IAA Mobility 2021: vota la tua auto preferita

Pubblicato 10 settembre 2021

Tante le novità al Salone di Monaco, tutte all'insegna della sostenibilità, in un mondo dell'auto che si appresta a cambiare completamente volto.

IAA Mobility 2021: vota la tua auto preferita

UN MONDO CHE CAMBIA - Lo abbiamo detto tante volte, il mondo dell'auto sta attraversando il più grande cambiamento della sua storia, abbandonando progressivamente il motore a scoppio in favore di quello elettrico. La strada è ormai tracciata da parte delle autorità, che stanno via via pensando a limitare la circolazione delle auto dotate di motore termico fino a proibirne del tutto la vendita (la data ipotizzata in Europa è il 2035). Nel frattempo si moltiplicano gli annunci delle case automobilistiche che prefigurano uno scenario dominato dalle sole auto a betteria: l’Audi realizzerà solo nuovi modelli elettrici a partire dal 2026, la DS dal 2024, la Mercedes dal 2025 e così via.

UN SALONE GREEN - In uno scenario come questo è logico che i saloni dell’auto, che da poco sono tornati a svolgersi, con poche eccezioni siano dominati dalle auto elettriche e i temi trattati siano quasi esclusivamente legati a questo ambito. Ne è stato un esempio l’IAA Mobility 2021 di Monaco che, sebbene con alcune assenze importanti fra i costruttori, come Stellantis, Toyota, Nissan, Skoda e altri, ha offerto uno sguardo su come cambierà nei prossimi anni la mobilità individuale. Abbiamo raccolto nella gallery più in basso le principali novità di prodotto: qual è la tua preferita? Votala nel sondaggio qui sotto.

IAA Mobility 2021: vota la tua auto preferita
Dacia Jogger
24%
  • Dacia Jogger
    24%
  • Renault R5 Prototype
    21%
  • Renault Mégane E-Tech Electric
    14%
  • Kia Sportage
    7%
  • Wey Coffee 01
    7%
  • Porsche Mission R
    5%
  • Mercedes Concept EQG
    4%
  • Audi Grandsphere
    3%
  • Volkswagen ID.Life
    3%
  • Ora Cat
    3%
  • Cupra UrbanRebel
    2%
  • Smart Concept #1
    2%
  • Mercedes-Maybach EQS
    2%
  • BMW i Vision Circular Concept
    1%
  • City Transformer
    1%
  • Mercedes EQE
    1%

