NEWS

Hyundai Genesis: in Italia a 65.000 euro

11 luglio 2014

L'ammiraglia coreana è con una dotazione completa, esclusivamente di motore a benzina e la sola trazione integrale.

Hyundai Genesis: in Italia a 65.000 euro
PORTABANDIERA - Dalla Hyundai arriva il prezzo ufficiale per la Genesis, ammiraglia della casa coreana che rappresenta ciò che gli anglosassoni chiamano “flagship”. Il prodotto d'eccellenza, quello che magari non genererà grandi volumi di vendita (almeno da noi, visto che manca un motore a gasolio, sulla carta più appetibile del V6 3.8 a benzina con cui viene venduta), ma che serve per mettere sul piatto il know-how raggiunto. E iniziare la lunga e difficile scalata verso le posizioni che contano nell'ambito delle ammiraglie. Quello che, per capirci, è da sempre una partita tra tedesche, con qualche sporadica intromissione inglese o giapponese: dalla BMW Serie 5 alla Mercedes E o all'Audi A6, per tacere della Jaguar XF, sono queste le rivali dichiarate. E affrontate con successo negli Usa, dove la scorsa generazione di Genesis ha venduto molto bene.
 
 
65.000 - Il listino parla di 65.000 euro per avere la Hyundai Genesis; il controvalore, di un'auto che adotta un motore 3,8 litri V6 a benzina, con alimentazione a iniezione diretta, abbinato al cambio automatico a 8 marce. La potenza massima è di 315 CV, la coppia massima sfiora i 400 Nm (decisamente congrua per un aspirato). La trazione è di tipo integrale - ripartisce il moto tra gli assali in tempo reale a seconda della situazione di marcia; le logiche di funzionamento sono tre (Eco, Normal e Sport) e la dotazione è tale da rendere superflua (realmente, visto che non esiste) l'elenco degli optional. Si va dai sedili in pelle, regolabili elettricamente nonché riscaldabili e ventilabili anterioremente e posteriormente, alle finiture in materiale nobile (radica di legno e alluminio), dall'head-up display fino a una pletora di sistemi per l'assistenza alla guida che merita un discorso a parte.
 
 
IPERTECNOLOGICA - Oltre all'head-up display appena citato, utile per non distogliere lo sguardo dalla strada, sulla Hyundai Genesis vi sono la frenata d’emergenza automatica, il sistema di mantenimento della corsia, il controllo di trazione in Curva (ATCC) che lavora in tandem con l'ESP, il controllo dell'angolo cieco, abbinato all'avviso di attraversamento posteriore; il cruise control adattivo e l'assistenza al parcheggio. Degno di nota il climatizzatore con sensori che rilevano e, alla bisogna, limitano l'afflusso di CO2 nell'abitacolo, o il bagagliaio che si apre automaticamente quando ci si ferma accanto all'auto per tre secondi: si spazia dall'uso massiccio della tecnologia all'analisi del dettaglio. Cercando il pelo nell'uovo, si nota la sola assenza di sospensioni a controllo elettronico, offerte da alcune concorrenti: evidentemente, i progettisti Hyundai le hanno ritenute superflue, puntando sul comfort di marcia più che sulla sportività pura.
Hyundai Genesis
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
34
38
26
14
18
VOTO MEDIO
3,4
3.43077
130


