NEWS

La Ford Mustang Mach-E GT arriva in Italia

Pubblicato 27 settembre 2021

La versione sportiva della Mach-E due motori elettrici per complessivi 487 CV, con uno scatto da 0 a 100 in 3,7 s. In consegna a fine 2021 a 74.500 euro.

La Ford Mustang Mach-E GT arriva in Italia

SCATTO BRUCIANTE - La Ford Mustang Mach-E GT è la versione più sportiva della crossover elettrica elettrica. Si va ad affiancare alle varianti già presenti a listino, e può contare su due motori (uno all’anteriore e uno al posteriore) alimentati da una batteria da 88 kWh. La potenza complessiva è di 487 CV con 860 Nm di coppia; lo scatto da 0 a 100 è di 3,7 secondi. La maggiore potenza è accompagnata da una particolare cura alla ciclistica, che può contare su sospensioni adattive MagneRide e un impianto frenante maggiorato della Brembo. Esteticamente la si riconosce per cerchi in lega di 20 pollici e per le tinte della carrozzeria in Cyber Orange o Grabber Blue.

RICARICA VELOCE - L’autonomia dichiarata per la Ford Mustang Mach-E GT è di 500 km, ed è possibile “fare il pieno” utilizzando colonnine veloci fino a una potenza massima di 150 kW, che consente di ripristinare 97 km di percorrenza con 10 minuti di ricarica (per passare dal 10 all’80% sono necessari 45 minuti).

CONSEGNE A FINE 2021 - I tocchi sportivi sono visibili anche all’interno dove sono presenti i sedili Ford Performance. Spicca il display da 15,5 pollici da dove è possibile controllare il sistema multimediale Sync 4. La Mach-E GT dispone anche del sistema audio premium B&O con 10 altoparlanti, del meccanismo di azionamento del portellone tramite movimento del piede e del tetto panoramico (optional). La Ford Mustang Mach-E GT è ordinabile a un prezzo di 74.500 euro. Le consegne partiranno entro la fine del 2021.

Ford Mustang Mach-E
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
185
81
34
23
46
VOTO MEDIO
3,9
3.91057
369




Aggiungi un commento
Ritratto di Pintun
27 settembre 2021 - 21:14
Realyfly, confermo: dentro è fatta bene, ma è fatta per me in modo assurdo gon un cruscotto che non si può chiamare cruscotto e un tv dalle dimensioni esagerate. Anche a metterlo orizzontale, sarebbe sempre troppo grande: 8 pollici è già quasi troppo. Avesse gli interni della Kuga sarebbe tra le elettriche pure una delle più belle che ho visto, così non la comprerei mai neanche gossi interessato al tipo di auto
Ritratto di Andre_a
28 settembre 2021 - 07:32
9
Io invece, non sono per le vie di mezzo: mi piacciono gli interni classici e analogici, mi piacciono gli schemi grossi, ma gli schermi piccoli no. Se devo vedere informazioni importanti, preferisco vederle bene, uno schermo grande distrae meno di uno piccolo.
Ritratto di Check_mate
27 settembre 2021 - 16:09
Il nome non ci azzecca nulla ahahah ma tant'è!!
Ritratto di Check_mate
27 settembre 2021 - 16:09
Nel senso, avrei lasciato Mach-e che è abbastanza carino, ma Mustang...
Ritratto di Turbostar48
27 settembre 2021 - 17:41
Giusto Check_mate.
Ritratto di nafto
28 settembre 2021 - 08:11
Avranno pensato che somigliava troppo al nome di un rasoio. Già normalmente le sfottono che sarebbero come elettrodomestici
Ritratto di Miti
27 settembre 2021 - 22:57
1
@Check_mate# d'accordo con te ...sembra un'insalata rusa di pezzi.
Ritratto di Check_mate
28 settembre 2021 - 13:08
E' vero!!! Il frontale non è in sintonia col posteriore. Poi si alternano linee taglienti con andamenti quasi avvolgenti. Mi disorienta. Soprattutto il posteriore con quel richiamo nei fanali. Questa tendenza di innovare con un occhio al classico a volte non la capisco, meglio una ioniq5 in questo caso...
Ritratto di Miti
28 settembre 2021 - 17:53
1
Concordo Check_Mate. Una Mustang vuol dire V8. Vuol dire una linea sinuosa ma anche brutale. Vuol dire design e tradizioni. E vuol dire stile di guida. Quello che vedo io è solamente un'auto elettrica. Può avere un suo ragione, per carità. Ma col Mustang o Camaro & Company io mi fermo al V8. Sovralimentato o no.
Ritratto di Voltaren
27 settembre 2021 - 16:40
Associare un motore elettrico a un “marchio nel marchio” come Mustang può far storcere il naso ai puristi, la denominazione potrebbe sembrare abusata, ma di Mustang ce ne sono state tante: dalle fastback alle decappottabili, anche con un misero L4 e mediocri V6. Adesso è il turno di un SUV sportiveggiante e Ford ha fatto la sua scelta: non rinunciare alla Mustang anche in un mondo in cui i V8 sono destinati a sparire.
Pagine