NEWS

Ford Focus ST, ora anche diesel

27 giugno 2014

Oltre alle modifiche estetiche condivise con le sorelle più tranquille, sulla Focus ST debutta il diesel da 185 CV.

Ford Focus ST, ora anche diesel
IN VENDITA IN AUTUNNO - Si rinnova anche la Ford Focus ST, variante “cattiva” della berlina di casa Ford (quella “cattivissima” è la RS, ed è ancora in fase di gestazione): riceve le stesse modifiche estetiche delle altre Focus, concentrate nella mascherina e nei fari; le stesse migliorie interne e - novità dell'ultima ora - per la prima volta un motore a gasolio. Molteplici le livree disponibili, con gli inediti grigio Stealth e blu Deep Impact che si aggiungono ai Tangerine Scream, Frozen White, Panther Black e Race Red. I cerchi in lega di 18” hanno disegno specifico, mentre in abitacolo è previsto di serie l’impianto multimediale Ford Sync 2, che verte su un display di tipo touchscreen da 8” di diagonale: gestisce la navigazione, il telefono cellulare, il sistema audio e la climatizzazione. Con carrozzeria berlina o station wagon, la Focus ST sarà venduta a partire da questo autunno.
 
 
DIESEL INEDITO - A fianco del 2.0 turbo a benzina capace di 250 CV e di 360 Nm di coppia debutta una versione potenziata del 2.0 TDCi: la potenza è di 185 CV a 3.500 giri, la coppia di 400 Nm tra 2.000 e 2.750 giri. Secondo la casa Ford Focus ST a gasolio raggiunge i 217 km/h di velocità massima dichiarata, accelera da 0 a 100 km/h in 8”1 e riprende in sesta marcia da 80 a 120 km/h in 9”7, un dato che dovrebbe confermare un favorevole andamento della curva di coppia più di quanto il picco massimo lasci presagire. Entrambe le ST verranno presentate al Festival of Speed di Goodwood.
 
 
PIÙ POTENTE IL BENZINA - Il 2.0 EcoBoost è, ovviamente, più prestante rispetto al diesel: la velocità massima dichiarata è di 247 km/h, l'accelerazione da 0 a 100 km/h pari a 6”5 - un dato da non sottovalutare, considerando i problemi di motricità tipici delle trazioni anteriori più potenti. Dove il diesel si prende una sonora rivincita è sul fronte-consumi: vengono dichiarati 22,7 km/litro di percorrenza media a fronte di 14,7. Entrambe le Ford Focus ST hanno di serie un cambio manuale a 6 rapporti e sistema Stop&Start. Dal punto di vista tecnico, sulle ST cambiano l'assetto (con molle anteriori e ammortizzatori più rigidi), la taratura del servosterzo elettrico e del torque vectoring.  Viene introdotto il sistema chiamato Electronic Transitional Stability, che aiuta a mantenere la traiettoria ottimale durante i cambia di traiettoria a velocità sostenuta.
Ford Focus
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
129
177
125
65
58
VOTO MEDIO
3,5
3.458485
554




Aggiungi un commento
Ritratto di zero
29 giugno 2014 - 17:44
Quanto è vero! Curiosità: qual è l'aspirato di cui parli?
Ritratto di Subaru_Impreza
29 giugno 2014 - 18:00
ahah dirlo oggi mi fa quasi ridere ... era un 1242cc 16V 82 cv di una Bravo del '99. Ogni tanto la rimpiango, oggi non è facile permettersi di mantenere un grosso motore a benzina e le "sportivette" sono praticamente tutte turbo... e i pochi aspirati che ci sono fanno cagare (leggi GT86). Non è più l'epoca degli aspirati, perchè fare un 3 litri aspirato se raggiungo la stessa potenza turbizzando un 2 litri? Questa è la filosofia di oggi.
Ritratto di zero
29 giugno 2014 - 18:53
Purtroppo è vero: ormai la sovralimentazione è diventata lo standard. Ciò semplifica molto le cose e sicuramente ha alcuni pregi, ma abbiamo perso tante altre cose. Davvero, il coinvolgimento di un aspirato fatto bene è irripetibile. Comunque, quel Fire 1.2 16v non era affatto malvagio: io lo ricordo con piacere. Con molto meno piacere ricordo invece il 1.4 12v 80cv che ho avuto su una Brava del 1998: motore pessimo (non a caso, ha avuto una vita breve in listino ed è stato sostituito proprio dal 1.2 16v di potenza quasi identica). Intendiamoci, quella Brava l'ho data via con 270.000 km senza noie, ma erogazione e rendimento del 12v erano drammatici. Però, per essere onesti, c'è da dire che, all'epoca, la Golf montava pure lei un 1.4 75cv che... insomma... lasciamo stare.
Ritratto di PariTheBest93
30 giugno 2014 - 10:43
3
Subaru la bravo di cui parli (hai pure scritto la prova), dovrebbe avere lo stesso motore della mia punto, a me non è mai parso granché in allungo specie sopra i 5mila giri, quelle poche volte che mi sentivo "smaliziato", mentre in basso c'è quella pigrizia che caratterizzava i vecchi aspirati. In futuro gli aspirati rimarranno un esclusiva delle supersportive vedrai, probabilmente abinato ad un sistema ibrido.
Ritratto di Subaru_Impreza
30 giugno 2014 - 14:37
Non credo sia lo stesso, tu hai quello da 69 cv mi sa o giù di lì... comunque non ho detto che ha un buon allungo, ma almeno ha abbastanza giri. Non credo sia lo stesso perchè ricordo che aveva la coppia tra 4500 e 5500, tirava benino fino a 6500. Ho provato qualche volta la Punto classic di un mio amico, mi sa che tu hai quello di motori e anche se la base è quella è molto più lento.
Ritratto di PariTheBest93
30 giugno 2014 - 15:21
3
No la mia punto ha 80cv, si tratta della seconda serie: il motore 1.2 c'era sia da 60cv che da 80cv, noi abbiamo quest'ultima.
Ritratto di Kughista97
30 giugno 2014 - 14:41
Ho risposto in quel modo perche mi sono sentito offeso, non lo nego, Subaru scrive commenti ricchi di tecnica e quant'altro, forse ho anche sbagliato...però li per lì ci sono rimasto male ecco... Chiedo anche scusa a lui per il comportamento di superioritá che proprio non mi compete.
Ritratto di NELLO NERO
28 giugno 2014 - 01:27
1
A prima vista non mi dispiace. Vorrei capire quanto costa. Rimane comunque un utilitaria potenziata. Non vedo la diatriba tra diesel e benzina perché sono due modi diversi di intendere la motorizzazione. Chi viaggia tanto apprezza di più il diesel Chi vuole smanettare e fa pochi km. Ovviamente preferisce il benza. Ricordo agli amanti dei motori benzina che rispetto il diesel durano metà km. Ripeto auto che mi incuriosisce.
Ritratto di Challenger RT
29 giugno 2014 - 00:53
Una volta i diesel duravano più dei benzina..., ma oggi, tirati come sono e con tutte queste turbine, si spaccano anche prima ed hanno comunque bisogno di maggiore e più costosa manutenzione.
Ritratto di PariTheBest93
29 giugno 2014 - 09:24
3
Un conto è il motore un altro la/e turbine, anche perché il 90% dei motori a benzina ha almeno una turbina proprio come i diesel, rivoluzione per abbattere consumi ed emissioni...
Pagine