La Fiat è alla ricerca di un nuovo socio

10 gennaio 2012

L’ipotesi è stata ventilata dall’amministratore delegato Sergio Marchionne durante il Salone di Detroit. E già si fa il nome della francese Psa Peugeot-Citroën.

La Fiat è alla ricerca di un nuovo socio

LE INDISCREZIONI PORTANO A PARIGI - La coppia Fiat-Chrysler potrebbe aprirsi a un nuovo partner. È questo il senso delle parole dell’amministratore delegato Sergio Marchionne, che ieri ha partecipato al Salone di Detroit sfoggiando un inedito look con barba incolta e una sciarpetta grigia sul solito pullover blu. Il manager italocanadese è rimasto piuttosto sul vago (“Il partner può essere di qualsiasi colore”) e ha precisato che non ci sono colloqui in corso con nessuno, ma tanto è bastato ai mass media per lanciarsi a caccia d’indiscrezioni. La casa automobilistica più accreditata risiederebbe all’ombra della Tour Eiffel: come scrive oggi il Corriere della Sera, la francese Psa Peugeot-Citroën sarebbe infatti pronta a negoziare un’alleanza.

fiat_500_usa_gamma.jpg
La Fiat 500 venduta negli Usa.

OBIETTIVO IRRAGGIUNGIBILE? - Il fatto è che la strada che porta a tagliare l’annunciato traguardo di 6 milioni di vetture nel 2014 è più impervia del previsto. “Se il mercato europeo continuerà così, alla Fiat mancheranno almeno 4-500.000 unità rispetto agli obiettivi fissati”, ha detto ancora Marchionne. Insomma, nel 2014 potrebbero mancare all’appello 2-300.000 vetture. Certo, precisa il manager italocanadese, “si possono recuperare posizioni in Brasile, un mercato che ho sottovalutato, o con la Chrysler in America”, ma questi sforzi potrebbero non essere sufficienti; da qui la ricerca di un alleato, “che potrebbe essere europeo o asiatico”. È la prima volta dal 2009, ricorda il Sole 24 Ore, che la Fiat ammette la necessità di instaurare una nuova partnership: allora si parlava della Opel; adesso, della Psa Peugeot-Citroën. Il ragionamento è semplice: “Nel mondo c’è ancora bisogno di un consolidamento nel settore auto. Solo due o tre gruppi sono in grado di produrre 8-10 milioni di vetture all’anno. Bisogna che ne nasca un altro. Small is beautiful è un discorso che in Europa non funziona tanto bene”.

Maserati kubang uff 3
Il prototipo della Maserati Kubang presentato al Salone di Francoforte 2011.

DELUSIONE PER LA 500 NEGLI USA - Resta l’amaro in bocca per l’insuccesso della Fiat 500 negli Stati Uniti. Marchionne ammette che l’obiettivo di 50.000 vetture all’anno peccava d’ottimismo: “Ho fatto una grandissima cavolata”. Ecco perché, per il 2012, l’asticella è stata abbassata a quota 25-35.000 unità. Intanto, nel corso della prima metà del 2013, nello stesso stabilimento della Chrysler a Detroit che fabbrica la Jeep Grand Cherokee e la Dodge Durango, partirà la produzione della Kubang, la futura suv targata Maserati. La vettura dovrebbe arrivare nei concessionari a stelle e strisce durante la seconda metà di quello stesso anno. In seguito, sbarcherà su altri mercati.



Aggiungi un commento
Ritratto di DaveK1982
10 gennaio 2012 - 14:03
7
essere suzuki, visto che già ci sono accordi sull'uso dei motori multijet e la costruzione della sx4/sedici. Però la tata potrebbe fare ostruzionismo in india...
Ritratto di juvefc87
10 gennaio 2012 - 14:43
racimola accordi con la bmw ed è inevitabile che anche la stessa bmw x raggiungere maggiori vendite nel settore delle auto piccole si affidi a psa, quindi scordati i francesi, che intelligentemente hanno tutto da guadagnarci con bmw e molto da perderci con fiat. la Fiat farebbe bene a cercare partner in cina o x me dovrebbe rilevare la saab
Ritratto di Mario85
10 gennaio 2012 - 15:20
Ma se il gruppo psa deve ringraziare fiat per i motori che mondata i diesel ? Ma che dici???? I Qubo della fiat e tutto francese fa schifo! Monta motori diesel MJ i motori benzina francesi che sono ridicoli. Il suo fratello francese il nemo per il diesel possiede il MJ , fino a qualche tempo fa montava il 1.4 a benzina fiat Quindi..... Le fortune le fa la psa con la fiat e noi ci siamo presi quei cessi francesi
Ritratto di juvefc87
10 gennaio 2012 - 18:12
il 1.4 hdi è veramente migliore del mj!! così cm i motori + potenti dall'1.6 al 2.0 con o senza doppio turbo, e infatti sui piccoli motori ci si è buttata di capofitto la bmw!! x non parlare della cura costruttiva e la qualita dei componenti!! anni luce avanti!
Ritratto di liinkss
11 gennaio 2012 - 01:11
9
???????????????????????????????!
Ritratto di Mario85
11 gennaio 2012 - 09:47
poi ti svegli tutto sudato! Punto primo il 13 MJ il 14HDI non lo vede proprio il MJ e superiore Punto 2 il 16 e fiat se non lo sai Punto 3 e la BMW che fornisce motori non il contrario
Ritratto di Dareios
11 gennaio 2012 - 21:01
pfff i 1.6 psa-bmw prestanti... se solo la Fiat avesse continuato ad investire nella ricerca dei 1.6 Twin Spark (dotandoli del MultiAir magari), i francesi avrebbero visto 1.6 Alfa solo con il telescopio, neanche col binocolo!
Ritratto di giuseppexx
10 gennaio 2012 - 15:03
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di multiair
10 gennaio 2012 - 15:12
Insistere coraggiosamente x acquisire opel! Se oggi fossero unite ne risulterebbe un fortissimo gruppo! E poi nelle piccole sono entrambi forti. Per non parlare delle infinite sinergie possibili tra esse! Al momento fiat dovrebbe puntare verso suzuki e xché no ancora opel! Anche i coreani non sarebbero male... Forza fiat ma sbrigati e sforna nuovi modelli! Sono stufo di aspettare!
Ritratto di yeu
10 gennaio 2012 - 18:10
Non poteva fare niente si sono messi di traverso i politici tedeschi forse perchè c'erano altri poteri forti in gioco a cui dava fastidio l'allargamento di fiat dopo i successi internazionali con chrysler.Hanno deciso per magna stiller anche se fiat sarebbe stata la soluzione ragionata in quanto le opel adottavano già tecnologie fiat ma non l'hanno voluto.Secondo te perchè?Opel e fiat avrebbero risparmiato più di un milardo di euro l'anno con le sinergie eppure la scelta è stata la meno logica.Solo noi italiani non ci tuteliamo è inutile siamo gli scèmi di eurolandia.
Pagine