NEWS

La Fiat Qubo si rinnova (poco)

28 luglio 2010

A quasi due anni dal lancio, la Fiat Qubo “guadagna” motori tutti Euro 5 (con il debutto del 1.3 Mjt da 95 CV) plancia, tessuti degli interni e colori della carrozzeria rivisti. I prezzi vanno da 13.200 a 18.800 euro.

La Fiat Qubo si rinnova (poco)

I MOTORI - Le principali novità della Fiat Qubo sono indubbiamente racchiuse nella nuova gamma motori. Sono tutti omologati Euro 5 e i diesel sono equipaggiati con l’impianto di iniezione Multijet di seconda generazione e dotati di filtro antiparticolato, Start&Stop e cruise control. Alla gamma si aggiunge il nuovo 1.3 Mjt da 95 CV che, rispetto al 75 CV da cui deriva, dispone di una turbina a geometria variabile che permette, secondo la casa, di ottimizzare prestazioni e consumi: questi ultimi, nonostante la maggiore potenza, sono gli stessi del 1.3 75 CV, con solo 113 g/km di CO2. Completano l’offerta dei motori il 1.4 8 valvole da 73 CV e il 1.4 8v 77 CV con la doppia alimentazione benzina/metano, per il quale la Fiat dichiara emissioni di CO2 di 114 g/km.

fiat_qubo_my2011_01.jpg

GLI INTERNI  - Completamente rinnovati i colori della plancia (foto qui sopra), nera per tutti gli allestimenti, e delle plastiche interne. Sulle versioni Dynamic e Trekking la mostrina centrale del climatizzatore si impreziosisce, passando da grigio metalluro a nero lucido. Il quadro strumenti ha una nuova veste grafica che rafforza la somiglianza con il Doblò. Un nuovo tessuto caratterizzato da elettrosaldature è stato sviluppato per l’allestimento Dynamic in due varianti di colore, rosso e grigio, mentre per le versioni Trekking (che ha di serie nuovi cerchi in lega da 15” a 10 razze) all’attuale grigio si aggiunge un accattivante rosso. Novità nelle tinte della carrozzeria: il Qubo modello 2011 può essere acquistato anche nei colori rosso Pimpante, rosso Esuberante e amaranto Fascinoso.
 

fiat_qubo_my2011_02.jpg

LA TECNOLOGIA - Inoltre, su tutti gli allestimenti può essere richiesto come optional il nuovo Blue&Me TomTom che oltre ai vantaggi offerti dalla piattaforma Blue&Me (anche questa recentemente rinnovata con compatibilità totale con tutti gli Ipod/Iphone di ultima generazione e con un incremento di memoria) permette a chi guida di disporre di un sistema di navigazione con un elevato livello di integrazione a bordo del veicolo, sia da un punto di vista elettrico/meccanico sia della connettività.

I PREZZI - Il Qubo modello 2011 ha prezzi compresi  tra i 13.200 euro della versione 1.4 Active e i 18.800 euro del 1.3 Mjt Trekking.

Fiat Qubo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
32
19
25
29
49
VOTO MEDIO
2,7
2.714285
154




