NEWS

Il muschio riveste una Volvo V60 molto “green”

6 settembre 2018

Esposta al Volvo Studio di Milano l’auto vincitrice del concorso indetto dalla casa svedese e progettata da una studentessa del Politecnico.

Il muschio riveste una Volvo V60 molto “green”

VERDE COME LA NATURA - Una Volvo V60 completamente ricoperta di vero muschio (va annaffiato regolarmente, la tecnica usata è quella della Moss Art, che utilizza ingredienti naturali per applicarlo, in genere, sui muri), con le impronte di alcuni animali del bosco ben visibili sulla carrozzeria. È questa la realizzazione del progetto vincitore del concorso indetto dalla Volvo, assieme al Politecnico di Milano. Rappresenta i valori di ecosostenibilità e difesa dell’ambiente, riassunti nel concetto di “agreenment”. Un impegno che ha coinvolto gli studenti del Master di Laboratoriominiera in Art Direction & Copywriting del POLI.design, che sono partiti da una V60 per raccontare, con un’opera a metà strada tra tecnologia e natura, la voglia di far crescere un ambiente più sano e protetto. 

IN MOSTRA FINO A NOVEMBRE - Interessanti anche gli altri progetti, tutti illustrati al Volvo Studio, aperto l’anno scorso proprio sotto i grattacieli di Piazza Gae Aulenti, a Milano, per avvicinare il pubblico al mondo della casa svedese attraverso esposizioni ed eventi. Si va dalla V60 a strisce di muschio verticali, che ricrea l’effetto di attraversamento di un viale alberato, a quella con disegni sul cofano e sul tetto che ricordano i circuiti dei computer, andando a formare il contorno stilizzato di una testa d’alce. La Volvo V60 con l’esecuzione vincitrice resterà esposta al Volvo Studio Milano e in visione al pubblico fino al prossimo mese di novembre.

Volvo V60
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
49
25
4
1
5
VOTO MEDIO
4,3
4.333335
84
Aggiungi un commento
Ritratto di manuval
6 settembre 2018 - 14:13
2
ecosostenibilità e difesa dell’ambiente.... darsi da fare per inventare un nuovo filtro o qualsiasi altro marchingegno che abbatta l' inquinamento era troppo difficile, più facile creare una fetta di pane con il pesto!! secondo me non glielo ha spiegato nessuno che l'auto in questione anche se la spalmi inquina lo stesso come prima e non la rende eco friendly
Ritratto di Dr.Torque
6 settembre 2018 - 14:16
Rispetto la studentessa che ha realizzato il lavoro ma il concetto di marketing che sta alla base del concorso è davvero misero. Per quanto ecologica l'auto è un oggetto lontanissimo dalla natura per definizione: è costruita dall'uomo con materiali artificiali e non incarna alcunché di naturale. Anzi dalla natura costituisce fuga e protezione e ne supera i vincoli. Per questo è stata creata.
Ritratto di Fr4ncesco
6 settembre 2018 - 15:25
Potevano adoperare il muschio per assorbire la CO2, come quei pneumatici sperimentali della Goodyear, così invece mi sembra una càgata pazzesca, non ci volevano mica dei cervelloni per mettere del muschio sulla carrozzeria. Il mio giardiniere con 10.000 lire lo faceva meglio!
Ritratto di Fr4ncesco
6 settembre 2018 - 15:28
Non si può scrivere cagàta ma intanto l'articolo sulla Corsa è invaso di troll.
Ritratto di Mbutu
6 settembre 2018 - 15:54
Forse vi sfugge il fatto che non stanno proponendo una soluzione tecnica per diminuire l'impatto ambientale delle auto. Si tratta di un'installazione artistica. Può piacere o non piacere ma è esclusivamente espressione di creatività.
Ritratto di manuval
6 settembre 2018 - 17:16
2
Credo che il concorso fosse volto ad altro scopo, ma se vogliamo parlare di arte è una cosa soggettiva, vero, ma se faccio una gara per raccogliere banane e mi portano fagioli a poco senso. Comunque discreta opera d' arte.
Ritratto di Mbutu
6 settembre 2018 - 18:29
Il concorso è inserito nell'ambito delle iniziative a favore di una maggiore sostenibilità ambientale che Volvo sta perseguendo: tipo aumento dell'elettrificazione della gamma o utilizzo di materiali di riciclo. Ma anche minor inquinamento nelle attività produttive e non legate al marchio. Questa opera serviva a "visualizzare" questo impegno in una installazione che coinvolgesse una v60 (fra l'altro è il modello plug-in). Quindi torniamo al punto di partenza: gran parte dei commenti qui sopra è stata fatta a sproposito.
Ritratto di Leonal1980
6 settembre 2018 - 21:24
3
Lascia stare, da questi articolicapisci il deficere di alcuni utenti bigotti e tamarri. Cmq concordo con te, e rispetto l'arte degli studenti.
Ritratto di manuval
14 settembre 2018 - 19:53
2
Bigotto e tamarro è chi non rispetta le opinioni altrui se e quando sono espresse in modo educato. Il fatto che a te piaccia non vuol dire che sei più aperto mentalmente e che tu sia minimamente più elegante solo perché scrivi insultando gli altri. Ti saresti distinto esprimendo il tuo pensiero, argomentando il perché ti piace. Ma l' eleganza non è da tutti.
Ritratto di Claus90
6 settembre 2018 - 16:18
Questa è arte contemporanea la studentessa ha immaginato un mondo più pulito e naturale, tutto ha senso se la volvo in questione è elettrica e a zero emissioni.
Pagine