Il muschio riveste una Volvo V60 molto “green”

Esposta al Volvo Studio di Milano l’auto vincitrice del concorso indetto dalla casa svedese e progettata da una studentessa del Politecnico.

VERDE COME LA NATURA - Una Volvo V60 completamente ricoperta di vero muschio (va annaffiato regolarmente, la tecnica usata è quella della Moss Art, che utilizza ingredienti naturali per applicarlo, in genere, sui muri), con le impronte di alcuni animali del bosco ben visibili sulla carrozzeria. È questa la realizzazione del progetto vincitore del concorso indetto dalla Volvo, assieme al Politecnico di Milano. Rappresenta i valori di ecosostenibilità e difesa dell’ambiente, riassunti nel concetto di “agreenment”. Un impegno che ha coinvolto gli studenti del Master di Laboratoriominiera in Art Direction & Copywriting del POLI.design, che sono partiti da una V60 per raccontare, con un’opera a metà strada tra tecnologia e natura, la voglia di far crescere un ambiente più sano e protetto. 

IN MOSTRA FINO A NOVEMBRE - Interessanti anche gli altri progetti, tutti illustrati al Volvo Studio, aperto l’anno scorso proprio sotto i grattacieli di Piazza Gae Aulenti, a Milano, per avvicinare il pubblico al mondo della casa svedese attraverso esposizioni ed eventi. Si va dalla V60 a strisce di muschio verticali, che ricrea l’effetto di attraversamento di un viale alberato, a quella con disegni sul cofano e sul tetto che ricordano i circuiti dei computer, andando a formare il contorno stilizzato di una testa d’alce. La Volvo V60 con l’esecuzione vincitrice resterà esposta al Volvo Studio Milano e in visione al pubblico fino al prossimo mese di novembre.



Leggi l'articolo su alVolante.it