NEWS

All’elettrico la Hyundai preferisce ibrido e idrogeno

25 giugno 2012

La casa coreana ritiene complesso e lungo il percorso per arrivare ad avere una rete di colonnine di ricarica delle batterie. Ciò la porta a ritenere difficoltosa la diffusione dei veicoli elettrici. Punta perciò su soluzioni alternative.

INQUINAMENTO? NO, GRAZIE - Il gruppo Hyundai fa già parte dei costruttori di auto ibide ed elettriche (fra i modelli, la Sonata Hybrid venduta in Corea e negli Usa, e la debuttante i10 BlueOn), anche se per questo tipo di veicoli esistono ancora dei limiti dovuti allo sviluppo delle reti di ricarica, che dipendono dalle istituzioni pubbliche e non dal mercato. Per questa ragione, stando a quanto riportato dall'agenzia Ansa dal responsabile Ricerca e Sviluppo delle Eco-Tecnologie, Woong-chul Yang, il gruppo coreano ha ambiziosi programmi per quanto concerne l’auto fuel-cell a idrogeno e le ibride. 

Hyundai ix 35 fuel cell 4


IDROGENO DAL 2015
- Per quanto riguarda l’idrogeno, il top manager ha reso noto che la Hyundai sta mettendo a punto un sistema per produrlo senza alcuna emissione, partendo dall’acqua e dalle centrali elettriche eoliche. Nel suo sforzo per lo sviluppo dell’auto a idrogeno la Hyundai non è sola. Assieme a Daimler, Ford, General Motors, Honda, Renault-Nissan e Toyota, ha anche sottoscritto un documento che impegna tutti i firmatari a immettere sul mercato europeo entro il 2015 dei veicoli funzionanti con la tecnica fuel-cell. Alla fine dell'anno scorso la Hyundai ha fornito una trentina di ix35 fuel cell (nelle foto) ai funzionari della comunità europea. Questo, in attesa che venga costruita una rete di distributori per l'idrogeno, che dovrebbe essere attiva dal 2014 nei paesi scandinavi e dal 2015 nel resto d'Europa e negli Usa.

700 BAR - La Hyundai a idrogeno dispone di un motore da 136 CV che ha prestazioni non lontane da quelle della ix35 1.7 CRDi, e promette un'autonomia di oltre 500 km. Il “pacco” di celle a combustibile funzionanti a idrogeno è alimentato da un serbatoio di 144 litri di idrogeno compresso a una pressione di 700 bar. La vettura è in grado di raggiungere i 160 km/h e scatta da 0 a 100 km/h in poco più di 14 secondi. Ancorché non comunicato ufficialmente, si parla di un prezzo di lancio attorno a 80 mila euro, destinati a diminuire sensibilmente con il crescere della produzione.
 

Hyundai ix 35 fuel cell 8
 

IBRIDA DA 205 CV - Oltre alla vettura a fuel cell, la Hyudai continua a lavorare sull’ibrido. Perno della soluzione Hyundai è una originale trasmissione, messa a punto dai propri tecnici, con la quale si gestisce la vettura in maniera da disporre soltanto della trazione elettrica, oppure solo quella “termica”, e infine le due contemporaneamente. E, appunto, ciò con un sistema inedito. La potenza disponibile è di 205 CV (con entrambi i motori), che con un peso complessivo di 1.568 kg permettono di avere buone prestazioni. La Hyundai sta lavorando su due modelli ibridi, uno per il mercato americano e l’altro, più compatto, per l’Europa. 



