Fiat, mai più produttore generalista

10 marzo 2015

Marchionne, a Ginevra, ha precisato quello che già era nell'aria: il marchio Fiat non sarà più impegnato nella produzione “di massa”.

Fiat, mai più produttore generalista
ESPLICITO - Lo si era ben capito dai programmi che negli ultimi anni sono stati avanzati dal gruppo FCA, ma ha fatto comunque effetto l’affermazione fatta al salone di Ginevra da Sergio Marchionne (qui sopra) secondo cui nei piani futuri del gruppo FCA non è prevista una marca Fiat “generalista”, cioè con una produzione di tanti modelli per coprire tutte le categorie di auto, come per esempio Renault, Ford, Opel e altre.
 
LA STRADA TEDESCA - Marchionne ha spiegato la strategia con la scelta del gruppo FCA di privilegiare una filosofia guidata dalle possibilità di profitto. Per argomentare l’orientamento Marchionne ha anche fatto presente che le tre marche del lusso tedesche nel 2014 in Europa hanno venduto più della Fiat: Audi 726.059; BMW 676.410: Mercedes 652.373, contro le 586.271 unità della marca Fiat, che nelle statistiche è tallonata dalla Skoda con 582.140 vetture.
 
STOP AI NUMERI DI MASSA - Con questa situazione, la Fiat va verso una gamma non più completa come quelle delle marche generaliste. “La Fiat andrà a dismettere l’immagine di produttore di massa - ha affermato Marchionne - per assumerne una concentrata su ciò che sa fare meglio”. 
 
A DOMINARE SARÀ IL NOME 500 - In pratica i cavalli di battaglia della marca saranno la Panda e la famiglia 500 (500, 500L e 500X). La fase di trasformazione vedrà poi protagoniste la nuova Fiat Bravo, che sarà prodotta dal 2016 in Turchia, e l'erede della Fiat Punto: quest'ultima, dopo tante incertezze, si dovrebbe fare, ma non è ancora chiaro che “tipo” sarà.
 
NEL SEGNO DELLA JEEP E DELL’ALFA - In pratica, ha concluso Marchionne, la marca Fiat non inseguirà più volumi di vendita e quote di mercato come un tempo. Ciò che il gruppo realizzerà nei prossimi 5-10 anni sarà un riposizionamento e una riconfigurazione del gruppo FCA nel mercato all'insegna dell'espansione del marchio Jeep, già in corso, e il lancio anch’esso globale dell’Alfa Romeo come marchio sportivo di prestigio.


