Le granturismo del Cavallino sono sempre state ambasciatrici di innovazioni tecniche e stilistiche. Anche la Ferrari FF (foto sopra) non è da meno, in quanto abbina l’insolita carrozzeria shooting brake (cioè coupé a tre porte con la coda da station wagon) all’inedito sistema di trazione integrale denominato 4RM. Vediamo quali sono le antenate della FF che si sono succedute in un periodo di oltre 60 anni.

FERRARI 166 INTER

1949 ferrari 166 inter

Nel 1948 fu introdotta la Ferrari 166 Inter, equipaggiata con il sofisticato motore 2000 V12 da 115 CV di potenza. È stata realizzata in soli 37 esemplari, alla cui produzione si sono dedicati i carrozzieri Vignale, Ghia e Touring. L’auto uscì di scena nel 1951.

FERRARI 212 INTER

Ferrari 212 inter coupe

Al Salone di Parigi del ’51 fu presentata la Ferrari 212 Inter. Grazie al propulsore 2600 V12 da 170 CV che spingeva la vettura oltre i 200 km/h di velocità massima, la 212 Inter vinse la seconda edizione della Carrera Panamericana nel 1951, grazie al pilota Piero Taruffi. È rimasta in produzione fino al ’53.

FERRARI  250 GT 2+2

Ferrari-250-gt 2 2

Nel 1953, Vignale realizzò la Ferrari 250 Europa, presentata ufficialmente al Salone di Parigi dello stesso anno. Nota anche come 250 GT 2+2 per sottolineare l’abitacolo a quattro posti, la Ferrari 250 Europa è stata prodotta in circa mille esemplari.

FERRARI 330 GT 2+2

Ferrari-330-gt-2-2

La Ferrari riprese il discorso delle granturismo con la 330 GT 2+2, presentata al Salone di Bruxelles nel ’63. È stata una delle prime supercar di Maranello disegnata da Pininfarina, nonché l’auto personale di Enzo Ferrari per molti anni. Sotto il cofano pulsava il motore 4000 V12 da 300 CV che spingeva la vettura fino a 250 km/h di velocità massima. Nel 1965 subì un importante restyling frontale e uscì di produzione due anni dopo.

FERRARI 365 GT 2+2

Ferrari 365 gt 2 2

Al Salone di Parigi del ’67 debuttò la Ferrari 365 GT 2+2 che portò al debutto due importanti soluzioni tecniche per la casa di Maranello, vale a dire il servosterzo e le sospensioni posteriori indipendenti con sistema autolivellante. Lunga quasi 5 metri, si distingueva dalle altre supercar del Cavallino per il grande bagagliaio e l’abitacolo a 4 posti veri. La 365 GT 2+2 era equipaggiata con il motore 4400 V12 da 320 CV e uscì di produzione nel 1972, dopo 801 esemplari prodotti.

FERRARI 365 GT4 2+2

ferrari_365_gt4_2_2.jpg

Dal ’72 al ’76, il ruolo di granturismo in casa Ferrari fu assolto dalla 365 GT4 2+2, equipaggiata con il motore 4400 V12 da 340 CV che spingeva la vettura fino a 260 km/h di velocità massima. E’ stata prodotta in soli 500 esemplari.

FERRARI 400 GT, 400i E 412

Ferrari 412

Nel 1976 fu introdotta la Ferrari 400 GT, equipaggiata con il motore 4800 V12 da 340 CV abbinato anche al cambio automatico a 3 rapporti di origine GM. La linea di Pininfarina era squadrata e impreziosita dai fari anteriori a scomparsa. Nel ’79 fu sostituita dalla 400i con motore dotato di iniezione elettronica Bosch che comportò il depotenziamento a 315 CV. L’ultima evoluzione di questa granturismo risale al 1985, quando debuttò la Ferrari 412, mossa dal motore 5000 V12 da 340 CV e dotata di Abs. Riscosse molto successo negli Stati Uniti e uscì di scena nel ’90.

FERRARI 456 GT, 456 GTA E 456M

Ferrari 456 gta

Al Salone di Parigi del ’92 fu presentata la Ferrari 456 GT, la prima supercar dell’era Montezemolo. Grazie al motore 5500 V12 da 442 CV divenne la prima granturismo di Maranello capace di superare i 300 km/h di velocità massima. Nel 1996 la gamma fu allargata alla versione GTA con cambio automatico a 4 rapporti, mentre due anni dopo fu sottoposta al restyling di metà carriera che diede vita al modello 456M.