Aggiungi un commento
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
26 giugno 2012 - 18:21
Il commento è stato rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di lada-niva22
26 giugno 2012 - 11:32
Già non si vendono (ovviamente) le elettriche e poco le ibride (prezzi di listino altissimi,poca autonomia e difficoltà nei rifornimenti)...ora se ne escono con questa auto che costa il doppio/triplo delle elettriche e sfrutta una tecnologia che è ancora più improbabile e complicata nella diffusione rispetto all' "elettrico"...scommetto che in tanti sono pronti a pagare un IX35...80000 euro!!! Comincio a mettermi in fila...dovessero esaurire le scorte!!! Mi chiedo...a quando l'auto che va "a caramelle" con prezzi a partire da 250000 euro?
Ritratto di Massimo126
26 giugno 2012 - 12:21
....con 4x4 o senza?
Ritratto di Simone1996
26 giugno 2012 - 18:53
Brava Hyundai Ha capito tutto
Ritratto di maui.maui
14 ottobre 2012 - 04:07
Una delle auto a Idrogeno uscita dallla fase protototipale e' la Honda, che da anni ha scelto di sviluppare questa strada, modello clarity vendibile mi sembra per ora solo in California. 430 Km autonomia, quanto al problema della pressione del serbatoio al momento in generale ci si e' orientati per le auto a H a 700 bar (con serbatoi costituiti da materiali compositi) non so quest'auto a quante bar tiene in pressione H. un serbatoio a metano lavora a circa 200 - 250 bar. Tuttavia con le future tecnologie a nanotubi di (K) Potassio o carbonio si pensa di porre il contenitore a una pressione minima intorno a 2 - 10 atmosfere forse meno, forse addirittura a pressione ambiente perche' la molecola H2 dell'hidrogeno rimane contenuta tra i nanotubi che ha funzione di spugna, mettendo il tutto a riparo di esplosioni e se cosi' sara' diventera' meno pericoloso della benzina. Tra l'altro dispositivi al potassio per ora in fase sperimentale permetterebbero di facilitare e produrre ovvero isolare l'hidrogeno al costo di 1/3 in meno dell'energia impiegata adesso per ricavarlo. L'Hidrogeno stoccato nei serbatoi auto nello stato gassoso, ha contenuto energetico pari circa al triplo della benzina, e comunque se l'estrazione energetica avviene per via elettrochimica al momento produce una efficienza di circa il doppio della benzina, 1kg di Hydrogen permette un'autonomia di circa 100 km, (ma il kilo rappresenta il peso del gas, non puo' considerarsi litro, ovvero liquido perche' per ottenere H liquido occorrerebbero pressioni altissime ben oltre le 1000 atmosfere o temperature bassissime oltre -200 Gradi C, sistema non fattibile per questi utilizzi) Il costo dell'hidrogeno oggi e' pari al combustibile fossile tipo benzina, ma il prezzo di estrazione per gli inquinanti che madre natura (stupida???) ha deciso di seppellire nei meandri della terra, e' destinato ad aumentare, quello dell'hidrogeno a diminuire. Alla fine si scoprira' che produrre hidrogeno anche da fonti davvero rinnovabili costera' meno del petrolio in estrazione, raffinazione e costi indiretti (finanziamento di guerre, sotto gli occhi di tutti, e di governi corrotti in cui pochi usano i soldi per tenere alla fame il resto del popolo nei paesi produttori; fondi devoluti a presidi militari fissi e armamenti a salvaguardia dei siti, senza considerare l'inquinamento lasciato nei siti estrattivi e successivo inquinamento per combustione nell'utilizzo finale). Invito a leggere il libro nero del petrolio, per approfondimenti. Chissa' se un giorno, ognuno di noi potra' prodursi di notte la sua tanichetta di Hydrogeno per usarla di giorno in auto, mai mettere limiti alla fantasia che come la filosofia, nasce prima di diventare scienza e realta'. L'auto Clarity funziona attraverso reazione chimica di hidrogeno (vettore energitico) ma con motore elettrico, quando sta fermo al semaforo non consuma, quando cammina richiede meno energia, e' silenzioso, ha piu' di 130 cavalli, 0-100 9,rotti secondi. Motore elettrico vuol dire meno parti in movimento quindi, meno usura, piu' affidabile, e in economia di scala, dovrebbe anche costare molto meno del motore meccanico piston_cili_bielle, dato il funzionamento piu' semplice. Meglio di cosi'....... Invito a visionare anche su youtube la differenza di accelerazione tra modellini auto di qualche kilo, tra motore elettrico e a combustibile; il motore elettrico ha una accelerazione bruciante (sembra un controsenso) istantanea, certo facile per scarso peso ma fattibile anche su grande scala, basta lavorarci su. Altro che chiacchere da bar............... Certo se l'hidrogeno lo consideriamo a -220 Gradi C, oppure 800 atmosfere con serbatoi in acciaio da 200 litri spessi 7 centimentri o come bombole di acetilene, mi viene piu' da pensare ad un Marauder o Williams big bud 747, o adatto ad un Silver_spade o Terex-Demag CC8800 Twin, piuttosto che veicolabile alla propulsione navale. Oggi Honda, Hyundai dimostrano il contrario. La fiat diceva che hidrogeno n'si puo' fare, per me fiat doveva chiudere decenni fa, per tanti motivi. 2) mi rammarico che anche Chrysler (sebbene io confesso, avevo 20 anni fa un motore marino chrysler che non camminava manco a calci, per cui spesso non si accendeva e vabbeh......magari so stato sfortunato....), faccia ora parte del calderone fiat. Peggio e' che pure Dodge e' stata brandizzata li e anche Jeep ha subito la stessa sorte... che delusione..... W L'idrogeno e' ad alta densita' energetica, ad energia immediatamente fruibile, probabilmente In futuro inseribile in recipienti piu' facilmente di quanto oggi sia immaginabile, molto simile al tipo di energia a cui siamo abituati, ideale nei trasporti anche aereo-navali. Giusto e' anche continuare la ricerca sul solare, perche' no, sul magnetico, l'energia osmotica, magari integrando, non boicottando. Sarebbe il caso di imparare una volta per sempre, dagli anctichi indiani qualcosa, putroppo, nuovo per noi cosi' ancora poco civili: "Non sottrarre alla terra piu' di quanto lei sia in grado di rigenare". ............. Molti fossili, che scrivono qui, e anche tanti blasonati articolisti, addetti ai lavori talvolta ospiti alla tv generalista (nella peggiore accezione del termine), stanno ancora a guardare con nostalgia all'eta' della pietra, perche' li stiamo, ma bisogna puntare lo sguardo alle prue non alle poppe. Le notizie ci sono basta convincersi che non bisogna assorbire passivamente cio' che la plutocratica societa' ci propina come unica e incontrovertibile verita', spesso non per stupidita' ma per perseguire il vantaggio di pochi a scapito di Tutti. ............................. Tutti sanno che una cosa e' impossibile da realizzare (anche agli esperti), finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e l' inventa. Albert E......=MC2 ............................ Quanto e' vero....................... Un saluto a tutti, ed un sentito abbraccio a coloro capaci di prendere pretesto dall'articolo per informarsi sui nuovi orizzonti, suscettibili di immense sorprese.... ora siamo solo all'inizio . Free for drive Your change....
Pagine