Aggiungi un commento
Ritratto di TheStig_97
11 marzo 2015 - 12:37
Trovo sia una strategia sensata, in fondo Fiat ha sempre venduto bene nei segmenti A-B, il segmento C però lo trovo necessario in gamma e quindi bene l'erede della Bravo. Praticamente la novità vera e propria è che Fiat non produrrà una seg.D: ma a che serve visto che è prevista la versione Sedan della berlina C! Non ci vedo una così tanta rivoluzione...
Ritratto di Mattia Bertero
11 marzo 2015 - 15:02
3
Lo si capiva già vedendo l'attuale listino della Fiat che la ex casa torinese si sarebbe concentrata su modelli prestabiliti (basta pensare al brand 500), sacrificando altri modelli (quali Sedici, Punto come la conosciamo e forse il Freemont). Staremo a vedere se questa strategia darà i suoi frutti.
Ritratto di Iceman Paul
11 marzo 2015 - 18:38
Fiat vende auto a chi non riesce ad arrivare a fine mese????????Credo proprio che sia una frase offensiva pe rtutti coloro che comprano o che amano Fiat. Personalmente non amo la fiat e tantomeno le scelte di Marchionne ma uscire con una frase del genere è veramente da maleducati. Bravo a Fr4ncesco che ha rimarcato questa frase infelice. Fiat io non la amo ma ha fatto comunque auto che sono rimaste nella storia. I modelli odierni tipo 500, L, X piacciono pure a me che di fiat non ne ho mai comprato una in vita mia. La Freemont a me piace. Non condivido le scelte di marchionne, assolutamente. Non si parla più di Lancia...non so se ve ne siete accorti...con lancia si potrebbero fare dei modelli premium. pensate a quanti marchi sono morti con Fiat: autobianchi, innocenti....Se fiat deve fare solo quello che sa fare meglio spiegatemi il successo nel tempo passato di un auto come la Croma. Le auto si devono fare belle: per questo che la gamma 500 vende (a me la nuova panda non piace per niente). La croma era molto bella ed equilibrata....E' già da molto tempo che in casa Fiat non vi sono tutti i segmenti e secondo me è un peccato. Certo non si sente la mancanza di una bravo, ma la mancanza di uno station si (la 500L living è troppo sproporzionata) e il Freemont troppo lungo. Ragazzi guardate su internet i rendering della fiat 127....secondo me Fiat deve allacciarsi al passato come sta facendo con 500 ma non deve dimenticare che anche qualcosa in alto di gamma bisogna avere. L'alto di gamma, l'mmiraglia dovrebbe rappresentare il flagship di una Azienda, dimostrare che cosa può fare in barba alle leggi di mercato, tanto i sa che i profitti non vengono dalle ammiraglie... L'importante è fare belle auto e in Fiat oltre al Croma vi era il 124 spider, il 131, il 124 per non parlare poi di lancia con il thema, dedra, delta, y, musa....insomma pur non amando fiat riconosco che qualche cosa l'ha azzeccata. Infine chiudo con la frase di inizio: categorizzare chi compra fiat come uno che non arriva a fine mese è da maleducati veramente
Ritratto di cicos68
11 marzo 2015 - 19:00
Peccato che manchi almeno una vera ammiraglia, e non parlo di quel c...so della Thesis. Se avessero sviluppato la nuova croma differentemente avrebbero avuto un successone. Come spazio è imbattibile. Vabbee
Ritratto di Sportingheart
11 marzo 2015 - 21:12
adesso che la fusione è compiuta, tutto è definito, mi auguro che FCA dia un impronta definitiva alle sue auto e alle sue strategie, in quanto le cag ate in Fiat sono all'ordine del giorno....in quanto a strategie di marketing e d'immagine sono ridotti male....non ultimo la questione del nome della futura seg. D alfa.....non si chiamerà Giulia....ok...e quindi? anzi no forse Giulia in Europa e Alfa 100 in america e Asia.....ma cosa cax xo significa????ma ti pare???e così vorresti rilanciare un marchio Premium....scusate ma mi sa di Idiozia allo stato puro!!!!!E poi vogliamo parlare del nome Alfa 100??? Cioè non so se avete capito, ma quella che dovrebbe essere l'auto del rilancio, della rivoluzione , della sfida alle tedesche, del ritorno al posteriore dovrebbe chiamarsi 100, ma in FCA chi ci lavora?TOPO GIGIO?
Ritratto di ghighen
11 marzo 2015 - 21:28
Oltre alla valutazione di quali modelli è opportuno che la Fiat produca, a mio parere è necessario chiedersi di quali motori disporrà la Fiat. Mi sembra di intendere che Marchionne voglia produrre auto particolari con grande fascino, in USA direbbero "cool" da vendere a persone che non fanno del prezzo ridotto ai minimi termini, il primo motivo di scelta. Il grosso problema da risolvere a questo punto è l'enorme "gap" che il Gruppo FCS ha a livello motoristico. All'inizio degli anni 80, se la memoria non mi tradisce, la Fiat lanciava il motore Fire, distante anni luce dai motori della concorrenza, distante in senso positivo. Oggi la Fiat si ritrova tra i motori a benzina di piccola cilindrata con un bicilindrico che francamente trovo imbarazzante per la potenza ridotta e il rumore che produce. La concorrenza sta sfornando motori 1000 di cilindrata a tre cilindri con iniezione diretta e turbo, che la Fiat manco si sogna. Alla Fiat rimane, ma ancora per poco, un certo vantaggio con il 1.300 diesel, ma francamente mi sembra un po' poco. Certo la Fiat e Marchionne negli ultimi anni sono stati impegnati, sia mentalmente sia finanziariamente, a realizzare fusioni con altri marchi, ma ora i nodi arrivano al pettine e l'arretratezza tecnologica accumulata in campo motoristico - pensiamo anche allo sviluppo di motori ibridi o con fuel cell che altri marchi hanno portato avanti con convinzione - potrebbe costringere Marchionne a consegnare il Gruppo FCA a qualche altro gruppo automobilistico più avanzato, per garantirne una qualche forma di sopravvivenza.
Ritratto di cicos68
12 marzo 2015 - 13:44
L'auto dallo spazio maggiore per passeggieri è la New Croma. Ho avuto Mercedes C220, Mondeo primo, secondo e terzo modello tutti sw ovviamente. Faccio 40.000 km l'anno e non ho mai trovato macchina più spaziosa della new Croma. Peccato che non abbiano proseguito con la produzione. Consumo urbano del 1,9 Mjt 13 al lt, fuori citta 17/22 al lt, ovviamente dipende dal piede, molto dal piede. Peccato che si trovano modelli mlto sfruttati. Non ci volevo credere, mai avuto fiat, ma il mjt è u motore da fare invidia, ripeto, peccato che la new croma abbia chiuso la prduzione nel 2010. Usate se ne trovano anche sottt i i 7000 euro. Ho apprezzato per la prima volta una Fiat, eppure auto di quel calibro ne ho avute.
Ritratto di Kriminal
12 marzo 2015 - 15:05
... la scelta di Marchionne di abbandonare un signor marchio come LANCIA, con il quale costruire nel settore premium. Una volta (purtroppo troppi anni fa) Lancia poteva far bella figura con i suoi modelli e reggere la concorrenza dei migliori marchi stranieri (ricordate la Thema degli anni 80?, l'ultima del tipo...). Oggi forse FCA non ha il coraggio di rilanciare il marchio contro Audi, BMW, Mercedes? Eppure il know-how non credo sia stato tutto dilapidato!
Ritratto di Fiat.
12 marzo 2015 - 17:23
DOTT MARCHIONNE SECONDO ME ORA HA FINITO IL COMPITO!!! HA FATTO CASSA COME DICEVA ,ORA CI VUOLE UNA PERSONA CHE RILANCI L'IMMAGINE FIAT.. SE IN TEMPO ..GRAZIE
Ritratto di zafagno
13 marzo 2015 - 09:22
Marchionne dice che non sarà generalista inteso come produttore che offre un modello per ogni tipologia, come Ford, Citroen Opel. Anche Mercedes, BMW e Audi hanno un modello o quasi per ogni tipologia però, quindi anche loro sono da considerarsi generaliste ma cosiddette "premium". Forse Marchionne vuole che Fiat diventi come Smart, Ferrari, Dacia, o Mini, cioè produttore specializzato in qualcosa.
Pagine