NEWS

Gruppo Volkswagen: 830 milioni per la class action tedesca

Pubblicato 28 febbraio 2020

Trovato l’accordo con un’associazione di consumatori che aveva fatto causa per ottenere risarcimenti nell'ambito dello scandalo del Dieselgate.

Gruppo Volkswagen: 830 milioni per la class action tedesca

CONDANNATA - Il Gruppo Volkswagen e la Vzbv, un importante associazione tedesca dei consumatori, che nell’ottobre del 2019 aveva avviato un’azione collettiva nei confronti del gruppo automobilistico (rappresentando 260.000 clienti del Gruppo Volkswagen in Germania), chiedendo un risarcimento per compensare la perdita di valore delle loro auto causata dal Dieselgate, hanno raggiunto un accordo che prevede il versamento all’associazione di una somma pari a 830 milioni di euro.

INDENNIZZI VARIABILI - Questa somma sarà divisa tra i circa 260.000 membri che hanno aderito alla class action; l’ammontare dell’importo esatto, che verrà corrisposto una tantum a partire dal mese di marzo a ogni cliente residente in Germania e ancora in possesso di un veicolo acquistato prima dell'1 gennaio 2016, dipende dal modello e dall’età, e oscilla tra i 1.350 e i 6.257 euro, fino a un massimo pari al 15% del prezzo d'acquisto.

DOPO 5 ANNI - Lo scandalo Dieselgate, che risale al 2015, quando il Gruppo Volkswagen ha ammesso di aver utilizzato, nelle centraline di alcune sue vetture, un software illegale per alterare i test antinquinamento sui motori diesel, finora è costato alla compagnia tedesca più di 30 miliardi di euro tra aggiornamenti software, multe e indennizzi. Solo nella maxi azione collettiva americana, avviata nel 2016, la Volkswagen ha sborsato 25 miliardi di dollari.





Aggiungi un commento
Ritratto di impala
29 febbraio 2020 - 05:33
.... è in Italia .... NIENTE !!!!!!! .... un pensiero per tutti quelli che si ritrovano con il panzer rimappato.
Ritratto di mirko.10
1 marzo 2020 - 19:18
2
Complimenti per il tuo millesimo commento! Sono assolutamente d'accordo con te.
Ritratto di Scatnpuz
2 marzo 2020 - 08:03
La golf ........un panzer??? Cambia occhiali o psicologo!
Ritratto di Blablabla
29 febbraio 2020 - 06:31
Sono pochi, dovevano pagare miliardi in tutto il mondo.
Ritratto di 19andrea81
29 febbraio 2020 - 06:39
In SUA vendono qualche migliaio di auto diesel - 25 miliardi di dollari di multa. In Germania milioni e milioni di macchine diesel - 830 milioni di euro e tutto risolto. Poi,il resto del Europa??? Il vero problema è che la gente compra ancora le loro macchine !!! Non solo questo,la gente compra ancora diesel ...
Ritratto di Meandro78
29 febbraio 2020 - 08:13
Stai sereno: se falliscono gli obiettivi con la divisione elettrica chiuderanno. E difficilmente potranno vendere i milioni di vetture di cui abbisognano.
Ritratto di Giuliopedrali
29 febbraio 2020 - 08:58
Praticamente i tedeschi col diesel e anche con l'elettrico raggiungono a malapaena la sufficenza e tutti a vedere chissachè nelle tedesche (a dire il vero io ho un Maggiolino a benzina e l'unica cosa che si salva è proprio il motore: a benzina).
Ritratto di bellaguida
29 febbraio 2020 - 10:17
Si potrebbe chiederlo ai cinesi, visto che comprano in massa auto tedesche. Battute a parte, i prodotti tedeschi primeggiano mediamente per qualità costruttiva e infotainment. Nel tempo si sono guadagnati fama di affidabilità, il che concorre a far sì che abbiano una buona tenuta del valore nel tempo. Coprono tutti i segmenti e offrono una vastissima gamma. Direi che faremmo prima a dire dove peccano.
Ritratto di bellaguida
29 febbraio 2020 - 10:20
Prima che qualcuno obietti, dico che le stesse considerazioni valgono per le auto giapponesi, eccellenti per affidabilità, leader del settore generalista, ma inferiori alle tedesche nel premium.
Ritratto di Meandro78
29 febbraio 2020 - 11:03
Peccano nella gestione dell'elettronica e anche nello stile. Che sta diventando sempre più barocco. Hai presente la linea forse troppo severa ma equilibrata di BMW e VW fino ai primi anni 2000 e quanto viene proposto oggi?
Pagine