FERRARI 612 SCAGLIETTI

Ferrari 612 scaglietti

Nel 2004 fu presentata l’erede della 456, ovvero la Ferrari 612 Scaglietti, che oggi viene sostituita dalla FF. Fu denominata così per rendere omaggio al designer Sergio Scaglietti che firmò le prime ma anche le più importanti supercar di Maranello. Fu equipaggiata con lo stesso motore della 575M, vale a dire il V12 di 5,75 litri da 540 CV. Negli ultimi anni della sua carriera è stata disponibile solo nella versione F1 con cambio sequenziale.

Qual è la più bella 2+2 del Cavallino?
Ferrari FF
35%
  • Ferrari FF
    35%
  • Ferrari 612 Scaglietti
    17%
  • Ferrari 456 GT, 456 GTA e 456M
    15%
  • Ferrari 250 GT 2+2
    15%
  • Ferrari 212 Inter
    5%
  • Ferrari 166 Inter
    4%
  • Ferrari 365 GT 2+2
    3%
  • Ferrari 330 GT 2+2
    3%
  • Ferrari 400 GT, 400i e 412
    1%
  • Ferrari 365 GT4 2+2
    1%

 



Aggiungi un commento
Ritratto di Gianfranco84
30 gennaio 2011 - 17:51
Condivido al 100% quello che hai scritto.
Ritratto di money82
30 gennaio 2011 - 21:42
1
Ma quella è semplicemente un' opinione personale, cioè, se il direttore di una rivista scrive che un' auto è brutta allora è brutta per tutti? Mi risulta difficile non mettere in dubbio la professionalità di questo individuo, considerando che un giornalista non dovrebbe mai esprimersi per conto proprio ma dovrebbe essere imparziale, soprattutto sul gusto estetico che è assolutamente non definibile con un unico standard... comunque sia rimane sempre il fatto che è un copia incolla (patetico dire di no) e non piace a tutti come quasi tutte le altre...certo, uscire con un auto ogni 6 anni ed avere solo il 35% delle preferenze è abbastanza imbarazzante....la panamera sarà un aborto ma ti ripeto che a novembre ne sono state immatricolate 52 solo in italia...52x100.000 euro = 5 milioni e 200.000 euro solo dall' italia e solo per la panamera...sono proprio scemi a sta porsche eh? Non piace proprio, infatti chi la compra spende per avere un nuovo soprammobile ahahahahahah
Ritratto di wiliams
30 gennaio 2011 - 22:57
In tutti i sondaggi che ho letto sui vari siti alla domanda:"vi piace la nuova FERRARI FF?",i si hanno sempre superato il 70%,il sondaggio di AL VOLANTE,dove mette a confronto la FF con altre FERRARI di altre epoche non l ho mai visto da altre parti,ovvio che se si paragona una FERRARI appena uscita con altre che hanno fatto la storia del cavallino rampante i giudizi possono anche variare.Sarebbe interessante che AL VOLANTE faccia un sondaggio con scritto semplicemente:"vi piace la nuova FF?",oppure mettere insieme la FF con altri modelli più o meno simili e poi votare.Alla fine comunque questa FERRARI piace e più ci saranno nuove foto e più anche gli scettici cambieranno opinione,quando poi verrà esposta dal vero al salone di GINEVRA lei sarà la regina indiscussa,saranno tutti li per lei e gli altri diventeranno solo delle semplici comparse,vedrai.Per quanto riguarda la PANAMERA è inutile che insisti,sarà pure una gran macchina,ma a livello stilistico è una cosa penosa,su questo in tanti sono d accordo,anche un direttore di un sito automobilistico ha il diritto e il dovere di criticare un automobile poco riuscita a livello stilistico,è una cosa talmente evidente che non puoi far finta di niente,quando un auto è un aborto è un aborto.
Ritratto di Pierluigi89
30 gennaio 2011 - 08:28
Tutte aute stupende, ma ho votato per la 612 Scaglietti, una moderna con quelle linee che si ispirano alla gt degli anni passati.
Ritratto di andrea63
30 gennaio 2011 - 09:43
chi critica la ff non capisce niente di auto
Ritratto di Energy Concept
30 gennaio 2011 - 12:35
