NEWS

L’IIHS boccia i fari di 30 auto

31 marzo 2016

L’unica a salvarsi nei test dell'ente americano IIHS è la Toyota Prius+, ma solo quando dotata dei fari a led.

L’IIHS boccia i fari di 30 auto
CONCLUSIONI A SORPRESA - L’organizzazione statunitense indipendente Insurance Institute for Highway Safety (IIHS) ha esaminato i sistemi di illuminazione montati su trentuno fra le automobili di lunghezza media più popolari in vendita sul mercato statunitense, stilando poi una classifica non priva di sorprese e spunti di riflessione: la Toyota Prius monovolume è l’unica ad aver ottenuto una valutazione soddisfacente, mentre i tradizionali fari con lampadine alogene sono risultati in alcuni casi più efficaci rispetto agli impianti di più recente introduzione. Gli autori della ricerca sottolineano come quasi la metà degli incidenti registrati negli Stati Uniti avvenga in condizioni di luce scarsa o assente. Da qui l’esigenza di valutare anche l’efficacia dei sistemi di illuminazione, la cui rilevanza è molto spesso sottovalutata: enti e associazioni si limitano a valutare gli standard di sicurezza attiva e passiva delle automobili, ma non esaminano l’efficacia dei gruppi ottici.
 
PER RIFERIMENTO UN FARO IDEALE - I tecnici dell’IIHS hanno effettuato i rilevamenti su un tratto di strada rettilineo e lungo curve di raggio diverso, a sinistra ed a destra. L’indagine (la puoi trovare qui) ha riguardato i fari di serie, quelli a pagamento ed eventuali optional a richiesta, per un totale di ottantadue sistemi di illuminazione. Le automobili sono state poi raggruppate nelle fasce buono, accettabile, marginale (cioè appena sotto alla sufficienza) e scarso, determinate in base ad una serie di fattori: la profondità del fascio luminoso, il bagliore e la presenza del sistema per disattivare gli abbaglianti in maniera automatica. L’IIHS ha effettuato le rilevazioni lungo un circuito di prova. Si è servita di un apposito macchinario (tramite il quale misurare il fascio luminoso) ed ha poi creato una sorta di faro ideale, scelto come sistema di riferimento. Gli esperti hanno esaminato anche l’intensità del bagliore, parametro da tenere in considerazione per non disturbare chi proviene in senso opposto.
 
GIUDIZIO A DUE FACCE - La Toyota Prius V (nota in Italia come Prius +) è stata l’unica ad aver ottenuto la valutazione migliore, ma solo quando presenti i fari a led ed il sistema per la gestione degli abbaglianti. I fari anabbaglianti a led illuminano la strada per circa 122 metri in rettilineo e fino a 64 metri in curva, mentre gli abbaglianti si spingono fino a 152 metri e 67 metri. I fari anabbaglianti a led della Prius V consentono all’automobilista di individuare un ostacolo sul margine destro della strada anche quando viaggia a 112 km/h, velocità che si riduce ad 80 km/h quando sono montati i fari alogeni.  L’IIHS sottolinea però che la dotazione dell’esemplare testato è disponibile solo per il livello di allestimento al vertice. I fari di serie, in maniera opposta, rientrano nella fascia “scarso”. Sono inseriti nella categoria “accettabili” i fari dell’Audi A3, della Infiniti Q50, della Lexus IS, della Volkswagen CC e della Volvo S60. 
 
TECNOLOGIE NON SEMPRE UTILI - Le Audi A4, BMW Serie 2 e Serie 3, Chrysler 200 e Ford Mondeo sono nella categoria “marginale”, mentre la Kia Optima, le Mercedes CLA e Classe C e la Volkswagen Passat rientrano nella fascia peggiore. Dallo studio emerge poi come i fari alogeni della Honda Accord americana siano più efficaci di sistemi più moderni e tecnologici. Stesso discorso per i sistemi che ruotano i fari quando si affronta una curva: non sempre tali impianti migliorano le condizioni di guida, come testimoniano gli scarsi risultati ottenuti dalle Cadillac ATS, Kia Optima e Mercedes Classe C. Il sistema della Optima viene giudicato molto efficace, ma produce un bagliore fastidioso. L’IIHS è un’organizzazione non profit specializzata nell’effettuare test di sicurezza in maniera indipendente, opera dal 1959 e venne fondata da alcune compagnie assicurative con il preciso intento di ridurre il numero di vittime ed incidenti sulle strade.




Aggiungi un commento
Ritratto di fiattaro
2 aprile 2016 - 22:57
semplice, sono le migliori come qualità
Ritratto di rck 300
1 aprile 2016 - 20:01
Un amico voleva fare un pensierino sulla MB CLA. Gli ho detto che varie classifiche americane la giudicano quasi un cesso, ma lui non ci crede. E fa bene. Queste classifiche lasciamole agli americani che è meglio.
Ritratto di domenicofevi
2 aprile 2016 - 10:12
direi che le luci e lucine led delle audì, bmwù, skòdà, sèat', mercèdèss sono inutili.... fanno solo effetti scenografici e nulla di più... Inoltre direi che ognuno di noi ha un modo diverso di vedere al buio: chi basta con le alogene, chi ha bisogno con i xenon, chi con i lenticolari... Secondo me i fari full led, laser e altre menate tecnologiche non servono a niente.... servono solo a far costare di più le auto (ed eventuali onerosissimi costi di manutenzione e/o ricambio).... Basta mettere le lampadine alogene più potenti rispetto a quelli offerti di serie dalle case.... l'importante che siano quelle consentite per non dare fastidio agli altri utenti della strada....
Ritratto di marian123
2 aprile 2016 - 13:54
Credi che le lucine a led diurne servono per illuminare al buio? Alcuni full led fanno un po' meno luce di un'impianto bixeno ma comunque molto meglio rispetto ai fari alogeni. Tra l'altro prova a mettere lampadine alogene più potenti poi vedi che dopo un po' cuoci tutto dentro il fanale a partire dallo spinotto.
Ritratto di AlanDevil
17 novembre 2018 - 16:23
Indagine interessante, lo sarebbe ancora di più se provassero i vari sistermi di illuminazione anche in condizione di nebbia,
Pagine