NEWS

VIDEO PROVA: l’indicatore di cambiata è utile?

4 aprile 2013

Suggerisce quando passare alla marcia superiore, ma fa davvero risparmiare?

VIDEO PROVA: l’indicatore di cambiata è utile?

LE INTENZIONI SONO BUONE - L’Unione Europea è decisa a ridurre i consumi di carburante ed emissioni inquinanti delle auto. Oltre a limitare in modo sempre più severo (con le varie normative Euro 5, Euro 6 eccetera) ossidi di azoto, monossido di carbonio e particolato, pone vincoli stringenti al rilascio di anidride carbonica dallo scarico. Questo gas, pur non essendo tossico, è ritenuto tra i responsabili dell’effetto serra. E non viene eliminato dai vari catalizzatori o filtri antiparticolato: l’unico modo per ridurlo è “tagliare” i consumi.

 
OBBLIGATORIO PER LEGGE  - Oltre a migliorare l’efficienza dei motori, i costruttori possono far leva sui componenti dell’auto come i pneumatici con bassa resistenza al rotolamento e sul comportamento degli automobilisti. Per esempio, da novembre 2012 tutti in modelli di nuova omologazione venduti in Europa (e da novembre 2014 su tutte le nuove vetture) devono avere l’indicatore di cambiata o, per dirla in inglese, Gear Shift Indicator (GSI). Questo dispositivo suggerisce quando passare al rapporto successivo per risparmiare carburante: più si tiene il motore giù di giri, meno quest’ultimo “beve”. 
 
 
LO ABBIAMO MESSO ALLA PROVA - I regimi di cambiata suggeriti dal GSI sono talmente bassi, che persino il guidatore più attento ai consumi guidando a orecchio “tirerebbe” di più le marce. Volete sapere alla fine quanto si risparmia? Basta dare un’occhiata a questa video-prova in cui abbiamo testato in città e fuori città una Peugeot 208 1.2 VTi. Tre gli stili di guida confrontati: uno sportivo, il secondo attento ai consumi e l’ultimo “fedele” alle indicazioni del GSI.
VIDEO
loading.......
Aggiungi un commento
Ritratto di biadar
7 aprile 2013 - 16:58
1
Inoltre il GSI montato sulla Punto Twinair è anche sensibile allo stile di guida che adotti in base alla pressione sull'acceleratore... Infatti se sto procedendo per consumare poco mi consiglia la cambiata ai bassi giri... ma se inizio a scalare e chiamarla in una guida sportiva... allora il consiglio di cambio marcia avviene molto più su di giri.... per avere in contemporanea sia potenza e coppia massima.... ma per evitare di consumare troppo ti consiglia di cambiare quando l'incremento di giri/min non giustifica un'aumento considerevole di velocità...
Ritratto di ForzaPisa
8 aprile 2013 - 13:22
Davvero interessante! Bellissima l'F40 sullo sfondo :D Cmq che lavorone montare tutta quell'attrezzatura! E io che all'inizio pensavo che alVolante rilevasse i consumi col computer di bordo dell'auto... Non male neanche i video (anche come montaggio): questi sono più interessanti di quelli di un suv in pista!
Ritratto di Focus55
9 aprile 2013 - 08:01
Io ce l'ho sulla Hyundai ix20 1.4 benzina e la differenza si nota in tutti gli stili di guida. E' ovvio che il tutto è a discapito della velocità e della sportività di guida, quando ce n'è la necessità non si badi ai consumi. E' una questione di priorità: la salute di tutti (leggi abbassamento dello smogh) è sicuramente una necessità primaria!
Ritratto di preoccupato
9 aprile 2013 - 08:30
Di consumo,non mi stancherei di ripetere,se vogliamo abbassare l'inquinamento,perchè sia lo stato con le politiche industriali,che i produttori delle case automobilistiche non sviluppino le auto ad idrogeno,e in contemporanea convertire le stazioni di rifornimento che ce ne sono una peste nel nostro paese rispetto all'Europa.IN STAZIONI AD IDROGENO?questa è la vera risposta all'inquinamento.
Ritratto di ForzaPisa
9 aprile 2013 - 10:17
@preoccupato: mah.. l'idrogeno non si trova in giro, ma va prodotto: e se lo fai usando centrali a carbone, petrolio o nucleari sei punto e a capo... inoltre è mooooolto infiammabile, difficile da trasportare dai luoghi di produzione ai distributori e richiede serbatoi assurdamente sicuri. Non mi sembra 'sta grande soluzione ora come ora..
Ritratto di preoccupato
9 aprile 2013 - 11:24
I pozzi di petrolio andranno fra 25 anni circa ad esaurirsi ,che facciamo andiamo a carbone?le batterie visto l'autonomia e la loro durata durata non faranno tanti progressi ,che faremo'??
Pagine