NEWS

Stop alla produzione della Fiat 124 Spider

Pubblicato 03 dicembre 2019

A poco più di tre anni dalla commercializzazione, la roadster italiana esce di scena. Restano disponibili esemplari in stock, offerti a prezzi allettanti.

Stop alla produzione della Fiat 124 Spider

UN BEL REVIVAL - Lanciata al salone di Los Angeles nel novembre del 2015 e introdotta nei listini da aprile 2016, la Fiat 124 Spider ha interpretato in chiave moderna una delle sportive del marchio torinese di maggior successo del passato: la 124 Sport Spider del 1966, firmata da Pininfarina. Il frontale con i fari circolari, le due gobbe nel cofano, la linea dei parafanghi e l’accenno di coda di rondine nella parte posteriore, ricordano inequivocabilmente l’antenata. Per contenere i costi, la Fiat ha realizzato questa spider sulla base di un’altra scoperta di successo: la Mazda MX-5 di ultima generazione. Tuttavia, molti dettagli differenziano le due auto. Oltre al design, anche il motore è “made in Italy: si tratta del 1.4 turbo Multiair in versione da 140 CV e, per la Abarth 124 Spider (foto qui sotto), con 170 CV. Per entrambe, il cambio è manuale a 6 marce, derivato da quello della precedente generazione della MX-5. In alternativa, c’è l’automatico, con lo stesso numero di rapporti. Specifici per la Fiat 124 Spider sono i rinforzi nella scocca, oltre alla taratura di sterzo e sospensioni. L’abitacolo riprende quello della cugina nipponica, ma presenta finiture più curate (con materiali morbidi al tatto). La capote, a doppio strato per un miglior comfort, ha il lunotto in vetro.

UN BUON SUCCESSO - Il suo aspetto rétro convince da subito e un buon successo di vendite accompagna i primi anni di commercializzazione della Fiat 124 Spider: ad oggi in Italia ne sono state vendute circa 4000, inclusa la versione Abarth. Una cifra di tutto rispetto per un’auto di nicchia, ma probabilmente non sufficiente a giustificare il rinnovo dell’accordo fra il marchio italiano e quello giapponese, che prevede l’acquisto di stock prestabiliti di vetture complete e prodotte nello stabilimento giapponese della Mazda a Hiroshima. Un altro motivo che può aver indotto a cessare la produzione è il costo (elevato) per l’aggiornamento a Euro 6d-Temp (e Euro 6d) del 1.4 turbo Multiair: un’unità con parecchi anni di servizio sulle spalle, utilizzato da molti modelli del gruppo (per esempio l’Alfa Romeo Giulietta), ma al termine del suo ciclo di vita: l’unica rimasta a montarlo, è proprio la Fiat 124 Spider. 

È IL MOMENTO DI COMPRARLA - Anche se fuori produzione, la Fiat 124 Spider, e la sua grintosa derivata preparata dall’Abarth, è un’auto sempre divertente nella guida e tutt’altro che vecchia. E, nonostante il mancato aggiornamento sulle norme antinquinamento, il motore a benzina  resterà al riparo da eventuali blocchi alla circolazione per le auto più inquinanti ancora per molti anni. A questi vantaggi si aggiunge il prezzo. Le vetture in giacenza presso le concessionarie non mancano e si possono strappare forti ribassi, soprattutto per le Km zero. Per la Fiat 124 Spider Lusso con cambio manuale si possono spuntare sconti anche nell’ordine dei 10.000 euro, portando a casa a meno di 20.000 euro un’auto che, di listino, ne costa 30.340 euro. Il consiglio è visitare le concessionarie, dando anche un’occhiata alle offerte per le Km zero in questo sito e sul mensile alVolante.

Fiat 124 Spider
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
275
74
35
29
44
VOTO MEDIO
4,1
4.10941
457




Aggiungi un commento
Ritratto di Elix69
3 dicembre 2019 - 16:21
:))
Ritratto di Sprint105
3 dicembre 2019 - 14:12
Bella questa 124, peccato che, come al solito, alla Fiat lascino morire i modelli, invece di svilupparli e aggiornarli. Stesso discorso per le Alfa Romeo Giulietta e 4C.
Ritratto di erresseste
3 dicembre 2019 - 16:33
Ormai comanda il mercato, non il cuore... purtroppo
Ritratto di littlesea
3 dicembre 2019 - 14:17
1
Peccato... davvero una gran bella vettura. Non siamo davvero capaci di mantenere le cose buone in Italia...
Ritratto di littlesea
4 dicembre 2019 - 13:20
1
È rimasta anche la tua proverbiale ignoranza in campo automobilistico, infatti! Purtroppo quelli come te si fa davvero tanta fatica ad estirparli dai forum...
Ritratto di marcoveneto
3 dicembre 2019 - 14:23
Ricordiamo che doveva nascere col marchio Alfa, ed è stata convertita a Fiat all'ultimo....peccato comunque, la gamma perde un altro modello...Ora la più "giovane" in listino è la 500X, auto del 2015....
Ritratto di AMG
3 dicembre 2019 - 15:08
Verissimo. che è tutto dire... speriamo che l'accordo con PSA dia nuova linfa ai modelli della casa torinese
Ritratto di desmo3
3 dicembre 2019 - 15:21
e aggiungo che voleva doveva inserirsi nello stesso segmento della Jaguar F-Type, quindi tutt'altra cosa rispetto alla Fiat/Madza
Ritratto di desmo3
3 dicembre 2019 - 15:15
il modello Alfa doveva nascere su pianale Giorgio, da quelli che erano i progetti del 2014-2015
Ritratto di MS85
3 dicembre 2019 - 15:21
No, era effettivamente destinata a nascere in condivisione con la MX-5 ND, ma già a fine 2013, inizio 2014, il progetto è stato spostato su Fiat e Abarth.
Pagine