NEWS

L'automatico GM a 10 marce è più veloce del PDK

12 maggio 2016

Il cambio si chiama Hydra-Matic e verrà introdotto sulla sportiva Chevrolet Camaro ZL1 e su altri modelli della GM.

L'automatico GM a 10 marce è più veloce del PDK

SEMPRE CON LA MARCIA GIUSTA - La Chevrolet Camaro ZL1 (qui sotto) porterà all’esordio un nuovo cambio automatico a ben dieci rapporti. Il cambio appartiene alla storica linea Hydra-Matic ed è riservato a vetture con trazione posteriore ed entro il 2018 verrà montato su altre otto automobili del gruppo General Motors. La sua caratteristica principale sta proprio nella disponibilità di una rapportatura così generosa: il motore si troverà sempre nell’arco di funzionamento ideale e sarà più repentino nel rispondere ai comandi dell’acceleratore, visto che non ci sarà più il rischio di trovarsi con una marcia troppo lunga in rapporto alla velocità. Allo stesso modo diminuiranno i consumi alle andature costanti, grazie agli ultimi rapporti molto "distesi".

MIGLIORA L’ACCELERAZIONE - La presenza di marce ravvicinate influisce anche sulle prestazioni in fase di accelerazione. L’azienda ha condotto per questo motivo una serie di test comparativi, scegliendo come riferimento il cambio PDK a sette marce e doppia frizione della Porsche. La Chevrolet afferma che l’Hydra-Matic a 10 marce impiega il 36% in meno per salire dalla prima alla seconda marcia, mentre il passaggio fra seconda e terza e fra terza e quarta viene completato più velocemente del 27% e del 26%. I primi rapporti sono molto vicini e il motore non perde giri fra un passaggio di marcia e l’altro. La PDK della Porsche è considerata una delle trasmissioni sportive più efficaci e appaganti, ma gli appassionati statunitensi continuano a preferire la "morbidezza" di risposta  dei tradizionali automatici a convertitore di coppia. Ed è per questo che nel nuovo  Hydra-Matic a 10 marce la GM ha cercato di coniugare entrambi gli aspetti.

PENSA DA SOLO - Il nuovo Hydra-Matic occupa le stesse dimensioni degli odierni automatici a 6 ed 8 marce. Si avvale della tecnologia Performance Algorithm Shifting, studiata per aumentare il piacere di guida: il PAS capisce se il conducente sta guidando in maniera sportiva e tiene più a lungo i rapporti inferiori, opzione gradita da chi intende portare in circuito la Camaro ZL1 da 640 CV. Sarà possibile effettuare cambi di marcia anche tramite i bilancieri al volante. I tecnici della GM hanno minimizzato inoltre le frizioni interne, scegliendo per questo motivo un olio a bassa viscosità, in maniera da limitare al minimo le inevitabili perdite di potenza. Il 10 rapporti utilizza una centralina di gestione dedicata, i cui parametri di funzionamento sono specifici per il modello e non condivisi con altre vetture.

Chevrolet Camaro Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
113
38
25
17
15
VOTO MEDIO
4,0
4.04327
208