Aggiungi un commento
Ritratto di Nicolino94
28 luglio 2010 - 15:36
non che sia un estimatore della fiat, però muoviamo così tante critiche verso la fiat e sulla gente che tanto aprirà gli occhi sulle sue fregature e poi la fiat è prima nelle classifiche di qualsiasi segmento a parte quello delle berline grosse! alla faccia vostra, nonostante tutto la gente preferisce risparmiare su qualche bella finitura piuttosto che dare i soldi ai francesi o ai tedeschi. o magari seplicemente avere l'affidabilità dei motori fire o della reperibilità dei ricambi visto che di officine fiat è pieno! circa la qubo che tutti disprezzate: intanto è la prima quanto a vendite nella categoria multispazio, e stacca tutte di parecchie centinaia di unità!
Ritratto di carloleader
28 luglio 2010 - 16:16
infatti nella categoria delle multi-spazio compatte è il più venduto
Ritratto di Limousine
28 luglio 2010 - 18:13
... in qualche Paese dell'Est e in America Latina. Per il resto - che non è poco - fa numeri del tutto marginali. Per non parlare di Lancia (praticamente sconosciuta all'estero) e Alfa Romeo (appena appena un po' meglio di Lancia). Per cui, sterili campanilismi a parte, basta togliersi gl'insaccati dagli occhi per vedere bene la realtà. Vogliamo analizzare la "fantasmagorica" gamma di vetture (la maggior parte delle quali tutte VECCHIE e STRA-VECCHIE) con cui Fiat "domina" i mercati? Detto fatto: 1) Fiat 600 (1998). Citycar risalente - automobilisticamente e tecnologicamente parlando - ai tempi della "Guerra di Secessione Americana". La sostituta (se esiste) è ancora un disegno sulla carta. Campa cavallo...; 2) Fiat Panda (2003). Citycar risalente alla "II Guerra Mondiale", è stata un buon successo, ma da un po' "arranca" incalzata dalla più recente concorrenza. Avrebbe già dovuto esser stata pensionata quest'anno, ma - con grandissima intelligenza - se ne riparlerà nel 2012. Forse...; 3) Fiat 500 (2007). Citycar "sfiziosa", nata sull'onda di successi come Smart e Mini. E' carina e ben fatta, ma non può certo sopportare l'intero peso del mercato da sola. Il suo simpatico musetto è la base per tutti i prossimi frontali Fiat. Che goduria...; 3) Fiat Punto Classic (1999). Utilitaria che, variamente liftata e stra-liftata, ancora sopravvive alle ere geologiche, ma è tempo - ormai - che si estingua; 4) Fiat Grande Punto (2005). Moderna utilitaria che - per puro miracolo - la Fiat aveva imbroccata con successo. Peccato che - come costume della Casa torinese - le cose buone è sconveniente preservarle e migliorarle, per cui nel 2009 si premurano di affiancarle lo SPLENDORE Punto Evo (?????). Un SUCCESSONE annunciato!!!; 5) Fiat Sedici (2006). Piccolo SUV che non è né carne, né pesce. Estetica discutibile, finiture grossolane, abitabilità e capacità di carico modeste, prezzo spropositato. Risultato? Non ne incontri una neppure a pagarla (ovviamente); 6) Fiat Bravo (2007). Berlina per famiglia di pregevole fattura, buon esempio di vettura moderna (in tandem con la G. Punto del 2005). Pure in questo caso, Fiat si "premura" IMMEDIATAMENTE di valorizzarre l'auto con varianti a tre porte, s.w. e cabriolet, per rintuzzare meglio la concorrenza; 7) Fiat Croma (2005). Pseudo-ammiraglia (?????) del Marchio, non è una berlina, non è una vera wagon. Un conoscente che lavora in Fiat l'ha simpaticamente definita "cesso su quattro ruote". C'è altro d'aggiungere? Si! Nessuno - o quasi - la compra; 8) Fiat Idea (2004). Piccolo monovolume da città. L'idea - scusando il gioco di parole - non era affatto male. Peccato che finiture non all'altezza e un bruttissimo muso ne hanno notevolmente frenate le ambizioni. Sta ancora in listino perchè - come costume in Casa Fiat - per presentare un nuovo modello devono prima trascorrere almeno 15/20 anni; 9) Fiat Multipla (1998). Monovolume medio risalente alle "Guerre Puniche", era - inizialmente - stato pensato come protagonista per un film di Stephen King (credo s'intitolasse, "L'auto degli orrori"), ma poi in Fiat pensarono bene di produrlo in serie. Salvo fare la gioia dei taxisti - e di qualche fan di Stephen King - non figura tra i più appetiti veicoli del segmento. La sostituzione è - forse - prevista, tra il 2030 e il 2040; 10) Fiat Ulysse (2002). Monovolume di "prestigio" pensato - originariamente - per motorizzare l'eroe omerico, è stato difatti "dimenticato" dalla dirigenza Fiat nel listino. Floppone CICLOPICO!!!; 11) Fiat Qubo (2008). Orrido furgoncino di cui, sinceramente, si sentiva proprio la mancanza. In Fiat - salvo 500 e Bravo - non presentano un nuovo modello decente dai tempi di Solimano il Magnifico e che ti vanno a propinare per "sbaragliare" la concorrenza? L'ennesimo furgoncino vetrato (e non)!!! Difatti, ne hanno già venduti una miriade...; 12) Fiat Doblò (2009). Inguardabile furgoncino un po' più grosso. Gli amici romani esclamerebbero "Aridaje!". Non bastavano già il Qubo, lo Scudo e il Ducato? Evidentemente no se, sempre escludendo 500 e Bravo, dal 2007 a Torino non presentano più uno straccio di vettura nuova (salvo liftare e stra-liftare i soliti, invendibili vecchiumi in listino). Per cui, di cosa stiamo parlando? "Alla faccia" di chi, Fiat stra-vende i suoi vecchissimi catorci? Prima di esprimere inesattezze, andiamo ad osservare attentamente gli ABORTI invendibili di Fiat e paragoniamoli alla numerosissima e STRA-MODERNA concorrenza, poi discutiamone con COGNIZIONE!!! Fiat - salvo due insulsi furgoncini - NON ha: UNA moderna citycar a tre-cinque porte; UNA decente utilitaria (salvo voler considerare il fallimentare esperimento della Punto Evo); UNA berlina media COMPLETA di varianti a tre porte, cabrio e s.w.; UNA vera e propria ammiraglia a tre volumi e s.w.; UN qualsiasi coupè, spyder o cabrio. Per cui, cortesemente, NON scriviamo ERESIE!!!
