NEWS

Marchionne: “In Italia abbiamo uno stabilimento di troppo”

04 luglio 2012

L’amministratore delegato del Lingotto avverte: se il mercato europeo dell’auto non dovesse riprendersi, la Fiat potrebbe essere costretta a chiudere una delle sue fabbriche in Italia, a meno che non si riesca a esportare negli Stati Uniti. Rinviato il lancio della nuova Punto.

TAGLIO IN VISTA? - “In Italia abbiamo una fabbrica di troppo”. In occasione del lancio della Fiat 500L, l’amministratore delegato del Lingotto, Sergio Marchionne, ha colto la palla al balzo per ribadire quello che va dicendo  da tempo: “Se le attuali capacità d’assorbimento in Europa resteranno uguali nei prossimi 24-36 mesi, dovremo tagliare uno stabilimento italiano”. Insomma, il mercato dell’auto nel Vecchio Continente è saturo e non riesce ad assorbire gli attuali livelli di produzione, complice una crisi economica di cui non si vede la fine. “Se però riusciamo a indirizzare la capacità produttiva verso l’America, questo problema scompare: ma abbiamo bisogno di tranquillità per lavorare in Italia”. Il riferimento è alla recente sentenza con cui il tribunale di Roma ha obbligato la Fiat a riassumere 145 dipendenti iscritti alla Fiom: secondo il giudice di primo grado, il loro mancato riassorbimento nell’azienda sarebbe una discriminazione nei confronti degli iscritti al sindacato più critico verso le politiche aziendali della casa torinese. Marchionne minaccia: “Se dovremo assumere 145 lavoratori, altri 145 usciranno. Questo mercato non ne accoglie di più”. Il ricorso in appello del Lingotto contro la sentenza sarà depositato oggi (leggi qui per saperne di più).

RINVIATA LA NUOVA PUNTO? - “Confermeremo gli investimenti in Italia, ma sulla base dell’andamento del mercato, che non è mai stato così basso (leggi qui per saperne di più)”, ha poi spiegato il manager italo-canadese. “Lanciare adesso la nuova Punto sarebbe un grandissimo fallimento, non riusciremmo mai a ripagare l’investimento”. Gli altri progetti italiani sembrano invece confermati. A partire da quello che riguarda lo stabilimento di Mirafiori, cui è stata assegnata la produzione di una piccola suv a marchio Fiat e Jeep (leggi qui per saperne di più).

CONTINUA LA SCALATA ALLA CHRYSLER - Nel frattempo, è di ieri l’annuncio dell’acquisto di un altro 3,3% della controllata statunitense Chrysler. Un’operazione che porterà la quota del Lingotto nella casa statunitense al 61,8% (leggi qui per saperne di più). Allo stesso tempo, si continua a discutere di partnership con la giapponese Mazda: la collaborazione per lo sviluppo di una nuova spider targata Alfa Romeo potrebbe infatti estendersi alla condivisione di piattaforme per lo sviluppo di un’utilitaria (leggi qui per saperne di più).
 





