Hyundai Azera: stile sportivo

La Hyundai ha svelato la nuova Azera per il mercato americano, il cui design inaugura un nuovo capitolo nello stile della casa.

COREANA DALL’ANIMA YANKEE - La Azera è una berlina che la Hyundai propone da parecchi anni in America e in altri mercati nel mondo (in Corea si chiama Grandeur) ma non in Europa. Ieri la casa coreana ha svelato immagini dell’esterno e dell’interno della nuova sesta generazione. La proposta mostra uno stile interessante, che unisce una forte componente di eleganza con incisivi elementi di dinamismo, per non dire grinta. E la cosa assume importanza dal momento in quanto la Hyundai ha comunicato che lo stile della Azera lo si ritroverà anche sulle prossime Hyundai destinate agli automobilisti europei.

MATRIMONIO TRA ELEGANZA E DINAMISMO - Della nuova Hyundai Azera a farsi notare al primo colpo d’occhio è il profilo laterale, modulato e equilibrato, così che dai fari anteriori ai gruppi ottici posteriori c’è un andamento morbido e fluido, che probabilmente consente ottimi risultati aerodinamici. Nella parte posteriore il design dà luogo a una soluzione quasi da coupé, con il lunotto che raccorda senza tratti bruschi il tetto e il cofano del bagagliaio. Le dimensioni appaiono senz’altro abbondanti, anche se non sono state diffusi i numeri precisi.

“FACCIA” D’ATTUALITÀ - La parte anteriore della Hyundai Azera è caratterizzata dal frontale dall’impostazione oggi diffusa: calandra piuttosto imponente che scende dal cofano al paraurti quasi verticalmente, mentre ai lati ci sono i gruppi ottici di altezza contenuta e soprattutto estesi sulla fiancata in misura abbondante. Il paraurti in pratica non si vede, e nelle estremità laterali si raccorda con due ampie prese d’aria dalla forma piuttosto elaborata. Lateralmente risaltano le ruote di grandi dimensioni, dotate di cerchi di design pregiato e con gomme ribassate, a sottolineare la presenza di spirito sportivo nel dna del modello, che verrà presentato ufficialmente il mese prossimo in Corea per poi iniziare la sua “carriera” principalmente statunitense.



Leggi l'articolo su alVolante.it