Ferrari è sinonimo di lusso sfrenato,ricercatezza,ma soprattutto ESCLUSIVITà.. Una esclusività che una volta toccata il culmine negli anni 60,è andata sempre di più ad affievolirsi dagli anni 80 a oggi,sia per l'imborghesimento delle linee,ma soprattutto per strategie di fabbrica (alla fine i grandi numeri di vendite piacciono a tutti) che gioco-forza sono state vincolate ad intraprendere politiche molto più espansionistiche. Ad oggi,la Ferrari non rappresenta più la macchina esclusiva di una volta,ma più un veicolo dal brand molto commerciale,infarcito di lusso e dal prezzo stratosferico.Ogni tanto se ne escono con qualche serie limitata (vedi la Enzo:oscena esteticamente) per mostrare al pubblic le loro virtù,ma sono fuochi di paglia. La politica tutta d'un pezzo del Drake è sepolta da un pezzo;e nonostante i puerili tentativi di imitarlo,ne sono uscite solo brutte copie sbiadite. E' il classico marchio che o si ama alla follia come un bella donna,oppure lascia nell'indifferenza più totale; le vie di mezzo sono come le mosche bianche,ma in genere non vengno contemplate. Ma se questo è il prezzo che devo pagare per essere "esclusivo",resto uno dei tanti in mezzo alla folla.. Anche perchè siamo chiari,nella società consumistica in cui viviamo,fatta da molti "provincialotti arricchiti" che badano solo all'apparenza più che alla sostanza,l'importante è che su un pezzo di lamiera,come su uno di stoffa,ci sia un nobile marchio sopra;poi se è anche uno skateboard poco importa..è Ferrari:lusso italiano. E'il cuore italiano..e le si perdona tutto
Ritratto di Gianfranco84
30 gennaio 2011 - 18:41
Da come ho capito dal suo commento a lei non piacciono le(Ferrari moderne),oppure ho capito male?lei che Ferrari vorrebbe? Secondo il mio parere Ferrari era,è,sarà sempre il simbolo della ricercatezza,esclusività,lusso. Lasciamo stare il prezzo di una Ferrari,parliamo di meccanica,telaio,prestazioni,finiture,materiali,assemblaggio.Le qualità dinamiche sono al top soprattutto Ferrari con motore centrale posteriore tipo"Ferrari 458 Italia"senza dimenticare che questa Ferrari ha avuto vari riconoscimenti internazionali,il motore è un 4.500 da 570 cv,le finiture sono il massimo,pelle alluminio,fibra di carbonio,la pelle riveste ogni centimetro dell'abitacolo inclusa la plancia e pannelli porta,la cura è artigianale di conseguenza il montaggio è perfetto. Parliamo di elettronica,grazie al manettino sul volante si possono modificare tante cose,sospensioni"estreme,sportive o confortevoli",motore"erogazione del motore e coppia motrice",questo significa che si può modificare il comfort in base alle proprioe esigenze e al percorso"pista,asciutto,città,ghiaccio/neve,etc.," Il telaio è preciso,maneggevole,appagante,divertente,stabile,reattivo,etc.,etc., Poi non ho capito la frase quando lei scrive"provincialotti arricchiti"cosa significa questa frase?,questa frase può avere tanti significati. 1)Lei è di famiglia nobile,di conseguenza odia le persone che si sono arricchite magari sudando 7 camice,come si dice"dalle stalle alle stelle". 2)Le Ferrari di una volta erano fatte completamente a mano,quindi senza l'aiuto di macchinari,ad esempio"come il batti lastra per le lamiere"questo significa che magari lei odia la tecnologia". 3)con la frase"provincialotti arricchiti che badano all'apparenza più che alla sostanza",questo significa che lei ai nuovi ricchi li reputa"tamarri/grezzi"(ogni regione ha un suo modo di dire per definire queste persone),privi di cultura e di gusto,sobrietà,apparire prima di tutto. Ora le faccio il confronto con altre nobili marche: Bentley Continental:motore"6.0 W12"di derivazione Volkswagen/Audi Lamborghini Gallardo/Audi R8:pianale e motori in comune Lamborghini/Audi:motore 5.0,5.2,Audi RS6,S8/RS8 motore derivazione Lamborghini Porsche Cayenne/Volkswagen Touareg:motori e telaio in comune Porsche Panamarea/Audi A7 Sportback:molte cose in comune incluso il motore 3.0 V6 245 cv Finisco gli esempi di condivisione di pianali e motori in comune tra marchi"generalisti e finti esclusivi". Ferrari costruisce motori,pianali,etc.,senza condividere niente con altre marche automobilistiche. Maserati è una marca nobile che a differenza della Ferrari costruisce auto meno estreme in quanto sono più confortevoli,al pari come lusso ed esclusività di Aston