NEWS

Nel 2013 l'erede della Fiat Sedici

03 febbraio 2012

La produzione della nuova crossover Fiat sarà affidata alla fabbrica di Mirafiori. Ci sarà anche un modello Jeep, costruito sulla stessa ossatura, che arriverà solo nella seconda metà del 2014.

UNA CONFERMA - Torniamo a parlare del piano industriale per lo stabilimento di Mirafiori. Nei giorni scorsi, lo aveva anticipato il quotidiano Corriere della Sera e oggi lo conferma anche il sito specializzato Automotive News: il gruppo Fiat avrebbe deciso di posticipare di un anno l'inizio della produzione della cosiddetta "baby Jeep" per anticipare l'erede della Fiat Sedici (nella foto sopra il modello attuale). Entrambe saranno costruite sulla stessa “ossatura”, denominata “B-suv”.

UN'EREDE DELLA SX4 - Stando alle indiscrezioni, la produzione della piccola Jeep inizierà nella seconda metà del 2014, mentre quella della Fiat sarà avviata a dicembre del 2013. Così facendo, il gruppo torinese proporrà in tempi brevi un'erede per la Sedici, la crossover oggi costruita insieme alla Suzuki in Ungheria (è una gemella della SX4) e prossima al pensionamento: è in commercio dal 2006 ed è stata ristilizzata nel 2009.

COSA CAMBIA PER MIRAFIORI - La Fiat ha già annunciato che il previsto investimento di un miliardo di euro per adeguare lo stabilimento di torinese per la produzione delle due vetture non verrà sbloccato prima della fine del 2013, un anno dopo quanto inizialmente previsto. A Mirafiori si continuerà a costruire l'Alfa Romeo MiTo e l'erede della Lancia Musa, che sarà costruita sulla nuova piattaforma denominata “Small Wide”, utilizzata anche per la nuova Fiat 500L che viene però costruita in Serbia.





Aggiungi un commento
Ritratto di Simone1996
3 febbraio 2012 - 17:56
Hai pienamente ragione, acquistare italiano gioverebbe al nostro paese, specie di questi tempi. Però, mi sembra sbagliato acquistare un'auto del gruppo Fiat rispetto ad una estera solo per questo motivo. Non rinuncerei mai ad una Golf, ad esempio, per comprare una Bravo solo perchè è italiana, a me porterebbe più vantaggi avere un'auto meglio costruita. Spero di essermi fatto capire. Se la Fiat riuscisse a fare auto di qualità elevata come Vw o Ford, ne comprerei una ad occhi chiusi. Non è che denigro i prodotti Fiat perchè nazionali, per carità, solo che preferisco una casa che fa prodotti migliori di un'altra, ora, è una casualità che quella che cura di meno la qualità costruttiva sia nazionale. Ora come ora potrei fare un pensierino al massimo su un'Alfa Giulietta o 159. Per quanto riguarda le riviste, non ho mai avuto modo di leggere Gente Motori...
Ritratto di pinuzu
3 febbraio 2012 - 20:12
avete proprio ragione e poi i commenti sono curiosi e fanno vedere su per giù il punto di vista degli italiani (nel nostro caso) e quindi come andrà un progetto o se un'auto venderà ecc ecc..... a meno che certa gente come quelli che hanno commentato per primi la notizia della neve del ghiaccio nel centro italia ( quella con la foto della bmw X6 sulla neve) non passi alle parole e alla critica esagerata che non ha senso, dire che un'auto è da donne poco oneste con mariti ricchi o cose del genere non ha, a parere mio, alcun senso..... si può dire che un'auto non ti piace, che ti sembra inutile e giustificati ma non è possibile dire che è un'auto da pu.......... a volte la gente perde il contegno e fa perdere al forum la sua funzionalità.... e tra l'altro questo di al volante è libero e di solito i commenti sono ok...... di solito.........
Ritratto di multiair
4 febbraio 2012 - 14:15
Leggere un onesto e costruttivo scambio di opinioni tra voi due! Così dovrebbe essere sempre! Simone evita di dire "fiattari", non è tanto gradevole come termine, oltre che non corretto in italiano... Meglio magari "profiat"! Sai così si favorisce uno scambio di opinioni educato come giustamente sostiene mustang... Ciao
Ritratto di Simone1996
4 febbraio 2012 - 14:22
Mi fa piacere che ti fa piacere leggere che ci scambiamo opinioni :) Comunque, non dirò più "Fiattari", PROMESSO dai. "Sostenitori Fiat" dovrebbe andar bene.
Ritratto di oper
6 febbraio 2012 - 17:40
senza voler polemizzare penso che non si salva l'economia e la politica italiana comprando prodotti di aziende italiane,ma lavorando seriamente senza avidità,cosa molto difficile che si verifichi in italia con gli individui che purtroppo la rappresentano sia in campo economico che politico.e comunque nn dimentichiamo ke pur essendo aziende italiane,producono fuori dai nostri confini e che le aziende straniere danno anch'esse lavoro e producono ricchezza in italia con servizi,concessionarie ed a volte centri di ricerca come per ford a torino,senza contare che ci sono aziende che forniscono materiali e ricambi anche ad aziende straniere,come magneti marelli o automotivelight (proprietà fiat)ke forniscono fanaleria a psa e altri
Ritratto di mustang54
3 febbraio 2012 - 12:31
2
la 16 europea verrà venduta anche col marchio Dodge...
Ritratto di Simone1996
3 febbraio 2012 - 12:41
Non credo, non in Italia. Non l'hanno fatto con la Freemont (Journey), la Thema (300) o la Voyager (Grand Voyager in America), difficilmente lo faranno con la 16. Però dovrebbero venderle anche coi marchi Americani queste auto "in comune", magari per chi la vuole più morbida di sospensioni e meno sportiva, più comoda insomma.
Ritratto di mustang54
3 febbraio 2012 - 12:52
2
per gli Stati Uniti, se la faranno su base Jeep, vuol dire che i gusti americani sono già presenti sulla vettura
Ritratto di Simone1996
3 febbraio 2012 - 12:54
Ah allora si, può darsi. Scusami non avevo capito.
Ritratto di yeu
3 febbraio 2012 - 23:23
Purtroppo secondo me no perche sarà troppo piccola per gli americani ma soprattutto perchè per produrla da noi e spedirla costerebbe molto di più in virtù del cambio sfavorevole.
Pagine