Aggiungi un commento
Ritratto di Gianlupo
14 maggio 2016 - 16:48
Sono proprio gli americani a definire quelle auto dei gas guzzlers, per via dei loro consumi spropositati dovuti al fatto che hanno ancora la distribuzione che ho detto, che usano le trasmissioni che ho detto, ecc. e che sono, nella sostanza, le stesse soluzioni tecniche da 50 anni, quindi altamente inefficienti in confronto a quelle odierne. Avete mai visto quelle trasmissioni di "resto-mod" in cui un paio di tizi, tatuati e pirsati a dovere, calano nel cofano di un'auto anni '60/'70 un "block" nuovo fiammante, agganciano la trasmissione e via? Ecco, sono la dimostrazione che nel tempo e nella sostanza ben poco è cambiato. Un V8 4 litri MB stravince su un V10 8 litri Dodge, figuriamoci su un qualsiasi V8 made in USA. Certo, se poi gli attacchi tutta la macchina ti costa il doppio, il triplo, ma stiamo veramente parlando di cose diverse. La prima è una sportiva vera, la seconda un freak da tuning garage omologato o, nella migliore delle ipotesi, un residuato bellico aggiornato quanto basta. Negli anni '70 in Italia (patria del motorismo) avevamo, per i comuni mortali, la Giulia e la 124 Special T, entrambe già col bialbero, mentre i tedeschi hanno introdotto i primi DOHC di serie negli anni '90 (con l'eccezione della BMW M1 degli anni '80) e relegavamo, per ragioni di costo, gli OHV alle utilitarie. Oggi praticamente tutti i motori europei sono bialbero, monoalbero sulle utilitarie: una ragione ci sarà, credo. Il topic è la trasmissione automatica a convertitore di coppia. Ebbene, loro sostengono che sia più efficace (non certo efficiente) rispetto ad un doppia frizione (tutto da verificare, peraltro). Il prossimo passo quale sarà? Che l'aste e bilancieri è meglio della trasmissione a cinghia? Infine: @nicktwo I nostri plurifrazionati, unicamente di blasone, nulla hanno a che spartire, come già detto sopra, con quelli dei costruttori generalisti d'oltreoceano: che poi questi ultimi siano efficaci, non discuto, come non discuto sul fatto che per un americano medio andare in officina sia un evento decisamente raro, mentre da noi spendi più tempo dal meccanico che del medico curante. @Fr4ncesco Le americane di oggi, sempre per quanto sopra, non sono affatto sofisticate. Certo, potrebbero fare motori come gli europei, ma col prezzo della benzina che hanno possono tranquillamente permettersi di perpetuare le loro tradizioni. Che questo abbia anche delle ricadute positive è fuori discussione: in termini di costi, affidabilità, reperibilità dei ricambi, ecc. Loro, non per nulla, sono quelli del "since...", inteso come attestato d'affidabilità e garanzia di continuità.
Ritratto di Fr4ncesco
15 maggio 2016 - 16:39
2
Con sofisticate ovviamente mi riferivo nel loro genere, un motore americano attuale non è come uno degli anni 60, anche loro tra le loro caratteristiche si sono evoluti. Che le vetture europee siano più sofisticate è chiaro ma costano anche il doppio però. Appunto ci sono i pro e contro per entrambe e il divario si sintetizza con una semplice questione di gusti e infatti non paragono mai direttamente un'europea ad una americana ma li considero generi a sè. Anzi, spero vivamente che restino diversi perchè mi piacciono entrambi i modi di concepire l'auto. Quello che conta dopotutto è che siano divertenti ed oneste (almeno per me).
Ritratto di Gianlupo
16 maggio 2016 - 14:27
Infatti, secondo me, la Giulia QV, e tutte le altre col camibio automatico, per potersi pienamente fregiare del titolo d'autentica eccellenza (parola che mi fa sempre un po' rabbrividire: molto supponente e porta pure un po' sfiga) dovrebbe montare, ad esempio, un TCT sviluppato appositamente per la disposizione longitudinale dell'insieme motore-cambio e per le coppie in gioco, tanto più che la BorgWarner, con cui FPT collabora per i DC, sta praticamente a fianco della FCA, ad Auburn Hills. Come già detto in altro post, BMW col suo DKG a carter secco e l'albero di trasmissione in fibra di carbonio (come pure i duomi delle spospensioni ed i pannelli della carrozzeria), oltre all'ampio uso di alluminio, ecc. alla prossima mossa, estendendo queste soluzioni, almeno in parte, verso il basso di gamma come ha fatto AR (ora sono solo sulle versioni M), "rischia" di superare la Giulia. La D del Biscione si propone come benchmark per gli anni futuri. Temo, invece, che lo sarà solo per pochi anni. Poi, tornando alle muscle-car/super-sportive: che uno che spende certe cifre per una macchina non badi ai consumi (e nemmeno a quell'idiozia del superbollo, in Italia) è ovvio. A maggior ragione non sta certo a risparmiare sul prezzo d'acquisto dell'auto, a rigor di logica. La questione non sono i consumi in quanto tali, ma i consumi presi come parametro d'efficienza, di rendimento e quindi di prestazioni d'un motore. Perché chi si porta a casa una ZL1 o una Z06, poi si ritrova a pagare gli alimenti ad una seconda moglie. Non è, chiaramente, solo una questione di prezzi di listino. Se ce li hai li spendi come si deve: gli arabi e i russi girano in Ferrari e Lamborghini, mica in Ford e Chevrolet.
Ritratto di nicktwo
16 maggio 2016 - 10:46
1- vedi che pure la giulia quadrifoglio monta l'automatico a convertitore di coppia e ne parlano tutti benissimo, e attualmente la giulia sarebbe l'eccellenza sportiva italiana al di fuori delle supercar 2- sul fatto della efficienza non è che una viper fa 3 km al litro e una aventador 15 eh... poi uno tira fuori 200000 300000 euro per comprarla figurati se sta a guardare il portafoglio o la coscienza ecologica di 2-3 km litro in piu' o in meno
Pagine