Ritratto di autolog
28 luglio 2010 - 19:33
Non avevo ancora letto questo quando ti ho risposto sopra. Dopo averlo letto (a fatica, data la lunghezza e il fatto che non è che faccia ridere molto, malgrado le intenzioni) stavolta mi astengo da ogni commento in merito, perché quello che scrivi si commenta da solo.... Aggiungo solo: evviva l'obiettività!
Ritratto di autolog
28 luglio 2010 - 19:33
Non avevo ancora letto questo quando ti ho risposto sopra. Dopo averlo letto (a fatica, data la lunghezza e il fatto che non è che faccia ridere molto, malgrado le intenzioni) stavolta mi astengo da ogni commento in merito, perché quello che scrivi si commenta da solo.... Aggiungo solo: evviva l'obiettività!
Ritratto di autolog
28 luglio 2010 - 19:33
Non avevo ancora letto questo quando ti ho risposto sopra. Dopo averlo letto (a fatica, data la lunghezza e il fatto che non è che faccia ridere molto, malgrado le intenzioni) stavolta mi astengo da ogni commento in merito, perché quello che scrivi si commenta da solo.... Aggiungo solo: evviva l'obiettività!
Ritratto di autolog
28 luglio 2010 - 19:33
Non avevo ancora letto questo quando ti ho risposto sopra. Dopo averlo letto (a fatica, data la lunghezza e il fatto che non è che faccia ridere molto, malgrado le intenzioni) stavolta mi astengo da ogni commento in merito, perché quello che scrivi si commenta da solo.... Aggiungo solo: evviva l'obiettività!
Ritratto di autolog
28 luglio 2010 - 19:33
Non avevo ancora letto questo quando ti ho risposto sopra. Dopo averlo letto (a fatica, data la lunghezza e il fatto che non è che faccia ridere molto, malgrado le intenzioni) stavolta mi astengo da ogni commento in merito, perché quello che scrivi si commenta da solo.... Aggiungo solo: evviva l'obiettività!
Ritratto di Limousine
28 luglio 2010 - 22:05
Era - presumo - sufficiente postarlo una sola volta. Comunque, mi hai strappato un sorriso sul mio modo di scrivere come un "notaio depresso". Ah, ah, ah! Che significa? Conosco diversi notai e, ti garantisco, che con quel che guadagnano son tutto, fuorchè depressi. Tornando in tema, il buon Marchionne che tu difendi - credimi, non ne ha alcun bisogno - è solo un abile maneggione che (a modo suo) fa solo "quadrare i conti", ma di prodotti (in questo caso, leggi automobili) non capisce un TUBO! Se così non fosse, non si spiegherebbe l'attuale (poco competitivo) listino di modelli. Al giorno d'oggi, caro Autolog, non puoi assolutamente pensare di competere a lungo la concorrenza con quei quattro vecchiumi (salvo, ovviamente, la 500 e la Bravo). Inoltre, escluse appunto queste DUE (e sottolineo DUE) vetture, Delta, MiTo e Giulietta non è che si posson considerare questi gran risultati commerciali. Non contiamo ancora la Giulietta, in quanto appena presentata, ma le altre due già hanno mostrato tutto il loro "potenziale". Per la cronaca, il mio lavoro mi porta spesso in giro per l'Italia e - per pura curiosità - dalle Alpi a Lampedusa, i concessionari ti SUPPLICANO in ginocchio di comprarti la MiTo o la Delta, arrivando a proporti offerte davvero incredibili. NESSUN'altra Casa ti prega altrettanto pur di venderti un particolare modello. Perchè? Perchè son due FLOPPONI incredibili, per cui o fanno così, o codesti BIDONI gli restano sullo stomaco. E pure così, non è che ne incontri tantissime di queste "meraviglie". Autolog, possiamo "osannarla" quanto vogliamo la Fiat, ma il Pubblico Pagante (ovvero, che caccia i soldini) non è tanto facile ammaliarlo con roba brutta e scadente, perchè c'è un'agguerritissima concorrenza che propone in continuazione nuovi e migliori modelli. Fiat Group, per presentarne uno (e pure scarso) impiega troppo tempo. Non solo. Fiat - sempre più spesso - è talmente ARROGANTE, da non considerare neppure lontanamente le continue richieste del Pubblico Pagante. NESSUNA Casa automobilistica che si rispetti è così sorda e insensibile alle richieste del pubblico, neppure la Rolls-Royce!!! Ergo, se continua così, l'abisso commerciale è dietro l'angolo.
Ritratto di autolog
28 luglio 2010 - 23:03
Mi spiace per i post ripetuti, un problema di browser... non riesco più a cancellarli purtroppo. Io cmq, al di là del fatto che mi sembra tu abbia una certa acredine preconcetta (perché così spesso in Italia esiste questo problema di scagliarsi a tutti i costi e con toni sopra le righe su quanto è italiano? boh), mi riferirei a dati ufficiali di vendita e non alle impressioni girando per le strade. Non ho veramente altro da dire, tanto escludo che qualsiasi post (anche pieno di dati) potrebbe farti cambiare idea, hai già stabilito tutto. Ti invito solo a leggerti il piano dei nuovi modelli Fiat & co, se ne è tanto parlato e non sarà difficile trovarlo on-line. Magari prima di dare certi giudizi su Marchionne sarebbe una lettura interessante... insomma, si può criticare tutto e tutti, ma dire che non capisca un tubo di auto dopo che il Presidente americano e il suo staff lo hanno accolto come una specie di salvatore della Chrysler mi sembra davvero eccessivo.
Pagine