Martin. Aston Martin:che fine ha fatto questo marchio?che fine ha fatto l'erede della Vanquish? Aston Martin:la DB9 inizia ad essere vecchia,anno di nascita 2004,stesso anno di nascita della Ferrari F430 Aston Martin Rapide:auto esclusiva a quattro porte,Aston Martin Vantage,la baby Aston da poco più di 100.000 Euro. la Ferrari costruisce auto sempre più esclusive e raffinate,difficilmente vedremo una Ferrari a quattro porte"Aston Martin Rapide,Porsche Panamarea,etc.,"oppure Ferrari SUV"Porsche Cayenne,è allo studio una Lamborghini SUV,etc,". Detto questo la Ferrari è una delle poche case automoblistiche che non ha perso il DNA originario,Ferrari è "evoluzione,continuità,innovazione,tecnologia",non rottura con il passato e la conseguente perdita di radici come è stato per molte case automobilistiche"non più esclusive".
Ritratto di Antonio_b
30 gennaio 2011 - 21:56
Appena appena logorrico, anche questo commento sembra un depliant...non si può certo negare che la ferrari sia esclusiva, ma che c' entra il fatto che la bentley ha un w12 di derivazione audi/volks? Oppure che la gallardo e la r8 condividono il pianale? Questa ff non ha forse preso il muso dalla 458? Noooooo...guai ad ammeterlo...non è proprio identico, c'è una scalanatura di 0.2 micron che la rende diversissima...i fari posteriori non ricordano altre auto sempre di casa ferrari? Tipo....california? Noooo....ma figurati....la ferrari ha il manettino (le altre invece non hanno l' elettronica), la ferrari ha gli interni in pelle cuciti a mano (le altre invece sono cucite con i piedi e sono in ecopelle), la ferrari ha un motore potente mentre le altre faticano ad andare avanti...immagino poi che ferrari abbia carbonio vero nell' abitacolo mentre le altre vetture un simil carbonio, per fregare l' acquirente che non se ne accorgerebbe...
Ritratto di Energy Concept
30 gennaio 2011 - 22:16
Buonasera Sig. Gianfranco. Le rispondo in merito al suo commento,che di sicuro deve averlo toccato o perlomeno ferito nell'orgoglio;al punto tale da dedicarmi così tanto spazio con una osservazione dai contenuti sicuramente ricchi e molto esaustivi. A questo punto se me lo concede,voglio fare qualche precisazione anche io.. Il mio non è un odio nè per l'Italianità,tantomeno per la Ferrari. Anzi sono fiero di possedere una cultura italiana;un pò meno di vivere in un paese come il nostro,che nonostante sia il più bello del mondo,sta scivolando lentamente nell'oblio,a causa di un succedersi di eventi socio politici dai contorni raccapriccianti. Ma torniamo a noi.. La Ferrari per me era uno Status Simbol;un auto da sognare,da ammirare,da vezzeggiare e da desiderare..D'altro canto anch'essa amava farsi desiderare e non perdeva occasione per farlo con quelle curve sinuose unite a delle linee secche e dure che ti strizzavano l'occhio e ti facevano perdere la testa. Oggi tutto questo per me non esiste più,fermatosi alla F 50,la 575 e coetanee.Da allora la Ferrari non è più stato l'oggetto dei miei sogni irraggiungibili quanto una scatola,ricca di si di contenuti,ma dall'aspetto scialbo,anonimo,neutrale come il beige nonostante il rosso del suo colore. Nessun riconoscimento,nessuna persona,nessun premio,nessuna giuria potrà mai imporsi sul mio giudizio,che per me è INSINDACABILE.Non voglio nemmeno omologarmi alla massa,come fanno in molti,pure troppi..Fra questi quelli che criticano l'Italia per partito preso e quelli che osannano la Ferrari anche se produce un SUV. Io sono più obbiettivo sotto certi aspetti e anche con meno peli sulla lingua Sig. Gianfranco io non so dove abita,ma deve sapere che i cosiddetti "provincialotti arricchiti" come si chiamano a Firenze (dove vivo ) sono una prerogativa tipica del capoluogo toscano. E le spiego cosa incarnano.. Si tratta di una cerchia,nemmeno troppo ristretta di persone che imposta la propria vita sull'apparenza e non sulla sostanza.Non sono miliardari,ma nemmeno favelati. Non è certo gente che con i soldi ci è nata,ma che si è