NEWS

Con il Tap le Volkswagen potranno guidare da sole

24 giugno 2011

Grazie all'integrazione delle funzioni del regolatore di velocità adattivo con quelle dell'assistente per il mantenimento della corsia, l'auto può frenare, accelerare e curvare da sola. L'obiettivo è ridurre gli incidenti dovuti alla distrazione.

OBIETTIVO SICUREZZA - Nell’ambito del convegno di ricerche HAVEit (Highly Automated Vehicles for Intelligent Transport) che si è tenuto in Svezia, la Volkswagen ha presentato un sistema di guida semiautomatico denominato Tap, acronimo di Temporary Auto Pilot. Secondo il reparto ricerche della  casa tedesca, guidato dal prof. Jürgen Leohold, questo dispositivo anticipa i futuri sistemi di guida automatizzata, nell'ottica di ridurre gli incidenti dovuti alla distrazione del guidatore.

FRENA E CURVA - Nel dettaglio, il Tap permette alla vettura di mantenere una velocità costante (fino a 130 km/h) e di restare all'interno della corsia desiderata senza che il guidatore debba intervenire su volante, acceleratore e freno. Un risultato ottenuto integrando le funzioni del regolatore attivo di velocità (che rallenta l'auto per mantenere le distanze di sicurezza) con quelle del Lane Assist che, grazie a una telecamera, “legge” la segnaletica stradale orizzontale e interviene sullo sterzo se la vettura devia dalla sua traiettoria.

ANCHE LA HONDA - La Volkswagen non ha ancora dichiarato quando renderà disponibile il Tap per le vetture di serie, ma non è il primo costruttore ad aver sviluppato un sistema di guida assistito del genere. La Honda propone un dispositivo simile per la berlina Accord: costa 2.500 euro e viene proposto con il pacchetto “Advance” che include il regolatore di velocità adattivo, il sistema di frenata automatico per evitare i tamponamenti e quello di mantenimento della corsia.



