NEWS

Il gruppo VW investe un miliardo di euro in India

16 luglio 2018

L’investimento deciso per promuovere la produzione in loco e per conquistare fette di mercato nel promettente quadro indiano.

Il gruppo VW investe un miliardo di euro in India

DAL PROGETTO ALL’ASSEMBLAGGIO - Si chiama India 2.0 il programma di attività deciso dal gruppo Volkswagen per affrontare il gigantesco mercato del popoloso paese asiatico. Il dato saliente è la decisione di investire un miliardo di euro nel paese nel triennio 2019-2021. Ciò con la regia della Skoda e con l’obiettivo di arrivare a produrre nuovi modelli compatti, del cosiddetto “segmento B”. Primo traguardo sarà la presentazione nel 2020 di una suv basata sulla piattaforma del gruppo MQB A0.

PROSPETTIVE IMPORTANTI - Il programma è rivolto all’India e lì si svilupperà, sino a prevedere in loco la progettazione e lo sviluppo dei modelli. In pratica con India 2.0 il paese asiatico diventerà un nuovo polo creativo e produttivo del gruppo Volkswagen, con la marca Skoda come protagonista e guida delle attività. Alla base del piano c’è la previsione diffusa che nei prossimi anni l’India diventerà il terzo maggior mercato mondiale di automobili. L’obiettivo della casa è di arrivare a conquistare il 5% del mercato, con le marche Skoda e Volkswagen. Le attività del nuovo piano India 2.0 Skoda-Volkswagen sono rivolte a dar vita alla produzione destinata al mercato indiano, ma è anche previsto che in un secondo tempo venga esaminata la possibilità che le auto prodotte negli stabilimenti indiani vengano esportate in altri mercati.

Aggiungi un commento
Ritratto di otttoz
17 luglio 2018 - 08:54
alla faccia della disoccupazione in europa...
Ritratto di Giuliopedrali
17 luglio 2018 - 09:25
L'India nel giro di pochi anni segue la Cina, ora siamo solo all'inizio, e sarà il paese più popoloso del mondo, i paesi del sudest asiatico hanno un boom economico ancora più di impetuoso. VW non vuole perdere sto treno, guardate in Cina come si è inserita iniziando già negli anni 80.
Ritratto di ziobell0
17 luglio 2018 - 09:53
è quasi un continente...tutto da riempire di polveri sottili...che pacchia!
Ritratto di morino
17 luglio 2018 - 10:13
è quasi così in itaglia...tutto da sniffare di polvere a strisce...che lupacchia!
Ritratto di Giuliopedrali
17 luglio 2018 - 14:55
L'Italia forse è già un po' indietro rispetto ad alcuni di questi paesi. E il bello è che come c'è già uno stile cinese, coreano o giapponese, inizia ad essercene uno indiano (ovviamente), malese, vietnamita, taiwanese e pure indonesiano anche se l'Indonesia ancora non produce auto proprie ma i costruttori esteri che producono lì devono già adeguarsi come stile. Manna dal cielo per le design house italiane!
Ritratto di remo la barca
18 luglio 2018 - 12:35
Visto che Nuova Delhi è la città più inquinata del mondo, non dovrebbero avere i problemi che continuano ad avere altrove.
Ritratto di Illuca
18 luglio 2018 - 13:23
Dalla Tata Nano alla Tuareg....