ritrovata di punto in bianco a possedere 4 lire in tasca per pura fortuna ed adesso si fregiano del titolo di Conti,Marchesi ecc..dandosi delle arie mentre fino a 3 anni prima avevano anche il frigorifero vuoto.Persone senza un briciolo di personalità e di cervello. Il lusso è il loro scopo di vita e l'obbiettivo finale di ogni anno è farsi le ferie a Forte dei Marmi e comparsi il Carrera S, la 430 usata quando va bene.. Gente analoga ad altri pezzenti fiorentini anch'essi senza peronalità,che però non hanno un becco di un quattrino.Quest'ultimi si vergognano delle loro condizioni e fanno i debiti in giro per far vedere che sono in grado di concedersi la "bella vita",che rappresentano qualcosa,che contano qualcosa.Quando in verità farebbero meglio ad immedisimarsi in loro stessi. Hanno più denaro in vestiario che nel conto in banca. Infatti se giri per la città insieme è tutto loro:ditte,condomini ,palazzi e Ferrari. Che poi mi sorge spontaneo farmi una domanda..Ci sono circa 20 Ferrari a Firenze ma come mai 500 e passa proprietari ?? Vabbè che il Leasing è d'uso comune,ma il cavallino rampante non penso sia inserito in un piano di gestione aziendale di questo tipo e più che altro diffuso a macchia d'olio. Una macchina come la FF va bene a questo tipo di persone qua,tutto fumo e niente arrosto. Un vero appassionato con i soldi (uno che il ricco se lo può permettere di fare perchè i soldi ce li ha e pure tanti) e sono sicuro concorderà con me farebbe meglio a orientarsi su un auto del calibro della Fiorano o di una F5o se nostalgico.Di una Daytona se intenditore.E francamente se me lo potessi permettere non esitereri un secondo a comprarmela.. Io non odio nemmeno la tecnologia,a patto che sia usata con consapevolezza,coscienza e nel bene dell'umanità ;e Dio ringrazio se sulla mia auto ho l'ESP,gli Airbag etc etc. Ma non le nascondo che il piacere di ammirare una macchina costruita battendo le lamiere a mano(cito la 250 GTO),o di sentire la radica sotto le mie mani non me lo toglierà mai niente e nessuno. Un capolavoro dell'ingegno umano,unita ad una nota di classicismo e un pizzico di nostalgia poggiato su 4 ruote.E li capisce che anche il freddo del metallo della scocca avvampa di un calore e di una passione mai vista prima;lasciandoci letteralmente senza fiato davanti a quella meraviglia. E non c'è FF,F458 Italia che tenga davanti ad una 275 GTB 4,una 250 Testarossa o anche una F 40. Oggi il design Ferrari per me non è più all'altezza di quello che era una volta.Non mi trasmette più passione,fuorore.Si è persa quell'ansia e quel desiderio di attendere l'anno venturo per sapere come sarebbe stata la prossima nata di Maranello;quasi come se quel giorno fosse Natale. Non esistono più questi periodi. Oggi anche la Ferrari si è adeguata come tutte le altre case automobilistiche non più a seguire il cuore e l'istinto come faceva il buon vecchio Drake. Anch'essa si è imborghesita,ingrigendo,con l'adozione di linee tutto sommato modeste,banali e senza particolarità;solo per avere un consenso di pubblico più vasto.E vendere di più..a discapito dell'esclusività ma a vantaggio delle proprie tasche. Per quel che rappresenta nel mondo,alla Ferrari non sono concessi errori.E' forse l'unica casa al mondo dove un errore costa lo stroncamento e lo sputtanamento di un simbolo,ma una vittoria e un successo la fanno risplendere di mille luci..Questo semplicemente perchè è la Ferrari. Un nome che racchiude una storia quasi centenaria dentro di sè. Tuttavia non nego che i progressi fatti sulla meccanica e l'elettronica sono IMPAREGGIABILI,ma per poterli ammirare,gustarli provarli e sentirli come miei prima di tutto su quell'auto ci devo salire e la devo vedere. E come si suol dire: anche l'occhio vuole la sua parte... Spero di esserle stato d'aiuto Simone
Ritratto di lambofan
30 gennaio 2011 - 15:24
sono tutte bellissime(a parte 365 e 400)se fosse per me le avrei votate tutte,ma dovendo scegliere ho votato la 250 gt 2+2
Pagine