Aggiungi un commento
Ritratto di Flavio Pancione
11 luglio 2014 - 23:06
7
forse viene più di 65 mila euro però :)
Ritratto di Moreno1999
11 luglio 2014 - 23:19
4
Ma vuoi mettere mantenere un 3.8 benzina rispetto ad un 2.2 diesel (quello della Mazda, ossia il frontale)? Penso che nel giro di un paio d'anni si possa recuperare tutto, soprattutto in Italia!
Ritratto di gio.G
12 luglio 2014 - 00:19
20
Ahahahahahahahahaha ma dai
Ritratto di TurboCobra11
11 luglio 2014 - 21:35
E' un pò cara, però se con degli sconti la porti a 50.000€ può essere interessante, non è un marchio famoso in quel settore(non capisco perchè non hanno fatto diventare Genesis il marchio, creando un marchio di lusso da sviluppare e affermare pian piano) ma comunque è un' ammiraglia piena di optional con un buon motore, per quanto a benzina. L'unico neo è che dovevano stare più bassi con il prezzo e magari acquistare da qualcuno un bel 3.0 V6 a Gasolio, non so magari la Fiat che comunque ha un 3.0 che non produce poi in quantità da non poterne vendere, anzi... ...Saluti
Ritratto di onlyroma
11 luglio 2014 - 22:08
Lasciamo fare auto di una certa categoria a chi è nata x questo. La BMW,la Merceds,Maserati,Jaguar (anche se oggi....),ecc. fanno auto di classe da secoli,non ci si inventa costruttori di ammiraglie. Una casa che costruisce la Atos,non può credere che un acquirente spenda 50-60 mila € x la loro ammiraglia. Manca il blasone e quello non lo si compra al supermercato. Mai e poi mai spenderei cifre del genere x una Hyunday,e simili (Kia)
Ritratto di sempermi
12 luglio 2014 - 19:43
la conosci la hyundai sonata è un'ammiraglia venduta da molti anni in usa ,quindi le sanno fare tranquillo e poi mettici tutti gli optional che ha la genesis su una bmw serie 5 a parità di cilindrata e vedrai che 70 mila non ti bastano anzi
Ritratto di onlyroma
12 luglio 2014 - 20:02
Non metto in dubbio la convenienza o la qualità. Il problema è il blasone. Se acquisti un auto di classe acquisti anche lo stemma. Poi nn parliamo del valore dell'usato. Anche la nuova thema sarà favolosa,ma se voglio un ammiraglia compro le marche prima citate.
Ritratto di Fr4ncesco
12 luglio 2014 - 22:48
E' una mid-size di fascia media come la Malibu o la Accord o se vogliamo fare un paragone più vicino a noi, equivale alla i40 venduta in Europa.
Ritratto di Fr4ncesco
11 luglio 2014 - 22:35
Questa sembra un mix di BMW e Infiniti, la precedente era più personale. Per chi dice che non sia una vettura valida, credo che blasone a parte non gli manchi molto rispetto la concorrenza tedesca. Ricordo che Lexus e Infiniti sono nate appena negli anni 80 e non mi sembra che Toyota e Nissan producessero vetture premium, se non qualche ammiraglia per il mercato domestico. In Europa il flop di questa vettura è scontato, visto che il mercato di alta gamma è diviso tra le tedesche, ma globalmente venderà come vende già da oltre 10 anni. L'unico errore secondo me della casa e aver concepito questo modello sotto il marchio Hyundai, per l'associazione del marchio alle vetture economiche (nonostante le Hyundai di oggi non siano quelle di 10-20 anni fa). Potevano creare un marchio specifico per i modelli di lusso, come fecero i giapponesi al tempo loro.
Ritratto di Robx58
12 luglio 2014 - 11:32
12
potrebbe avere successo negli USA, anche perchè è stata concepita per quel mercato, ma nel vecchio continente le auto di " lusso " sono le 3 tedesche, se pensiamo a Vw con Phaeton , un flop, e pensare che la Volkswagen è uno dei marchi più apprezzati in Europa, figuriamoci un marchio come Hyundai, e un'auto che per quanto piacente e piena di accessori è pur sempre un'auto che svaluterà molto più in fretta dei marchi europei e altra "pecca" è motorizzata con un 3.8 a benzina, 6/8 km/l i consumi!? Se devo prendere un benzina preferisco una Maserati Ghibli, superiore in tutto alla coreana, non avrà ste quattro pugnette di assistenza alla guida, ma una Maserati va guidata con il volante non con l'elettronica e poi solo a pronunciare il nome mi viene la pelle d'oca.
Pagine