NEWS

La Fisker farà una suv elettrica “economica”

18 marzo 2019

L'americana Fisker ha diffuso un disegno della nuova suv elettrica che dovrebbe costare 40.000 dollari. L’uscita è prevista nel 2021.

La Fisker farà una suv elettrica “economica”

SFIDA LA TESLA - La casa automobilistica Fisker, fondata dall’imprenditore danese Henrik Fisker, ha diffuso un disegno che anticipa la nuova suv elettrica che andrà a sfidare la Tesla Model Y. Osservando il teaser si può notare un look molto deciso e accattivante con una grande “bocca” all’anteriore e dei sottili fari a led. L’azienda fa sapere che saranno disponibili come optional i cerchi da 22 pollici.

MADE IN THE USA - Tecnicamente, anche se le informazioni sono limitate, sappiamo che la vettura avrà una batteria da 80 kWh al litio, che dovrebbe garantire un’autonomia di 482 km. Saranno due le versioni disponibili; standard, con un unico motore elettrico, e con trazione integrale opzionale, che aggiunge un motore sull'asse anteriore. La produzione di questa nuova suv della Fisker avverrà in America, anche se la società non dispone ancora di uno stabilimento di proprietà. Atteso nel 2019 il primo prototipo guidabile. La Fisker non aprirà concessionari ma venderà le sue auto direttamente ai consumatori.

POI C'È LA EMOTION - La Fisker conferma che suv elettrica disporrà di interni di qualità e di un sistema multimediale controllabile attraverso un grande display. Il nuovo modello dovrebbe essere disponibile nella seconda metà del 2021 ad un prezzo di 40.000 dollari, e sarà il primo dei tre modelli di auto a batteria con un prezzo accessibile. Ben al di sotto della berlina presentata al CES 2018, la Fisker EMotion, che costa 129.000 dollari ma che non è ancora entrata in produzione a causa di alcuni ritardi che riguardano la tecnologia delle batterie allo stato solido.





Aggiungi un commento
Ritratto di emergency
19 marzo 2019 - 14:38
Le batterie al grafene non sono ancora proprio a buon mercato. Alcuni telefonini hanno già batterie al grafene praticamente inesauribili, per le auto ci vorrà ancora qualche anno. Si parla e dico si parla di un autonomia di oltre 1000km con un pieno e con una ricarica " lenta" per avere un pieno in meno di 2 ore
Ritratto di DavideK
19 marzo 2019 - 19:11
"Spropositata": 2 litri. :) Sono falliti perchè seguire il delirio elettrico porta a fare auto senza senso, che non compra nessuno, salvo che lo stato ladro vi obblighi a comprarle.
Ritratto di zero
18 marzo 2019 - 23:40
Di una cosa bisogna dare atto alla improvvisa elettromania degli ultimi mesi, e cioè che è democratica: anche io, domani mattina, posso svegliarmi e annunciare il teader della mia bella nuova automobilina che produrrò entro il 2021 ma a limite anche entro il 2120 oppure anche il 2210 o, chissà, il 2201. Io, esattamente come un qualunque costruttore storico che può annunciare che da qui a dieci anni lancerà 70 o 90 o 190 nuovi modelli elettrici. Democrazia. Del resto, con l'avvento dell'elettrico la personalità e l'identità delle macchine avrà lo stesso grado di diversificazione che caratterizza il mercato della lavastoviglie: tutto si riduce ai pollici dei monitor del glass-cockpit e al livello di connessione col nostro "smarzfon". Il futuro è roseo: una piattaforma per 1000 costruttori per 10000 modelli, tutti diversi e tutti identici e tutti assemblati in fabbriche grandi non più di un Auchan... "perché tanto non ci sono parti in movimento nel motore" e tutto è semplicissimo e non si guasta mai. Che bella pentola d'oro ci aspetta là dove finisce l'arcobaleno...
Ritratto di zero
18 marzo 2019 - 23:43
* teaser
Ritratto di DavideK
19 marzo 2019 - 01:47
Haha grande!
Ritratto di Challenger RT
19 marzo 2019 - 02:37
Personalità ed identità delle auto anche oggi hanno "lo stesso grado di diversificazione che caratterizza il mercato della lavastoviglie", soprattutto motoristicamente parlando. Dopo 20 anni di dieselizzazione di massa, per distinguersi oggi sono rimasti solo i V8 benzina, accessibili se lo Stato italiano non li ipertassasse. Parlo ovviamente di quelli americani che non costano tanto da nuovi e ancor meno da usati.
Ritratto di zero
19 marzo 2019 - 07:29
Non dono d'accordo: non vedo similitudine alcuna tra un motore italiano e uno francese, tra un tedesco e un giapponese, ecc. Che avrebbero in comune il Multiair di una Giulia con lo SkyActiv-X di una Mazda? Per quanto possa esservi standardizzazione, le macchine (chiamamole) tradizionali hanno in sé molti più spunti di diversificazione di macchine spinte da un motore elettrico. Basti vedere che quando si parla di elettriche, tutto si riduce all'autonomia... Non esiste più nient'altro che l'autonomia.
Ritratto di emergency
19 marzo 2019 - 10:47
Condivido il tuo pensiero non mi stupirei se un giorno potrai costruirti la tua automobilina( tipo Lego ) in una comoda scatola di montaggio
Ritratto di DavideK
19 marzo 2019 - 19:08
Questo sarebbe divertente!
Ritratto di Rikolas
19 marzo 2019 - 08:53
Economico a 40.000 dollari, che tra tasse e importazione qui in Europa lieviterà di altri 10/15000€ minimo, sono impazziti? Se i "ricchi" credono che 50000€ siano pochi è un loro problema, se ne accorgeranno quando nessuno comprerà più un automobile e le aziende falliranno una dietro l'altra. Elettrico è sempre più ridicolo e distante dalla gente, chi crede ancora in questa trovata o è un ingenuo o è uno stupido.
Pagine