Hyundai i20, sostanza a go-go

06 ottobre 2014

Si mostra dal vivo a Parigi la Hyundai i20, una cinque porte “quattro metri” tutta nuova che punta su praticità e dotazione.

Hyundai i20, sostanza a go-go
SPAZIO IN ABBONDANZA - Debutto ufficiale al Salone di Parigi per la nuova Hyundai i 20, che noi di alVolante avevamo già potuto osservare in anteprima (vedi qui). Disegnata e progettata presso le sedi tedesche della Hyundai in Germania e prodotta in Turchia, nello stesso stabilimento da dove escono le più piccole i10, è una cinque porte moderna e gradevole, che accentua le doti del modello che va a sostituire: ovvero, l’abitabilità generosa e l’ampio bagagliaio (326 litri), che la rendono una vera piccola “da famiglia”. In più, le finiture e lo stile degli interni fanno un vero balzo in avanti: ben assemblati ed eleganti, pur senza essere vistosi o particolarmente innovativi. La nuova Hyundai i20 si potrà ordinare dalla fine del mese di novembre, quando verranno comunicati i listini; ipotizziamo, comunque, che le offerte legate al periodo di lancio consentiranno di portarsi a casa la nuova Hyundai per una cifra attorno agli 11.000 euro. Le prime vetture arriveranno in Italia a fine novembre.
 
 
SUPERDOTATA - A Parigi, nel frattempo, abbiamo saputo qualcosa in più su allestimenti e motori della Hyundai i 20. In ordine di equipaggiamento, vedremo la Hyundai i20 nelle versioni Classic, Comfort e Style, ma, come già per la i10, nei primi mesi si potrà comprare anche una versione speciale (che si chiamerà probabilmente Login) dal rapporto dotazione/prezzo più favorevole. Tra gli accessori disponibili, di serie o a richiesta, i sei airbag, l’Esp, la radio con Bluetooth e 1 GB di memoria, il cruise control e il sistema di assistenza nelle partenze in salita. Non mancheranno neppure raffinatezze quali i sensori di parcheggio, il “clima” automatico e gli specchi ripiegabili elettricamente, e addirittura il volante riscaldabile, l’avviso in caso di cambio involontario di corsia e un maxi tetto apribile in cristallo, una “finestra sul cielo” che arriva fin sopra i sedili posteriori.
 
 
UN SACCO DI MOTORI - Tutti i motori della Hyundai i20 sono omologati Euro 6. A benzina, fin dal lancio, sarà disponibile il 1.2 in due livelli di potenza (75 e 84 cavalli), nonché un nuovo 1.4, con 100 CV e abbinato a un cambio manuale a sei marce. Tutti in lega leggera e con la fasatura variabile delle 16 valvole, promettono consumi contenuti: 21,3 km/litro in media per i “1200” (che, tra l’altro, saranno disponibili anche con l’alimentazione a Gpl) e 18,9 per il “1400”. Nel corso del 2015, poi, dovrebbe arrivare un tre cilindri 1.0 turbo a iniezione diretta di benzina, con 120 cavalli e 172 Nm di coppia motrice (invece dei 134 Nm dell’1.4, a garanzia di riprese ben più vivaci). Non mancheranno i diesel, del tutto rinnovati: per il tre cilindri 1.1 da 75 cavalli (e 180 Nm di coppia) la casa parla addirittura di un consumo medio di 31,3 km/litro, mentre il valore ufficiale per l’1.4 (90 CV e 240 Nm) è di 27 km/l. Chiudiamo precisando che dal 2016 arriverà anche il cambio robotizzato a doppia frizione e sette marce presentato proprio a Parigi sul prototipo della i30 a metano, che andrà a sostituire l’automatico a quattro marce disponibile fin da subito.

 

VIDEO
Hyundai i20
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
73
94
78
27
40
VOTO MEDIO
3,4
3.42628
312




Aggiungi un commento
Ritratto di giovi11
6 ottobre 2014 - 21:02
3
Non male ma niente di che
Ritratto di cris25
6 ottobre 2014 - 21:25
1
ma d'altronde bastava poco per renderla più moderna, anche se quella attuale è una buona auto, onesta!
Ritratto di zero
6 ottobre 2014 - 22:39
Alcune soluzioni sono visibilmente ispirate ad altre auto (come i paracolpi laterali identici a quelli delle Renault), ma nell'insieme non è male. Il frontale, soprattutto, mi piace. La plancia è invece un po' triste e spenta: mi sembra nata già vecchia, molto vecchia. Molto interessante il quattro cilindri 1.4 aspirato a benzina da 100 cv: senza dubbio lo preferisco al tre cilindri 1.0 sovralimentato di pari potenza. E ottimo pure il pensionamento del vecchio cambio automatico in favore di un doppia frizione: anche se preferisco i manuali, è segno di come Hyundai-Kia ormai tiene a stare al passo coi tempi!
Ritratto di juvefc87
7 ottobre 2014 - 00:17
molto riuscita e sobria, aspetto la 3porte e la versione wrc!!
Ritratto di Moreno1999
7 ottobre 2014 - 07:55
4
Ne bellissima ne bruttissima, comunque un lavoro svolto bene
Ritratto di Gordo88
7 ottobre 2014 - 09:20
1
Io la trovo piuttosto originale ed equilibrata nella linea, interno razionale anche se non modernissimo, un grande passo in avanti rispetto alla precedente, sicuro
Ritratto di GIADAC
7 ottobre 2014 - 09:53
Sicuramente è stato fatto un passo in avanti notevole rispetto alla versione precedente, ma la linea non mi entusiasma e mi dona particolari emozioni. A mio avviso poteva essere più moderna ed originale.Io l'avrei fatta,come fanno le Audi,identica alla riuscitissima I30 solo di dimensioni più piccole.Il davanti non mi piace per niente lo trovo assolutamente anonimo e senza troppa personalità.
Ritratto di curlywurly
7 ottobre 2014 - 12:12
.... ma il colore non rende merito.... però ormai mi sono abituato alle Hyundai che, al contraro delle VW, sono sempre più belle dal vivo che in foto ed anche questa non farà eccezione. Anche perché il mille turbo 3 cilindri da 120 cavalli (perché 100?) mi ispira molto...
Ritratto di Florica Ciochina
7 ottobre 2014 - 13:27
... solo la colorazione marroncina non mi convince, ma le foto fatte dentro sono bellissime
Ritratto di 19miki90
7 ottobre 2014 - 13:38
2
Un passo avanti, non é per niente male!
Pagine