Aggiungi un commento
Ritratto di fogliato giancarlo
28 giugno 2011 - 00:26
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di osmica
28 giugno 2011 - 09:07
Tu vuoi tutto cio' che ti avvisa... E vuoi la telecamera notturna (per la quale devi guardare un monitor)? Mi pare alquanto contradditorio. I radar che frenano la vettura si stanno diffondendo anche in categorie inferiori alle sole ammiraglie (da serie 7, a serie 3 e 5; volvo s-v 60). Tu dici che il "cervello e' un computer imbattibile!" (bello in maiuscolo) - stupendo. E nello stesso commento scrivi che non vorresti l'"antialce" che ti ferma in quanto "dietro potrebbe esserci uno che non mantiene la distanza di sicurezza e' investirmi"... Ma il cervello non era il meglio del meglio? Contradditorio? S... Ripeto, oltre il 90% degli incidenti stradali e' dovuta al uomo! Solo il nostro cervello umano riesce a prendere le migliori decisioni! Lo vedo! Nei momenti di emmergenza assoluta, il cervello umano (l'uomo) puo' andare nel panico totale (quando una centralina non di certo): chi frena a tutta senza abs... chi si butta sulla sinistra per schivare un ostacolo che non ha visto perche' dstratto e intanto butta giu' uno scooter che stava conducendo correttamente sulla propria corsia... Gia'. E' colpa dei non corsi di guida sicura. Vediamo un po' la situazione nel campo degli aerei. Piloti che hanno fatto molti corsi, gente preparatissima e.... la maggior parte degli incdenti e' dovuta al uomo! Il corpo umano sara' una macchina stupenda, ma quanto a cervello non credo. Gia', "Errare humanum est, perseverare autem diabolicum", vale anche quando, per via di un momento di panico, abbiamo investito un'altra vettura? Anche quando eravamo distartti? O quando non abbiamo rispettato uno stop? O quando non abbiamo rispettato una velocita' alle condizioni della strada?
Ritratto di fogliato giancarlo
28 giugno 2011 - 16:18
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di osmica
28 giugno 2011 - 23:35
1) E' anni che dico lo stesso: prevenire, prevenire, prevenire. Come? Con corsi di guida sicuri, con test ben piu' seri ecc. In altri paesi europei devi fare tot ore di pratiche in citta', tot ore su extraurbana, tot h di notte, tot h sotto la pioggia e tot ore in autostrada e solo dopo vai all'esame! E in Italia? Con il foglio rosa non puoi andare in autostrada! Vietatissimo! Neppure con l'istruttore! Una volta che hai quel pezzo di carta (che mi permetto di chiamare permesso di condurre su strada) puoi andare da solo a 110 in autostrada: non avendo mai fatto questa strada: come si usa la corsia di accelereazione? Boh... Proviamo! Vediamo cosa succede!... (gia', c'e' l'hanno anche le extraurbane principali! Ah no... Vietatissime anche quelle!). Corsi di guida sicuri obbligatori? Magari! 2) Ma attenzione: non devi considerare solo i ragazzi odierni, ma anche i ragazzoni da 30, 40, 50 e 60 anni. La stragrande maggioranza guida in maniera irresponsabile. E il loro studio non era molto diverso dai giovani d'oggi. Certo, se si e' fatto troppo poco, ben venga migliorare, fare di piu' (perlomeno, cercare di fare qualcosa in piu' - ma mi pare che si calma piatta. Anzi... si e' fatto la super legge del rapporto peso potenza.... Come se fosse una soluzione a qualcosa. E il problema resta. E intanto l'economia gira inq aunto bisogna comprare una 2a vetture per il figlio neopatenttao; quella a casa e' troppo potente, per il peso) 3) In molti altri paesi ci sono spot con incidenti stradali, filamti dei postumi di veri incidenti stradali. InItalia non si fa! Certi filmati (la verita' di che cosa succede se si guida in maniera irresponsabile - velocita', disattenzione, sabato sera...) sono trppo "duri". La mera verita'. Allora per prevenire fanno due cartoni con un coniglio e la sua carota (ironizzo, anche se non c'e' nulla da ironizzare). 3) I migliori aerei precipitano anche per colpa dell'elettronica. Certo. Lo stesso succedera' con le vetture, i treni, le imbarcazioni... Ma quando trovo dati Istat (sono da intendersi seri, non sono una ricerca fatta alla veloce), che oltre il 90% degli incidenti e' dovuta all'uomo mi dico: se le auto vossero guidate solo dall'elettronica (come quelle della Google) ci sarebbero molti meno incidenti. Certo, qualcuno ci sarebbe. Ma a fronte di 5 morti al giorno ci sarebbe solo 1 (dati inventati). Non sarebbe meglio? 4 famiglie distrutte in meno.
Ritratto di DaveK1982
27 giugno 2011 - 08:42
7
quando si è al volante, se sei stanco non guidi. Vai a velocità giuste, perchè se vai ai 150 e sbagli una curva non basta l'esp a salvarti. La tecnologia non può sostituire il cervello umano, almeno per ora. Sai per me quali tecnologie sarebbero utili? 1) limitare la velocità delle auto a 130 e 2) creare un sistema (forse usando il gps) che limiti dinamicamente la velocità delle auto in base ai limiti della zona, così in città tutti andrebbero ai 50 e non ci sarebbero pazzi che in autostrada vanno ai 200. Questo perchè piacere di guida non vuol dire andare forte. E comunque un'auto che curva al mio posto non mi interessa.
Ritratto di osmica
27 giugno 2011 - 09:21
Non ho mai affermato il contrario. Non ho mai affermato che l'esp fa miracoli ne risolve tutti i problemi. Anzi. Non si evince dal mio post precedente, ma la penso come scrivi tu. Seppur, al primo posto non e' il cervello umano (cioe' usare la testa) ma le leggi della fisica. Al secondo "l'usare la testa" e solo dopo i mille e' piu' "aggegi elettronici". Dico solo, perche' alle nuove innovazione nel fronte della sicurezza (dove ci sono persone ben pagate per farlo) bisogna sempre duramente criticare e affermare che il conducente e' il miglior pilota, quando la maggior parte degli incidenti sono dovuti (in un maniera o nell'altra) all'uomo?!? Di conseguenza, concordo anche con le tue idee sulla limitazione delle velocita' (avevo in mente idee simili), ma l'elettronica e' sempre ben accetata (es. la Lexus e' stata la prima Casa ha montare il sistema che "leggeva" la stanchezza del conduente, avvertendolo che e' stanco ed e' meglio fermarsi), ecc. E' anche indubbio che tanta elettronica fa diminuire il "piacere di guida", ma un conto e' farsi un giro per il piacee di guida (ma questo lo farei con una bella vettura storica) ed un conto e' usare quotidianamente la autovettura come mero mezzo di trasporto, che mi porta da A a B.
Ritratto di DaveK1982
27 giugno 2011 - 11:58
7
ma solo un pensiero sul fatto che per me una tecnologia come il tap sarebbe troppo "invadente". Anche solo l'auto che ti dice che sei stanco, ma ce n'è davvero bisogno? Possibile che non me ne rendo conto da solo? In definitiva la mia paura è anche che la gente sentendosi troppo "sicura" tenda a "deresponsabilizzarsi" al volante e inizi a guidare con troppa leggerezza e poca attenzione. Capisci cosa intendo? Ho paura di gente che potrebbe mettersi al volante con gli occhi a mezz'asta e pensare "tanto ho il tap". Insomma non vorrei che invece di aumentare la sicurezza nelle strade aumenti la "demenza" del guidatore.
Ritratto di osmica
27 giugno 2011 - 13:39
Ho capito quanto hai detto e neanche la mia era una critica ;) Hai ragione nel dire che non ci dovrebbe essere bisogno (es) nel dispositivo che ti dice che sei stanco, ma non tutti i conducenti si fermano (proprio due giorni fa ho visto i resti di un incidente con 6 morti a causa di una persona che si e' addormentata al volante). Gli "aggegi elettronici" non sono un rimedio a queste problemi, ma se usate bene, possono prevenire molti incidenti e cosi' anche tante vite umane. Come dici tu, "tanto ho il tap", sono completamente d'accordo. Lo stesso vale per l'esp ecc. Cmq il "tap" abbinato al cruise con radar di distanza (che nel caso freni) non lo vedo cosi' male. Del resto, la Google, ha vetture che guidano da sole (e non ho letto che hanno fatto qualche incidente)
Ritratto di Massimo126
25 giugno 2011 - 11:21
....cosi la sicurezza,e meno incidente!! meglio cosi!! speriamo bene andare avanti la prova!!!
Ritratto di Fede97
25 giugno 2011 - 19:06
... la carriera di automobilista scomparirà per sempre, poveri noi
Pagine