Aggiungi un commento
Ritratto di Road Runner Superbird
10 settembre 2021 - 18:57
E certo, è colpa del consumatore finale che il mondo è inquinato, non dei politici e degli industriali che hanno sfruttato, sfruttano e sfrutteranno fino al midollo ogni risorsa. Ma davvero avete accettato questa spregiudicata colpevolezza al ribasso, che serve a lavare la faccia di chi del mondo ne ha le redini? Viviamo come ci dicono di vivere, smetteremo con le auto che sfruttano petrolio e passeremo con quelle che sfruttano le terre rare, ci disimpegneremo dal medio oriente ma saremo più dipendenti dalla Cina, peseremo su qualche altra popolazione del terzo mondo piuttosto che un'altra. Basta non essere ipocriti e smetterla almeno con una certa retorica e con questo sentimento di servilismo verso qualcuno più ricco e potente.
Ritratto di Oxygenerator
11 settembre 2021 - 13:47
@ Road. Non colpa, ma corresponsabili, di sicuro. Nessun sentimento di servilismo. Si tratta di presa di coscienza delle proprie e altrui, responsabilitá. Presa di coscienza, dalla quale, sig Road, la vedo molto lontana…..
Ritratto di Roomy79
11 settembre 2021 - 16:43
1
Grande presa di coscienza, infatti continuate a votare gli stessi pagliacci di 20 anni fa, PD, LEGA 5 stro**** e a stare sul divano. Che cittadini esemplari.
Ritratto di Oxygenerator
12 settembre 2021 - 00:06
@ Roomy79. Intanto come fa a costruire un simile preconcetto. E poi, lei, che evidentemente è un illuminato, cosa fa ? Dove sta? Sugli spalti ? Vota la carciofara ? Vota bandiera rossa? Chi vota? Ci illumini d’immenso! Lei non sta sul divano, dove sta? In un centro sociale ? In stazione centrale? Lei che cittadino è? Ci insegni, visto che noi siamo dei poveri di spirito. Ma per favore…..
Ritratto di Roomy79
12 settembre 2021 - 00:16
1
Non voto da 20 anni. Fierissimo di non aver mai contribuito a eleggere pagliacci come Renzi, Di maio e Salvini. Almeno ho la coscienza.pulita. per me tutti in galera e governo ai primus inter pares, alti magistrati antimafia come Gratteri.
Ritratto di Oxygenerator
12 settembre 2021 - 09:05
@ Roomy. Lei non ha la coscienza pulita. Il suo non voto è un voto lo stesso. Il suo astenersi da quello che è un diritto/ dovere di ogni cittadino, la pone automaticamente dalla parte del torto e fuori dalla democrazia di un paese che, le ricordo, si esercita attraverso il voto. Lei non ha neanche il diritto di criticare, il voto degli altri, visto che lei per primo, non ha esplicato le sue funzioni di cittadino democratico. Per il suo comportamento, antidemocratico, lei ha perso il diritto di voto, e il diritto della alla critica dello stato. Il suo non votare, di fatto, vuol dire che ha avallato le scelte dei suoi concittadini, quindi sia di Renzi che Di Maio, che di Salvini. Lei non ha la coscienza pulita. Semplicemente, non la usa. È molto diverso. Esattamente come non usa, le armi che un cittadino democratico possiede, per contribuire alla guida del proprio stato. Lei non può criticare nulla. Può biasimare solo se stesso, per aver permesso, senza fare alcunchè, che tali sconci democratici avvenissero. Chi ha votato contro questi personaggi può criticare e parlare del governo. Lei no. Forse era troppo preso dalle sue letture ?
Ritratto di Oxygenerator
12 settembre 2021 - 09:05
della critica allo stato…
Ritratto di Andre_a
12 settembre 2021 - 09:08
9
@Roomy79: hai contribuito eccome! Se ti astieni, vuol dire che ti va bene il voto dato dagli altri.
Ritratto di Oxygenerator
10 settembre 2021 - 18:06
@ Robx58. Ah sicchè, le aziende, secondo lei, hanno investito miliardi, nell’elettrico, così, per accontentare i politicanti, che dall’alto, han dettato le nuove disposizioni. E secondo lei, quanto sostiene ha un che di logico, in qualche modo ?? Se le aziende non avessero voluto investire sull’elettrico, i politici, non le avrebbe costrette. Ne avrebbero potuto costringerle. Le è così impossibile ipotizzare, che la decisione sia stata presa, dietro le quinte, in maniera congiunta ? Certo poi, per il popolo, si fa il gioco delle parti. Ma è fumo negli occhi. Quanto tempo ci avrebbe messo, secondo lei, una multinazionale a mettere in ginocchio un qualsiasi paese ?? Quanto ci avrebbe messo, a chiudere i cancelli e scaraventare per strada operai ed impiegati a protestare contro il governo ladro e corrotto ? Saremmo ancora qui, sulle barricate. Invece, capo 2 anni, si mettono a listino una 20na quasi di auto elettriche. Le sembra la risposta di gente impreparata ? Di gente che non sa che pesci pigliare ? Di gente presa in contropiede dalla politica ? Mi sembra, proprio di no.
Ritratto di Andre_a
10 settembre 2021 - 18:15
9
@Oxygenerator: sono d'accordo con la conclusione, ma il mio ragionamento è diverso, quasi opposto. I politici possono eccome costringere le aziende ad investire, possono farlo tramite divieti da una parte e incentivi dall'altra. È la politica che può mettere in ginocchio le multinazionali, non il contrario. Se fosse il contrario, lo farebbero senza pensarci due volte, e le varie distopie cyberpunk sarebbero realtà.
Pagine