NEWS

Il mercato crolla e Fiat fa i risultati migliori degli ultimi otto anni

14 maggio 2009

Vola al 10% la quota di mercato del gruppo Fiat in Europa Occidentale. Non si verificava da otto anni.

GALOPPANO LE IMMATRICOLAZIONI - Secondo il gruppo torinese, il risultato sarebbe ancora più rilevante se paragonato al resto del mercato che nell'ultimo periodo è crollato in media dell'11,6%. Con 116.300 vetture immatricolate, Fiat Group Automobile si pone al terzo posto nella classifica dei Costruttori in Europa.

DA OTTO ANNI MAI COSì BENE - “Si tratta di un risultato storico”, sottolineano dal Lingotto, “perchè era dall'aprile del 2001 che Fiat Group Automobile non saliva così in alto in Europa”. Da segnalare gli ottimi risultati in Germania, dove Fiat ha  più che raddoppiato i volumi e le quote di mercato, conquistando il primo posto fra gli importatori che operano nel Paese”.

APRILE DA RECORD - Buoni anche i dati sulle immatricolazioni. Nel solo mese di aprile l'azienda torinese ha realizzato un aumento del 5,7% raggiungendo una quota dell'8,1%, in crescita di 1,3 punti percentuali rispetto al mese precedente. A gonfie vele i risultati del Gruppo in Germania, in crescita i volumi del 150,5% con un miglioramento del 3,3%, attestandosi al 6,3%. Buoni riscontri anche dalla Francia: in un mercato che cede il 7,1%, Fiat si muove controcorrente e cresce dello 0,3%, portando la quota al 4%.

BENE ANCHE ALFA E LANCIA - Oltre al marchio Fiat, che ha ottenuto questi risultati soprattutto grazie a 500, Panda e Grande Punto, ci sono buone avvisaglie anche per il marchio Lancia, che non sempre ha goduto di buona salute ultimamente. Con quasi 10.800 immatricolazioni, registra un leggero miglioramento di quota (+0,9%). Alfa Romeo è cresciuta decisamente di più: con oltre 10 mila vetture immatricolate in Europa nel mese di aprile, segna un incremento del 5% rispetto all'anno precedente, con una quota di mercato che si porta allo 0,9%. Ottime indicazioni arrivano dalla Germania (vendite a +175,3%) e dal Regno Unito (+76,8% in un mercato che perde il 24%), Paesi dove il marchio di Arese ha sempre avuto  una decisa schiera di seguaci.

Aggiungi un commento
Ritratto di Montanelli
5 maggio 2010 - 16:01
gli afari in italia però sono andati molto male, crisi del gruppo Fiat.
Ritratto di caronte
31 gennaio 2013 - 11:39
che il trend positivo continui.