Aggiungi un commento
Ritratto di Giuseppe Paolo
6 luglio 2012 - 00:45
di aver preso in permuta una C3 picasso 1.6 hdi exclusive del 2009 per una panda mj 4x4, permuta rivenduta in meno di 20gg a poco piu di 11 mila euro ed a sua volta presa in permuta una musa 1.3 mj 90 cv del 2006, venduta dopo tre giorni, i contenuti eran diversi, sn rimasto scioccato dalla citroen, davvero sn un altro pianeta, vettura stupenda, ma amo una semplice musa, anche pagata 7000 euro, ma davvero parsismoniosa, comoda, senza fronzoli.... Abbaim stili diversi, le francesine sn ok, anche se renault nn mi garba... Ma la semplicitá di una musa, buona ma usata, nn la cambierei cn nessuna...
Ritratto di fogliato giancarlo
6 luglio 2012 - 00:02
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di Giuseppe Paolo
6 luglio 2012 - 00:21
Premesso che io sn un piccolo commerciante di auto del sud, estrmo sud, dove la disoccupazione ha ormai toccato livelli ke ben conosci, noti i dati ufficiali... Molti settori han mandato a casa migliaia di persone e nessuno viene ad acquistare persino vetture da due, tre mila euro... Premesso che non son un operaio ne un impiegato, ma un onesto ed umile commerciante che, nel suo piccolo, cerca di coprire le spese del mese prima di vedersi qualke centinaio di euro in tasca e nn ti nascondo che sn mesi che tale fortuna nn mi é concessa... Ho rinunciato alla mia vettura, una banalissima station, per girare con la mia targa prova ed una delle numerose permute che ho in giacenza, risparmiando cosi sulla vettura di proprietá e relativi oneri. Se io volessi comprare una vettura di segmento medio, di certo al prezzo di una a3 comprerei nr 2 bravo a 12900 euro, sicuramente diverse, ma anche ahime nel prezzo!! vuoi sapere cosa rimprovero alla fiat?? Di aver mandato fuori produziome 600 e punto classic, sicuramente da tenere sul mercato al prezzo indicativo di 5000 euro ed avrebbero tagliato tutto il resto!! Io nn contesto le francesi, forse le uniche sempre coerenti, ma odio le tedesche, giapponesi ed ora asiatiche, han solo creato casino e reso il mercato una schifezza... E tutti a vantarsele, come se fossero auto perfette, concepite da persone perfette e possedute da persone perfette... Sn sol macchinette vestite cn l'abito da festa, ancora meno avvicinabili da persone come noi!! Per la nuova 500, mi spiace, ma nn puoi dire che sia forse la unica vettura concepita per restare, e poi, sai, penso che a 10950, nn sia tanto piu brutta ne piu cara di una up... Poi le dacia e similari, nn ho nulla contro di loro, ma nn mi piace confromtarli ad un prodotto come il ns, costeranno poco, mq valgono commercialmente anche meno... E per chi non ci muore sulle propire auto, la rivendibilitá conta tanto... Permuto tante punto elx, come anche matiz a 2000 euro se nn piu, ma non prenderei mai in permuta una logan o sandero.... Spero tu possa aver compreso il mio punto di vista!! Saluti miei stavolta!!
Ritratto di fogliato giancarlo
6 luglio 2012 - 00:57
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di Giuseppe Paolo
6 luglio 2012 - 01:05
l'ultimo colpo di reni per far uscire di scena la bravo, che reputo forse il miglior progetto degli ultimi 20 anni, in paragone alla tipo degli anni 90... Ma che vuoi fare, la fiat costruisce miti per poi demolirli, tutte le vetture piu belle han avuto poca vita e rimaste nell'immaginario collettivo come dei miti... Ma sai, reputo che la manovra di Marchionne sia lungimirante, penso che si stia muovendo per daciatizzare la fiat... Daltronde, se restasse fermo e nn limasse come stan facendo su bravo, i prezzi delle versioni entry level, sarebbe davvero la fine e nn lo reputo stupido... Anzi, ho tanta fiducia, dopo quel pazzo al suo posto qualche decennio prima di lui... Credo che le collaborazioni con i marchi americani possano portare quella robustezza da sempre punto debole, sperando che cinsi riduca solo a cambi automatici e cilindrate inaccessibili, daltronde, non tanto la thema, quanto il voyager, lo reputo un gran progetto di stile, sn onorato di aver nei miei listini una vettura come quella, da sempre anello mancante e nn ben rappresentata da ulysse e gemellina phedra... Come anche la Flavia, la ammiravo nel suo stile, nn sara una serie 3 o una a3, ma ha un fascino tipico del suo marchio...
Ritratto di Gino2010
6 luglio 2012 - 12:27
sposterà tutta la produzione italiana negli altri paesi.E' una decisione che ha preso appena si è insediato.Non dimentichiamoci che una volta la FIAT era controllata dagli Agnelli mentre ora gli Elkann hanno radici più in USA che in italia ed infatti il principale paese dove si indirizza il trasloco saranno gli USA.Marchionne sa che non lo può fare subito,come vorrebbe,perchè in italia scoppierebbe la guerra civile ed allora ha deciso di farlo un po' per volta,partendo da termini imerese perchè ha una situazione infrastrutturale disastrosa ed approfittando anche del fatto che l'allora governo di Berlusconi aveva la testa altrove.Poi è passato ad irisbus che nell'immaginario collettivo pesa meno di fiat.Ora sta approfittando della crisi per giustificare un'altra chiusura.Poi vedrete che ci sarà ancora un'altra chiusura provocata dall'aumento dell'IVA.E la decisione del giudice inerente il reintegro dei 145 operai iscritti alla FIOM in realtà fa comodo a Marchionne.E' un'altra scusa.Se non ci fosse quella ne troverebbe altre.Tanto fiom o non fiom lui li stabilimenti li chiude.TUTTI.NON LO CAPITE ANCORA????MARCHIONNE LI CHIUDE TUTTI!!!!!!!LA FIAT NON CI SARA' PIU'!!!!!ALTRO CHE SPREAD!!!!!!!!UNO ALLA VOLTA.CON UNA SCUSA O CON UN'ALTRA!!!!Ecco perchè è riuscito nella mirabile impresa della scalata a Chrysler.Ecco perchè ha avuto i soldi da Obama.Perchè in cambio ha promesso di portare la FIAT in america.Grande manager?In tempo di guerra si sarebbe parlato di alto tradimento.
Ritratto di Pepperadu96
8 luglio 2012 - 16:52
In Italia c'è un Morchionne di troppo!!!!
Ritratto di Pepperadu96
8 luglio 2012 - 16:52
In Italia c'è un Morchionne di troppo!!!!
Ritratto di Pepperadu96
8 luglio 2012 - 16:56
In Italia abbiamo un Marchionne di troppo!!!
Ritratto di SaverioS
16 luglio 2012 - 10:42
FIATTARI DELLA M........A !!! Il "countdown" e ormai iniziato da tempo il prossimo stabilimento a chiudere sarà quello di Pomigliano.... CONTINUATE A COMPERARE FIAT !!! IL VERO PRODOTTO ITALIANO, COSTRUITO SOLAMENTE E RIGOROSAMENTE ALL'ESTERO!! FATELO ANDARE ALL'ESTERO E BUTTATEGLI LE CHIAVI DI CASA!!!! IL GOVERNO ( ANCHE SE ORMAI E TARDI ) DOVREBBE FINALMENTE FAR ENTRARE IN ITALIA ALTRI COSTRUTTORI DI AUTO, DOVREBBE DARE IN GESTIONE TUTTI GLI STABILIMENTI FIAT "DISMESSI" ( TANTO SONO DI TUTTI NOI ITALIANI !! ) PER DARE LAVORO AGLI OPERAI E RILANCIARE IL MERCATO IN ITALIA SEMPLICEMENTE ABBASSANDO IL COSTO DEL LAVORO ( A TUTTI !! ) IL COSTO DEI CARBURANTI, ED ELIMINARE TUTTE LE TASSE E TASSINE CHE GRAVANO SULL'AUTO COME UN MACIGNO NELLA GESTIONE SPESE FAMILIARE..... POI DOPO VEDRETE COME RIPARTIAMO, ALTRO CHE LO SLOGAN DI..... NON MI RICORDO COME C@..O SI CHIAMA!!!
Pagine