NEWS

Ford: tutti i modelli con sole cinque piattaforme

13 agosto 2018

Dalle nove di oggi si passerà a cinque, il tutto per ridurre i costi e accorciare i tempi di sviluppo.

Ford: tutti i modelli con sole cinque piattaforme

MENO SPESE - Avrà un impatto significativo sui conti la nuova strategia messa a punto dalla Ford, che pensa di ottenere enormi risparmi “tagliando” il numero di piattaforme a disposizione per auto, furgoni e pick-up venduti in tutto il mondo: dalle nove attuali è previsto infatti che ne rimangano solo cinque. Lo ha rivelato il responsabile della Ford per lo sviluppo e gli acquisti, Hau Thai-Tang, che ha tracciato i confini della nuova strategia e rivelato che la casa americana conta di risparmiare fino a 7 miliardi di dollari in studi di ingegneria e sviluppo, oltre ad accorciare del 20% i tempi necessari per la progettazione completa di un nuovo modello e a ridurre fra il 20% e il 40% i costi della parte ingegneristica.

PIATTAFORME ADATTABILI - I risparmi che si aspetta la Ford scaturiscono dal fatto che le nuove basi costruttive saranno altamente modulari, quindi adattabili con poche modifiche per vetture di lunghezza e categoria diverse. Tutti i grandi costruttori adottano ormai da anni questa strategia e la Ford la vuole rendere ancora più efficace. Stando alle indiscrezioni le cinque piattaforme saranno a trazione anteriore/integrale con carrozzeria autoportante, a trazione posteriore/integrale con carrozzeria autoportante, a trazione posteriore/integrale con telaio separato dalla carrozzeria, con carrozzeria autoportante per i furgoni e una piattaforma specifica per i modelli elettrici. La Ford ritene che queste cinque basi meccaniche possano bastare per tutti i modelli venduti nel mondo, dalle berline piccole e compatte in Europa alle suv, fuoristrada e pick-up tanto apprezzati negli Stati Uniti, che avranno un ruolo sempre più importante nella gamma della casa americana, soprattutto negli Usa, dove progressivamente saranno abbandonate le berline tradizionali in favore di suv e crossover (qui per saperne di più).

ONE FORD - La strategia di riduzione delle piattaforme in casa Ford iniziò con l’arrivo di Alan Mullally alla guida della casa di Dearborn, che nel 2006 era sull’orlo della bancarotta. Con la strategia denominata “One Ford”, Mullally avviò una profonda ristrutturazione del colosso americano evitandogli il fallimento (come invece accadde a GM e Chrysler nel 2008-9). Oltre a liberarsi di altri marchi automobilistici improduttivi, la strategia era basata appunto su una drastica riduzione delle basi meccaniche per minimizzare i costi di sviluppo.

Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
13 agosto 2018 - 17:38
Ciao Bob, le berline Lincoln verranno dismesse assieme alle berline Ford e leggendo qua e là molti lamentavano il fatto che rispetto la concorrenza, anche semplicemente coreana, mancano di Rwd e V8, anche se costano molto meno (la Continental ad esempio è oltre i 5m e costa quanto una mid-size). Imho potrebbero sfruttarne meglio quella della Mustang e fare prodotti di livello superiore (anche se più costosi) dal pdv meccanico (anche se le ibride da 400CV 4WD le ritengo cmq notevoli. Nulla da dire invece su qualità e design) anziché dimetterle. Il futuro Explorer passerà (con gioia per i fans) invece alla trazione posteriore, Expedition, Navigator, F-Series e Bronco hanno un pianale ancora diverso con telaio indipendente dalla carrozzeria.
Ritratto di 82BOB
13 agosto 2018 - 18:05
Pensi riproporranno anche modelli iconici come la GT sfruttando queste tecnologie o, come penso io, dopo questa non ci sarà una nuova serie?
Ritratto di Fr4ncesco
13 agosto 2018 - 18:51
Potrebbero come no, nel senso che si tratta di un modello extra serie costruito al di fuori delle normali logiche industriali, infatti viene in parte prodotta in Canada da un'azienda esterna specializzata col carbonio ed è stata sviluppata da un team nato per l'occorrenza. In questa serie è servita come laboratorio e come fiore all'occhiello della casa in concomitanza con i fasti della GT40. Secondo me tra una decina di anni potrebbe essere benissimo riproposta.
Ritratto di Giuliopedrali
13 agosto 2018 - 18:08
In realtà le Lincoln come le Cadillac e le Buick hanno trovato una nuova vita in Cina, quindi probabilmente dovranno costruire ancora berline Lincoln almeno per quello.
Ritratto di Fr4ncesco
13 agosto 2018 - 18:54
Speriamo, tra l'altro avevano previsto per la Continental le porte ad armadio come la serie conosciuta per i tragici eventi di Dallas, ma è tutta un'incognita.
Ritratto di MirtilloHSD
13 agosto 2018 - 19:14
4
Spero che la Ford lasci, almeno in Europa, una gamma che non comprenda solo veicoli a ruote alte. Spero che la Mondeo non muoia.... Mirtillo
Ritratto di MAXTONE
13 agosto 2018 - 20:54
No non penso proprio che la Mondeo morirà perché sarà sviluppata a Colonia e sarà molto piu tedesca dell'attuale che era stata pensata in un ottica globale ma pur forse risultando meno esotica nella prossima generazione, la Mondeo continuerà ad esistere come è stato per Insignia (venduta negli USA come Buick Regal anche nell'attuale generazione). Molto piacevole in quest'ottica, il ritorno della Camry in Europa, probabilmente come nuova Avensis.
Ritratto di MirtilloHSD
13 agosto 2018 - 22:54
4
Ciao MAXTONE. Pensavo che la Mondeo avesse già il destino segnato. Invece, per mia grande gioia, continuerà ad esistere, sfidando la bellissima Camry (ci sarà a Parigi, e i prezzi?).. Mirtillo
Ritratto di Giuliopedrali
13 agosto 2018 - 23:33
Certo che amare la Mondeo, capisco la Tipo in confronto...
Ritratto di MirtilloHSD
14 agosto 2018 - 16:23
4
Ciao Giulio, a me la seconda e quarta serie della Mondeo piacciono molto. Sono questioni di gusti, però. Mirtillo
Pagine