Great Wall Voleex: vuole dimenticare le origini cinesi

Ha un aspetto molto personale e promette finiture superiori a quelle delle altre cinesi. Arriverà nella tarda primavera con due motori a benzina, 1.3 da 92 CV e 1.5 da 103 CV, con alimentazione anche a “gas”. Prezzi da meno di 10.000 euro.

TANTE RIVALI - Cinese nel prezzo ma non nella qualità. Questo vuole essere la Voleex, la nuova utilitaria della Great Wall che sarà in vendita anche in Italia dalla tarda primavera 2011. Lunga 381 cm e larga 170, la Voleex segnerà il debutto del costruttore cinese nella difficile categoria delle utilitirie, dove la Fiat Grande Punto, la Ford Fiesta e la Volkswagen Polo la fanno da padrone.

PUNTA SULL'IMMAGINE - Per convincere i possibili acquirenti la Voleex punterà su un prezzo competitivo, tre i 9.000 e 10.000 euro, e finiture che, assicurano alla Great Wall, saranno superiori a quelle che ci hanno abituato i costruttori cinesi. Di una cosa siamo certi: la Voleex non passerà inosservata. Se nella fiancata e nella coda ricorda la Toyota Yaris, il frontale è quantomeno originale con la grossa mascherina con listelli cromati a forma di “V”.

DOTAZIONE COMPLETA - La Voleex ha una dotazione di sicurezza completa: di serie l'Esp e gli airbag frontali, laterali e per la testa e non mancano il servosterzo elettrico e il climatizzatore. L'abitacolo, secondo la casa, si annuncia sfruttabile: omologato per 5 passeggeri ha i sedili posteriori ribaltabili separatamente che possono scorrere in avanti di 16 centimetri, ampliando il volume del bagagliaio fino a 1.100 litri.
 

 
MOTORI ANCHE A “GAS”
- La Great Wall Voleex sarà in vendita con due motori a benzina, realizzati direttamente dal costruttore cinese nell'impianto di Baoging, alle porte di Pechino. In grado di rispettare la normativa Euro 5, come imposto a tutti i nuovi modelli, sono un 1.3 da 92 CV e un 1.5 da 104 CV abbinati a un cambio manuale a cinque marce o automatico a variazione continua di rapporto (optional). In Italia saranno disponibili anche nelle versioni Ecodual a doppia alimentazione benzina/Gpl.

 



Leggi l'articolo su alVolante.it