NEWS

VIDEO PROVA: l’indicatore di cambiata è utile?

4 aprile 2013

Suggerisce quando passare alla marcia superiore, ma fa davvero risparmiare?

VIDEO PROVA: l’indicatore di cambiata è utile?

LE INTENZIONI SONO BUONE - L’Unione Europea è decisa a ridurre i consumi di carburante ed emissioni inquinanti delle auto. Oltre a limitare in modo sempre più severo (con le varie normative Euro 5, Euro 6 eccetera) ossidi di azoto, monossido di carbonio e particolato, pone vincoli stringenti al rilascio di anidride carbonica dallo scarico. Questo gas, pur non essendo tossico, è ritenuto tra i responsabili dell’effetto serra. E non viene eliminato dai vari catalizzatori o filtri antiparticolato: l’unico modo per ridurlo è “tagliare” i consumi.

 
OBBLIGATORIO PER LEGGE  - Oltre a migliorare l’efficienza dei motori, i costruttori possono far leva sui componenti dell’auto come i pneumatici con bassa resistenza al rotolamento e sul comportamento degli automobilisti. Per esempio, da novembre 2012 tutti in modelli di nuova omologazione venduti in Europa (e da novembre 2014 su tutte le nuove vetture) devono avere l’indicatore di cambiata o, per dirla in inglese, Gear Shift Indicator (GSI). Questo dispositivo suggerisce quando passare al rapporto successivo per risparmiare carburante: più si tiene il motore giù di giri, meno quest’ultimo “beve”. 
 
 
LO ABBIAMO MESSO ALLA PROVA - I regimi di cambiata suggeriti dal GSI sono talmente bassi, che persino il guidatore più attento ai consumi guidando a orecchio “tirerebbe” di più le marce. Volete sapere alla fine quanto si risparmia? Basta dare un’occhiata a questa video-prova in cui abbiamo testato in città e fuori città una Peugeot 208 1.2 VTi. Tre gli stili di guida confrontati: uno sportivo, il secondo attento ai consumi e l’ultimo “fedele” alle indicazioni del GSI.
VIDEO


Aggiungi un commento
Ritratto di bravehearth
5 aprile 2013 - 12:29
;-) Scherzi a parte, mi pare che il servizio faccia proprio un confronto tra chi guida cercando di consumare poco, ma ignorando l'indicatore di cambiata e chi fa proprio come dice l'indicatore. Il guadagno c'è anche in quel caso
Ritratto di laghi72
5 aprile 2013 - 11:38
Com'è possibile consumare mediamente 14-15 km/l in città e 10 fuori città?? Semmai è il contrario, o no??
Ritratto di abarth1285
5 aprile 2013 - 16:44
1
..lo odio.. mio fratello ce l'ha sulla Cruze e non lo sopporto!! Sarà una mia fissa ma la marcia la cambio quando gira a me!! Capito Unione Europea?!?! :-)))
Ritratto di preoccupato
5 aprile 2013 - 19:07
Questi dell'unione europea si facciano gli affari loro,vediamo dopo il 2014 che cosa si inventano ,magari l'euro 7,8,9,etc,ma vadino a quel paese.
Ritratto di Bellafrance
5 aprile 2013 - 23:52
A me invece l'indicatore di cambiata (VW) è piaciuto. Indica marce alte e bassi regimi solo per piccoli carichi del motore con acceleratore poco premuto, richiedendo più potenza segnala di scalare. Fino ad arrivare a quando si chiede la massima potenza dove suggerisce la cambiata a regime di potenza massima. Ciao
Ritratto di davitonin
5 aprile 2013 - 23:58
1
l'esperimento delle cambiate è un'ottima iniziativa della rivista, anche i risultati lo giustificano, però il locutore dovrebbe essere più attento a non pronunciare le sillabe iniziate sopratutto con "b" e "p" molto vicino al microfono, altrimenti si sentono troppo gli impulsi microfonici che possono risultare fastidiosi, e possa addirittura distogliere l'attenzione della utenza interferendo nella ricezione del contenuto del servizio; purtroppo questo si sente spesso anche nei video dei saloni.
Ritratto di Facip
6 aprile 2013 - 09:54
Ma del piacere di guidare non parla più nessuno ? Come un automa devo cambiare quando me lo dice la macchina , distraendomi a guardare il cruscotto. A questo punto rendiamo obbligatorio il cambio automatico !
Ritratto di preoccupato
6 aprile 2013 - 10:28
Ma perchè non la smettano ,non siamo più liberi di fare quello che vogliamo,Il piacere di guida dove lo mettiamo?Perchè non costruiscono le auto ad idrogeno?che come inquinamento uscirebbe dallo scarico solo vapore acqueo?Invece complici anche i governi e le case automobilistiche a non sviluppare questo sistema di alimentazione ,anzicchè tartassare gli automobilisti alle restrizioni continue delle normative euro 6.
Ritratto di korandomp3
6 aprile 2013 - 13:39
Perchè scaricare le responsabilità??? Delegare alla macchina quando cambiare, quando frenare, effettuare il parcheggio, mantenere la distanza di sicurezza,restare in corsia.... più che la tecnologia avanza e minore capacità di guida è richiesta a chi usa la macchina...E quando questi dispositivi si guastano, cosa succede con un'incapace alla guida???? Sarebbe il casp che la gente prima di prendere la patente sapesse davvero guidare??? poi i dispositivi di sicurezza ben vengano, ma capperi, già adesso ci spono al volante eserciti di handicappati,. che non sanno sostituire una ruota di scorta, o conrollare il veicolo che sbanda su bagnato, neve o ghiaccio,gente che non sa cosa sia la distanza di sicurezza e perchè la si deve rispettare cosi come i limiti di velocità.....e poi gli effetti li sentiamo la sera ad ogni Tg!!!!!!!
Ritratto di biadar
7 aprile 2013 - 16:51
1
Ciao a tutti, io sono del parere che è un bel mezzo che ti permette di imparare bene l'uso dell'auto per consumare di meno... Infatti l'utilizzo del twinair deve essere molto diverso rispetto ad un'auto con motore tradizionale a 4 cilindri. Essendo un motore piccolo emette meno rumore di un 4 cilindri e verrebbe voglia di tirarlo ad orecchio molto su di giri.... in realtà quando si arriva a 2000 giri si può cambiare tranquillamente e passare a 1500 giri/min,,, perché essendo un turbobenzina la coppia ce l'ha molto già dai bassi regimi ed anche se l'orecchio consiglierebbe di tirare le marce, in pratica basta un regime di rotazione molto più basso per avere una ripresa pronta e veloce... Quindi non so come sono le altre auto con il GSI... ma una cosa è certa... sulla Punto Twinair mi ha aiutato a cambiare stile di guida per consumare meno... ed adesso a distanza di qualche mese dall'acquisto... ormai cambio ad orecchio quando consiglia il GSI... ma non lo guardo più ormai... :-)
Pagine